Stampa

PAROLA DEL SIGNORE

Il Vangelo di domenica di domenica 28 gennaio 2018

Il commento della IV Domenica del Tempo Ordinario è di Don Giacomo Falco Brini

Ed erano stupiti del suo insegnamento. Lo stupore, esperienza felice e rara che ci sorprende e scardina gli schemi, che si inserisce come una lama di libertà in tutto ciò che ci rinchiudeva e ci fa respirare meglio man mano che entra aria nuova e si dilatano gli orizzonti. Salviamo almeno lo stupore davanti al Vangelo, che è guardare Gesù e ascoltarlo, ma «attonitis auribus» (Regola di san Benedetto) con orecchio incantato, stupito, con occhio meravigliato; guardando come innamorati e ascoltando come bambini, pronti a meravigliarci, perché sentiamo parole che toccano il centro della vita e lo liberano. I quattro pescatori che chiama di lì a poco, non sono pronti, non sono preparati alla novità, come non lo siamo noi. Ma hanno un vantaggio: sono affascinati dal giovane rabbi, sono sorpresi, come per un innamoramento improvviso, per un'estasi che sopraggiunge. Gesù insegnava come uno che ha autorità. Autorevoli sono soltanto le parole di chi è amico della vita; Gesù ha autorità perché non è mai contro l'uomo ma sempre in favore dell'uomo. Autorevoli sono soltanto le parole di chi è credibile, perché dice ciò che è ed è ciò che dice; quando il messaggero e il messaggio coincidono. Così per noi, se non vogliamo essere scribi che nessuno ascolta, testimoni che non convincono nessuno, è importante dire il Vangelo, perché un seme che fruttifica senza che tu sappia come, ma più ancora farlo, diventarlo. E spesso i testimoni silenziosi sono i più efficaci ed autorevoli. «Sono sempre i pensieri che avanzano con passo di colomba quelli che cambiano il mondo» (Camus). C'era là un uomo posseduto da uno spirito impuro, prigioniero di qualcosa più forte di lui. Ed ecco che Gesù interviene: non parla di liberazione, libera; con pronuncia discorsi su Dio o spiegazioni circa il male, ma si immerge come guarigione nella vita ferita e mostra che «il Vangelo non è un sistema di pensiero, o una morale, ma una sconvolgente liberazione» (G. Vannucci). Mostra che Dio è il liberatore, che combatte contro tutto ciò che imprigiona l'uomo. I demoni se ne accorgono: che c'è fra noi e te Gesù di Nazaret? Sei venuto a rovinarci? Sì, Gesù è venuto a rovinare tutto ciò che rovina l'uomo, a demolire prigioni; a portare spada e fuoco contro tutto ciò che non è amore. A rovinare il regno degli idoli che divorano il cuore dell'uomo: denaro, successo, potere, egoismi. Contro di loro Gesù pronuncia due sole parole: taci, esci da lui. Tace e se ne va questo mondo sbagliato; va in rovina, come aveva sognato Isaia, perché nasca un mondo altro. Vanno in rovina le spade e diventano falci; vanno in rovina le lance e diventano aratri. Si spezza la conchiglia, ma appare la perla. (commento di Padre Ermes Ronchi)

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 1,21-28

Andarono a Cafarnao e, entrato proprio di sabato nella sinagoga, Gesù si mise ad insegnare.
Ed erano stupiti del suo insegnamento, perché insegnava loro come uno che ha autorità e non come gli scribi.
Allora un uomo che era nella sinagoga, posseduto da uno spirito immondo, si mise a gridare:
«Che c'entri con noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci! Io so chi tu sei: il santo di Dio».
E Gesù lo sgridò: «Taci! Esci da quell'uomo».
E lo spirito immondo, straziandolo e gridando forte, uscì da lui.
Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: «Che è mai questo? Una dottrina nuova insegnata con autorità. Comanda persino agli spiriti immondi e gli obbediscono!».
La sua fama si diffuse subito dovunque nei dintorni della Galilea.

IL COMMENTO DI DON GIACOMO FALCO BRINI: "CHE COSA E' MAI QUESTO?". Gesù era un maestro itinerante. Non aveva una parrocchia. Ma insegnava anche nelle parrocchie che, presso il suo popolo a quei tempi, erano le sinagoghe. Marco ci racconta di un sabato nella sinagoga di Cafarnao. In realtà, l'episodio serve a ricordarci quanto accadeva quasi sempre durante la predicazione del Signore. Tra gli astanti c'era chi si lasciava raggiungere dalla parola di Dio che apriva il loro cuore a uno sconvolgente stupore. E c'era chi, invece, alla stessa parola udita, reagiva con colorazioni di sentimenti avversi percependola come una minaccia, quando non ci si trovava in un caso peggiore (possessione) come quella dell'uomo del Vangelo di oggi. Perché? Perché dove arriva Gesù, il diavolo non può più trovarsi a suo agio: è costretto a manifestarsi e ad andarsene. E' poi veramente curioso che, prima dell'arrivo di Gesù, l'uomo posseduto dal maligno se ne stesse tranquillamente in sinagoga, dove satana non dovrebbe essere di casa, e senza che nessuno si accorgesse del suo grave problema! (Mc 1,23). Non esiste un luogo sacro che possa renderci immuni dal maligno. E' nel cuore dell'uomo che si fronteggiano lo spirito di Dio e lo spirito del male. Se il Vangelo va sempre rintracciato nella vita concreta, cosa diremo in proposito? Non esito a dire che satana si trova anche in chiesa, persino mentre si celebra messa! Anche oggi, l'uomo (o la donna) che trasmette la parola di Dio suscita meraviglia in tanti, ma disturba parecchio la quiete satanica di altri!

GESU' E' PIU' FORTE E SPEZZA SEMPRE LA SIGNORIA DI SANTANA SULL'UOMO. Che vuoi da noi Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? - grida il demonio pieno di rabbia che si ritrova scoperto e spacciato (Mc 1,24a). Davanti alla luce di Cristo, satana, il padre della menzogna, è costretto a “servire” la verità: non può infatti esserci niente in comune tra lui e Gesù. Interessante è che parli al plurale, come una voce che rappresenta tutti i suoi seguaci. Non esiste solo il regno di Dio con i suoi angeli. Esiste anche il regno del “principe” di questo mondo con i suoi servitori. Sappiamo che molti non credono che il male sia una persona: molti non credono che il diavolo esista forse perché fa comodo pensarlo. Poi ci sono quelli che credono che esista, ma lo vedono così dappertutto che alla fine viene da chiedersi se credano davvero al Vangelo, il quale ci attesta che Gesù è il più forte e il diavolo gli obbedisce. Nell'uno e nell'altro caso costoro fanno un gran servizio a satana che tiene in piedi il suo regno o nell'agire di nascosto, oppure nel far parlare di sé più del necessario; come è avvenuto ad esempio con il film “L'esorcista” di W. Friedkin (1973) dove, a parte il portare alla conoscenza di un più vasto pubblico la crudezza di ciò che accade realmente negli esorcismi, il finale con la morte dell'esorcista e del suo aiutante lascia lo spettatore nel dubbio/presagio che possa essere satana il vincitore nella lotta con Cristo. Il Vangelo ci presenta invece Gesù come Colui che spezza sempre la signoria di satana sull'uomo e sul mondo: Gesù è la rovina di satana e del suo regno!

NON BASTA SAPERE CHE DIO ESISTE, BISOGNA APPARTENERGLI. Io conosco chi tu sei: il Santo di Dio! (Mc 1,24b) Anche il diavolo è un “credente”: sa chi è veramente Gesù. Eppure S. Giacomo, nella sua lettera, invita a non credere come il diavolo (Gc 2,19). Non basta sapere che Dio esiste e che sia lo stesso Gesù Cristo. Bisogna appartenere a Lui, bisogna lasciarsi trasformare dall'azione del suo spirito. E il suo spirito, ancora oggi, lavora per scacciare satana dalle nostre vite (Mc 1,25), perché dietro ad ogni schiavitù, ad ogni infelicità, ad ogni fame di potere e successo, ogni avidità di ricchezze, dietro ogni volontà di dominio sugli altri, ogni odio, ogni mancanza di riconciliazione, ogni giudizio accusatorio degli altri, dietro ogni idolatria...c'è il diavolo, il ragno che tesse incessantemente la velenosa tela che intrappola le nostre vite. E lo spirito impuro, straziandolo e gridando forte, uscì da lui (Mc 1,26). Satana fa sempre un gran chiasso quando è smascherato. Il suo potere è forte fin quando rimane nascosto. Il gran rumore che fa è proprio il segnale che sta perdendo la battaglia. Resiste fino all'ultimo per cercare di impaurire chi gli si oppone, ma inutilmente. Che è mai questo? Un insegnamento nuovo, dato con autorità. Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono! (Mc 1,27) Il Vangelo si apre con lo stupore della gente davanti alle parole di Gesù e si chiude con altrettanto stupore davanti all'autorità di esse sul mondo dei demoni. Chi ascolta la parola di Gesù dandogli l'autorità che gli spetta, sperimenta e sperimenterà sempre la potenza liberante che essa ha, anche se il Signore non lo sottrarrà mai alla fatica della drammatica lotta con il maligno. Ma chi (come oggi avviene abbondantemente) diserta l'Eucarestia e ogni altra riunione dove viene annunciata la parola di Dio, chi abbandona la preghiera come relazione personale con Lui, chi si allontana da sacramenti, riconoscendo piuttosto l'autorità alle parole di altre persone sulla propria vita, non si stupiscano se in loro non si manifesta la potenza di Cristo Gesù: come disse il profeta essi hanno abbandonato me, la sorgente d'acqua viva, per scavarsi delle cisterne screpolate che non contengono l'acqua (Ger 2,13).

Il commento al Vangelo è di Don Giacomo Falco Brini 

- 26 Gennaio 2018

Articolo scritto da Redazione TevereNotizie
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 11 novembre 2018

L'offerta di quella donna è un vero e proprio olocausto, un dono totale... tutto quanto aveva per vivere equivale alla sua vita. Non c'è un dopo nella sua storia, la sua è una offerta totale...

Per l'anima

Il Vangelo del 1 novembre 2018

La santità è semplice. Perché è quotidiana. Fa parte della vita di ciascuno, delle sue normali azioni, delle conversazioni solite, delle relazioni fra le persone. La costruiamo giorno dopo giorno...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 4 novembre 2018

Ma cosa vuol dire amare "come se stessi"? Bisogna, appunto, guardare Gesù per poterlo capire. Lui infatti sa indicarci qual è il vero amore per noi stessi. Non di rado l'ignoranza in...

Per l'anima

I messaggi del mese di ottobre 2018 della Regina della Pace

"Cari figli! Voi avete la grande grazia di essere chiamati ad una nuova vita attraverso i messaggi che io vi do. Figlioli, questo è tempo di grazia...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 12 agosto 2018

I giudei si misero a mormorare perché aveva detto: io sono il pane disceso dal cielo, il pane della vita. Dio è disceso dal cielo, il mondo ne è gravido. È dentro di te, intimo a te come...