Stampa

SPECIALE UEFA EURO 2012

Italia e Spagna si giocano l'Europa

Gli azzurri chiamati a sorprendere ancora

Meno di un mese fa erano in pochi a crederci. Meno di un mese fa il calcio italiano ero quello degli scandali. Meno di un mese fa la fiducia in questa Nazionale non vedeva oltre il girone eliminatorio. E forse proprio perché non ci si aspettava quasi niente, oggi l'eccitazione è ancora maggiore. L'Italia di Cesare Prandelli ha sorpreso, ha vinto, ha conquistato. Ha sorpreso il mondo del calcio, che non dava questa squadra come una delle più quotate, lontana anni luce dai campioni del mondo di soli sei anni fa. Ha vinto una sfida con se stessa, prima ancora delle sfide sul campo, convincendosi di poter andare avanti, di poter essere tra le più forti. Ha conquistato la nuova fiducia del suo pubblico, del suo popolo, entusiasmato da una squadra capace di crescere partita dopo partita, e di dominare in match cruciali come quelli contro Inghilterra e Germania. Gli italiani hanno affollato le piazze, hanno seguito le partite dai maxi schermi, hanno tifato ed urlato di gioia tutti insieme. Ora ecco l'epilogo, ci siamo: è vigilia di finale, è vigilia di Italia-Spagna. Sembra la giusta chiusura di un cerchio: così come domenica 10 giugno si cominciava, così domenica 1 luglio si finisce. Stadio di Kiev, finale dei campionati europei Uefa 2012: l'Italia se la gioca con la Spagna. In tribuna ci saranno anche il premier italiani, Mario Monti, e quello spagnolo Rajoy.

L'ITALIA. L'ambiente azzurro è carico. Il capitano Gigi Buffon parla di "emozioni e fiducia come quelle del 2006". La Nazionale di Prandelli ha saputo trovare la propria strada partita dopo partita. Ha affrontato all'esordio proprio la Spagna, portando a casa un pareggio, ma soprattutto forte del bel calcio espresso. È tornata indietro contro la Croazia, per poi ritrovare le giuste motivazioni nella sfida decisiva contro l'Irlanda del Trap. E poi le partite da dentro o fuori hanno sancito la nascita dello "stile Italia". Dimentichiamo il catenaccio, i lanci lunghi dalla difesa, la squadra che aspetta. La Nazionale è cambiata, gioca un calcio diverso, gioca un calcio bello. Ha dominato l'Inghilterra per 120'; ha mostrato alla Germania lunghi tratti di grande calcio. È diventata una squadra con un'identità vera, con campioni capaci di trascinarla, attraverso il genio di Pirlo, l'inesauribile grinta di De Rossi, la fantasia e la classe di Cassano, la potenza finalmente esplosa di Balotelli, i voli, la tenacia del capitano, Buffon. Ha trovato il suo equilibrio tra la vecchia guardia ed i giovani, il futuro azzurro. Guidata da un allenatore capace di riprendere in mano una Nazionale a pezzi dopo Sudafrica 2010 e ricostruirla, con lavoro ed umiltà. Quella stessa umiltà con cui gli azzurri hanno affrontato ogni sfida di questo Europeo. La formazione che scenderà in campo domenica sarà la stessa delle ultime due sfide: il modulo resta il 4-4-2, Cassano e Balotelli in attacco, centrocampo con Pirlo, De Rossi, Marchisio e Montolivo a supporto delle punte; unico dubbio in difesa, con Barzagli e Bonucci centrali, Balzaretti a destra, Chiellini dovrebbe andare a sinistra, ma la presenza dello juventino non è assicurata. Al suo posto probabile Abate, a destra, con spostamento di Balzaretti a sinistra. Gli spagnoli meritano rispetto, ma non fanno paura.

GLI AVVERSARI. Nell'altra metà del campo, la nazionale campione d'Europa e del mondo. La Spagna di Del Bosque, la squadra forse più forte al mondo, capace di crescere moltissimo negli ultimi anni, tanto da affermare la propria supremazia agli Europei di quattro anni fa e raggiungere l'apoteosi ai mondiali del 2010. La Spagna è favorita, ma non è imbattibile. Ha fatto del possesso palla il suo marchio di fabbrica, può contare sulla classe di campioni come Iniesta, Xavi, Fabregas, Casillas, Xabi Alonso. Una squadra abituata a giocare per vincere, a non fallire gli appuntamenti che contano. Gli spagnoli hanno rispettato i pronostici che la davano favorita per difendere il titolo. Ora anche per loro, si chiude così come tutto era iniziato, Spagna-Italia.

LA LETTERA DEL PRESIDENTE NAPOLITANO. Agli azzurri anche l'incoraggiamento del Capo dello Stato Giorgio Napolitano. In una lettera inviata al ct Prandelli, il Presidente della Repubblica ha esaltato lo spirito di squadra della Nazionale ed ha espresso la sua vicinanza per la finale di domenica. A prescindere dal risultato, gli azzurri saranno ricevuti in Quirinale lunedì. A prescindere dal risultato, questa Nazionale non è più una Cenerentola. Le piazze italiane sono pronte a seguire gli azzurri con il fiato sospeso. L'Italia è pronta per il lieto fine.

di Gloria Di Sandro

- 30 Giugno 2012

Articolo scritto da Gloria Di Sandro
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Sport

"Corri Cures”. Da piazza della Libertà prende il via la corsa podistica di 13 Km

PASSO CORESE – Da piazza della Libertà prende il via la nona edizione della corsa podistica “Corri Cures – Trofeo Car Camper”. Domenica 15 ottobre alle ore 10 parte il...

Eventi&Cultura

Una mattina dedicata allo sport, alla salute e all’inclusione sociale: parte "Sport&Go[al]"

FIANO ROMANO – Bambini, ragazzi e genitori si incontrano tra il Palazzetto dello Sport e il campo sportivo Pertini per la quarta edizione di “Sport&Go[al]”: la mattinata dedicata al...

Sport

Al via il Granfondo Valle del Tevere-Memorial Massimo Gili

FIANO ROMANO – Ai nastri di partenza il Granfondo Valle del Tevere – Coppa Città di Fiano Rom...

Sport

Allo start di partenza la corsa “Il 5.000 degli amici”

PASSO CORESE – Una gara non competitiva serale aperta a tutti, senza limiti di età. Venerdì 21 luglio alle ore 19:30 parte la corsa “Il 5.000 degli amici” organizzata dall’Asd...

Sport

"Beach Volley Cup 2017": sette giorni per il torneo dedicato ai giovani

CASTELNUOVO DI PORTO – “Beach Volley Cup 2017”: all’ombra del palazzo del borgo parte il torneo che vedrà sfidarsi giovani nello sport più amato dell’estate. Le gare si svolgono dal 10 al 16 luglio dalle ore 20 in poi, con partite ogni trent...