Stampa

L'AVVOCATO RISPONDE

Videosorveglianza e privacy nei luoghi di lavoro

L'art. 4 dello Statuto dei Lavoratori: il Garante per la Protezione dei dati personali ribadisce il concetto con un provvedimento del giugno scorso

Qualora si rendesse necessario installare delle apparecchiature di videosorveglianza all'interno di un luogo di lavoro, occorrerà seguire la procedura di cui all'art. 4, co.II, della L.n. 300/70 (il c.d. "Statuto dei Lavoratori") il quale stabilisce che "gli impianti e le apparecchiature di controllo che siano richiesti da esigenze organizzative e produttive ovvero dalla sicurezza del lavoro, ma dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell'attività dei lavoratori, possono essere installati soltanto previo accordo con le rappresentanze sindacali aziendali, oppure, in mancanza di queste, con la commissione interna. In difetto di accordo, su istanza del datore di lavoro, provvede l'Ispettorato del lavoro, dettando, ove occorra, le modalità per l'uso di tali impianti".

Ebbene, a ribadire il concetto, ci ha pensato il Garante per la Protezione dei dati personali, con un provvedimento del 10 Giugno 2010: la questione del contendere nasce dalla denuncia fatta da un dipendente di una ditta individuale circa l'installazione di una webcam presso due distinti punti vendita della stessa ditta, in violazione della disciplina riguardante la protezione dei dati personali e della connessa normativa di settore in tema di controlli a distanza sull'attività dei lavoratori.

Nonostante la difesa del titolare della ditta, secondo cui l'impianto di videosorveglianza era stato posto in essere esclusivamente ai fini di sicurezza, per fungere da deterrente contro eventuali furti da parte dei clienti, che si erano peraltro già verificati in passato, e che era stato rappresentato ai lavoratori i quali avrebbero espresso un consenso orale ed infine che l'impianto sarebbe stato fatto funzionare sporadicamente e prevalentemente nei giorni in cui lo stesso titolare non era presente presso il punto vendita, il garante ha ritenuto illegittimo il trattamento dei dati personali effettuato a mezzo videosorveglianza da parte della ditta e ne ha disposto il blocco.

Ciò in virtù del fatto che, dagli accertamenti effettuati, non è stato dimostrato il rispetto della procedura del citato art. 4 della Legge n°300/1970 e dei principi contenuti nel provvedimento generale del Garante del 29 aprile 2004 in materia di trattamento di dati personali effettuati tramite sistemi di videosorveglianza e recentemente sostituito dal provvedimento generale dell'8 aprile 2010.

In particolare non è risultata esservi stata la completa informativa nei confronti dei  lavoratori interessati, e la stessa (informativa) è risultata addirittura assente all'esterno dei locali, per cui gli avventori interessati non erano consapevoli che stavano accedendo in una zona videosorvegliata.

Ciò in netto contrasto proprio con quanto stabilito dal Garante nel suo citato provvedimento: ossia il diritto per tutti i cittadini che transitano nelle aree sorvegliate di essere informati della rilevazione dei dati, anche con modelli semplificati, quali un cartello con un simbolo ben visibile, con l'indicazione di chi effettua la rilevazione delle immagini e per quali scopi.

Avv. Marco Valerio Verni

- 20 Agosto 2011

Dott. Marco Valerio Verni

Articolo scritto da Avv. Marco Valerio Verni
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

L'esperto risponde

Una analisi sul panorama del diritto di famiglia: tra civil partnership, matrimoni gay ed adozioni da parte di omosessuali

Nelle ultime settimane si è riacceso, semmai si fosse sopito, il dibattito sulle “civil partnerships” e sull’adozione da parte di coppie dello stesso sesso, e, su questa scia, sono avvenute le prime trascrizioni...

L'esperto risponde

Il Decreto Legislativo sulla Filiazione: un colpo di mano contro l’affido condiviso

Si è consumato nei giorni scorsi, ad opera del Governo Letta, un colpo di mano contro il c.d. affido condiviso che, invece di veleggiare verso una applicazione più concreta nei fatti ed ancor più equilibrata nel dato normativo...

Editoriale

Illecito sportivo ed obbligo di denuncia: cosa accade a chi sa e non parla

Prendendo spunto dai recenti (e non) fatti di cronaca sportiva, il dato che emerge è che l’altro grande tema che riguarda i calciatori coinvolti nelle vicende del “calcioscommesse” è quello della c.d. omessa denuncia. Infatti, a mente dell’art. 7 comma 7 del Codice di Giustizia Sportivo: “I soggetti di cui all’art. 1, commi 1 e 5 (ossia le società, i dirigenti, gli atleti, i tecnici, gli ufficiali di gara e ogni altro soggetto che svolge attività di carattere...

Editoriale

Il divieto di effettuare o ricevere scommesse del calciatore professionista (e non solo)

La vicenda del giocatore Stefano Mauri che sta tenendo banco in questi giorni è solo l’ultima di una lunga serie che, negli anni scorsi, ha visto coinvolti tecnici, giocatori ed altre figure appartenenti (e non) al mondo del calcio e collegate al triste fenomeno delle scommesse illegali. Una realtà, quest’ultima, che risale già agli anni 70’, allorquando per molti atleti era abitudine scommettere, direttamente o tramite loro amici (o complici), sui risultati...

L'esperto risponde

Il divorzio in Spagna: procedure più rapide e costi meno elevati

Succede in Romania, in Spagna, in Francia, in Inghilterra dove concretamente i cittadini italiani possono divorziare in modo rapidissimo e a basso costo, risparmiando soldi tempo e stress...