Stampa

PAROLA DEL SIGNORE

Il Vangelo di domenica 9 agosto 2009

Il commento che segue il testo del Vangelo è di Don Nazzareno Marconi

L'evangelista  Giovanni continua il discorso su Gesù pane di vita eterna. E' un insegnamento eucaristico e salvifico nello stesso tempo: eucaristico perché Gesù consegna agli Apostoli e all'umanità l'Eucarestia, sacramento di salvezza, che si concretizza nel pane e nel vino della messa e salvifico perché le parole di Gesù, ascoltate e messe in pratica, conducono alla vita eterna, quindi alla pienezza della realizzazione della vita umana, colmandola di senso e di  gioiosa santità. L'acclamazione al Vangelo esplicita molto bene il senso di quanto affermato da Gesù.

Acclamazione al Vangelo
(Gv 6,51)

Alleluia, alleluia.
Io sono il pane vivo, disceso dal cielo, dice il Signore,
se uno mangia di questo pane vivrà in eterno.
Alleluia.

Dal Vangelo secondo Giovanni
(Gv 6,41 - 51)

In quel tempo, i Giudei si misero a mormorare contro Gesù perché aveva detto: «Io sono il pane disceso dal cielo». E dicevano: «Costui non è forse Gesù, il figlio di Giuseppe? Di lui non conosciamo il padre e la madre? Come dunque può dire: "Sono disceso dal cielo"?». Gesù rispose loro: «Non mormorate tra voi. Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell'ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: "E tutti saranno istruiti da Dio". Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. In verità, in verità io vi dico: chi crede ha la vita eterna. Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia. Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».

IL COMMENTO AL VANGELO DI DON NAZZARENO MARCONI. Diede loro da mangiare un pane dal cielo. In questo tempo di vacanza vale la pena di dedicare qualche sforzo alla riflessione sulla parola di Dio. Il Vangelo di questa domenica e quello della prossima offre un interessante spunto per comprendere come nasca un testo evangelico, e come i risultati che emergono dagli studi degli esegeti sulla Bibbia, non siano poi così incomprensibili e difficili, almeno per chi li ascolti con un po' di buona volontà e pazienza, guardando con attenzione al testo evangelico che ha di fronte.

COMPRENDERE IL "PANE DI VITA". Il modo migliore per comprendere questo discorso sul pane di vita, che occupa gran parte del cap. 6 di Giovanni, è quello di riconoscere che si tratta molto probabilmente di un'omelia, certo basata sull'originale insegnamento di Gesù, ma elaborata estesamente da un predicatore della prima generazione cristiana e che Giovanni ha accolto nel suo vangelo. All'evangelista questo sicuramente sembrò un bel sistema per conservare varie frasi di Gesù, dette in momenti diversi, ma simili per tematica. La prova di quanto dico emerge dal confronto con gli altri Vangeli, che riportano varie di queste espressioni di Gesù presenti nel capitolo 6 di Giovanni, ma in contesti diversi da questo. Ciò non toglie che per trarre il massimo dalla lettura di questo brano evangelico, sia importante non distruggerne l'unità, anche se l'origine storica è certo composita. E' così facile notare che tutto il discorso si incentra su un testo biblico anticotestamentario: "diede loro da mangiare un pane dal cielo", ed è perciò una ulteriore dimostrazione della teoria dell'evangelista espressa varie volte nel capitolo precedente (Cfr Gv 5,39.46.47) che le Scritture spiegano la persona ed il mistero di Gesù. Il testo base è una combinazione libera, fatta probabilmente a memoria, di più citazioni dell'Antico Testamento:
- Es 16,4: «Ecco, io sto per far piovere pane dal cielo per voi»;
- Ne 9,15: «Hai dato loro pane dal cielo quando erano affamati»;
- Sal 78,24: «Fece piovere su di essi la manna per cibo e diede loro pane del cielo»;
- Sal 105,40: «...E li saziò con il pane del cielo».

L'ORDINE DELLE PAROLE. Questa omelia, basata su un testo biblico, segue la tecnica di quello che i Giudei chiamano midrash, infatti il testo segue l'ordine della frase biblica spiegata parola per parola. Si articola dunque in tre sezioni: Egli diede - pane dal cielo -da mangiare.
- Egli diede (vv. 26-34). In questa prima sezione la sottolineatura è tutta sul dare, sul donare. Gesù darà (vv.27.34), ma non come Mosè (v. 32) che diede una manna corruttibile, un cibo che non libera dalla morte, ma come dà il Padre, che dona sempre la vita eterna (v. 32). Gesù è dunque il donatore straordinario, il portatore della vera ricchezza per il suo popolo, molto più di Mosè. - Pane dal cielo (vv. 35-47). Il discorso ora si sposta al pane dal cielo, che Gesù non solo dona, ma che è veramente. Indefinitiva Gesù è il donatore di se stesso (vv. 35.38.41.42). Il verbo che in questa sezione appare con più frequenza e che quindi diventa più importante è "credere". Non si può ricevere il dono di Gesù, che è Lui stesso - pane dal cielo - senza la fede. Per questo la fede è ripetutamente richiesta (Cfr. vv35.36.40.47). Il dono di Gesù è innanzi tutto nutrimento per la nostra fede. Questa affermazione va compresa nello stesso senso in cui la Sapienza dell'Antico Testamento "nutriva" tutti coloro che l'accettavano (Prv 9,1-5). Un nutrimento che offre energia sufficiente a vivere secondo la legge di Dio. - Da mangiare  (vv. 48-59). In questa sezione finale abbiamo un nuovo cambiamento nei termini: le parole che ritornano con insistenza sono "carne", "sangue", "mangiare","bere". Basterebbe anche solo seguire la ripetizione costante di "mangiare" per rendersene conto (Cfr vv.49.50.51.52.53.54. 57. 58). Il significato del discorso è dunque in parte cambiato. Mentre nella sezione precedente Gesù nutriva, tramite la Parola sapiente, coloro che credevano, il verbo "credere" ora è totalmente sparito ed è sostituito da "mangiare". L'autore della nostra omelia sta ora chiaramente parlando di nutrimento sacramentale, del pane e del vino di cui ci si nutre, del nutrimento eucaristico fornito dalla carne e dal sangue del Figlio dell'Uomo (v. 53). Se la fede accoglie il dono di Gesù nell'ascolto e nella comprensione della sua Parola, l'esperienza del sacramento accoglie il dono di Gesù nel pane e nel vino dell'eucarestia, momento pieno di sacro mistero che ci mette in comunicazione"fisica" con Dio. Il v. 58 lega insieme l'omelia, riferendosi alla frase centrale del v. 31. "Questo è il pane disceso dal cielo, non come quello che mangiarono i padri vostri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno". Questa omelia, perciò, ha lo scopo di esporre in modo ricco e multiforme il tema di Gesù - pane-di- vita. Gesù è prima di tutto il datore del pane, un nuovo Mosè. Egli è anche il pane di sapienza e rivelazione che nutre tutti coloro che vanno a lui nella fede. Egli è, infine, la fonte eucaristica di vita eterna per tutti coloro che mangiano e bevono la carne e il sangue delFiglio dell'Uomo. Giovanni è così riuscito, a riunire in un solo capitolo gli elementi essenziali dell'Eucaristia cristiana: la parola e il pane, la parola rivelatrice dei vv. 35-47 e il pane sacramentale dei vv. 48-59.

Il commento a questo brano del Vangelo è di Don Nazzareno Marconi

- 07 Luglio 2009

Articolo scritto da Fabiana Chini
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 12 agosto 2018

I giudei si misero a mormorare perché aveva detto: io sono il pane disceso dal cielo, il pane della vita. Dio è disceso dal cielo, il mondo ne è gravido. È dentro di te, intimo a te come...

Per l'anima

I messaggi del mese di luglio 2018 della Regina della Pace

"Cari figli! Dio mi ha chiamata per condurvi a Lui, perché Lui è la vostra forza. Perciò vi invito a pregarLo e a fidarvi di Lui, perché Lui è il vostro rifugio da ogni male che sta in agguato e porta le anime lontano dalla grazia e dalla gioia alla quale...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 5 agosto 2018

Credere è come mangiare: chi di noi passando vicino a un panificio non è affascinato dal profumo che emana? Siamo conquistati dalla croccantezza della crosta come dalla...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 29 luglio 2018

Davanti a Dio siamo più propensi a fare obiezioni che a fidarci. Forse perché le proposte di Dio contengono una dose imprevista di irresponsabilità. Il Dio del rischio e della...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 22 luglio 2018

La pastoralità di Cristo nei nostri confronti si esercita per mezzo del ministero degli apostoli, che la scorsa Domenica abbiamo visto partire provvisti della sola assistenza della...