Stampa

PAROLA DEL SIGNORE

Il Vangelo di domenica 3 gennaio 2010

Il commento è di padre Antonio Rungi

In Gesù Dio si è reso visibile ed è venuto a cercare l'uomo per riscattare la Creazione. Ristabilire l'umanità come Creatura buona e santa è la missione di Cristo, tanto che Giovanni evangelista scrive che a chi accoglie Gesù viene dato il potere di diventare figlio di Dio, quindi conforme al disegno divino. L'uomo è stato creato re, felice, pacifico dominatore del mondo e tale deve ritornare nella pace di una vita vissuta serenamente. Sia esso un piccolo o un grande uomo non importa, ma ciascuno ha ricevuto dei doni e la gioia consiste nel realizzare il proprio progetto di vita per assaporare il senso del proprio esistere qui e ora. Essere figli di Dio significa santificarsi nella vita quotidiana, essere buoni secondo il progetto insito in se stessi e non andare all'arrembaggio, ma costruire, fare, amare le proprie giornate e le persone che s'incontrano. La vita eterna comincia qui. L'uomo è chiamato ad essere partecipe della vita divina, ovviamente non come Dio, e questa è la grande dignità di ogni persona. 

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 1,1-18

In principio era il Verbo,
e il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
Egli era, in principio, presso Dio:
tutto è stato fatto per mezzo di lui
e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.
In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;
la luce splende nelle tenebre
e le tenebre non l'hanno vinta.
Venne un uomo mandato da Dio:
il suo nome era Giovanni.
Egli venne come testimone
per dare testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.
Non era lui la luce,
ma doveva dare testimonianza alla luce.
Veniva nel mondo la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.
Era nel mondo
e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;
eppure il mondo non lo ha riconosciuto.
Venne fra i suoi,
e i suoi non lo hanno accolto.
A quanti però lo hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio:
a quelli che credono nel suo nome,
i quali, non da sangue
né da volere di carne
né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati.
E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi abbiamo contemplato la sua gloria,
gloria come del Figlio unigenito
che viene dal Padre,
pieno di grazia e di verità.
Giovanni gli dà testimonianza e proclama:
«Era di lui che io dissi:
Colui che viene dopo di me
è avanti a me,
perché era prima di me».
Dalla sua pienezza
noi tutti abbiamo ricevuto:
grazia su grazia.
Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè,
la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
Dio, nessuno lo ha mai visto:
il Figlio unigenito, che è Dio
ed è nel seno del Padre,
è lui che lo ha rivelato.

IL COMMENTO DI PADRE ANTONIO RUNGI. Cristo, Parola di Verità.

CHI E' GESU'. La parola di Dio della seconda domenica del tempo natalizio ci offre come riflessione principale il prologo del Vangelo di San Giovanni, il quarto vangelo, detto anche vangelo teologico. In esso troviamo un'approfondita analisi della figura e della missione del Cristo, unico Salvatore del mondo, partendo proprio dall'inizio di tutto, espresso nella premessa a tutto quello che l'apostolo prediletto del Signore ed evangelista ci dirà di Cristo nei capitoli successivi, avendo egli seguito passo passo Gesù, nel ministero pubblico e fino alla morte, risurrezione ed ascensione. Essendo stato più vicino al Signore, avendo percepito il battito del suo cuore, nell'ultima cena, l'evangelista Giovanni, mosso dal profondo amore a Cristo, fino ad essere l'unico presente alla morte del Signore sul Calvario, potè rileggere e quindi scrive con la sua forte esperienza di fede vissuta nei confronti del divino Maestro, chi era davvero Cristo e cosa ha fatto per noi. Egli è il Verbo del Padre, Lui ha rivelato il mistero dell'Amore di Dio, Lui si è fatto carne ed ha assunto su di sé la natura umana, Lui è venuto per portare la vera luce, quella che illumina ogni uomo, Lui ci ha donato la vera libertà, Lui ha vinto il peccato e la morte, Lui ci ha aperto il passaggio all'eternità e alla vera felicità. Il testo del Prologo del quarto vangelo è una sintesi straordinaria della teologia del Verbo Incarnato, dell'identità del Cristo della fede e della storia. Facendo riferimento a questo brano centrale della liturgia della parola di Dio, che è finalizzato a tenere l'alta l'attenzione sul mistero del Verbo Incarnato che abbiamo celebrato nel santo Natale, si comprendono i rimanenti testi della liturgia odierna, che già idealmente ci proietta verso la solennità dell'Epifania, come pregheremo nell'orazione iniziale della messa, la colletta: "Dio onnipotente ed eterno, luce dei credenti, riempi della tua gloria il mondo intero, e rivelati a tutti i popoli nello splendore della tua verità".

LA REDENZIONE. San Paolo apostolo, nel brano della lettera agli Efesini, ci riporta al contenuto essenziale della fede cristiana, che è Gesù Redentore. Egli è il centro di ogni cosa, il punto di partenza e di arrivo nell'ambito del divino. In lui trovano le ragioni della fede, dell'amore e della speranza quanti hanno aderito a Cristo con una risposta libera di fiducia filiale in Lui e di quanti vanno ancora alla ricerca del senso della propria esistenza e della propria vita. Si tratta di un testo di grande respiro teologico che ci apre alla speranza, ma che ci riporta alla nostra grande dignità di figli di Dio, mediante il dono della fede, nonostante le nostre debolezze e fragilità umane. Il mistero di Cristo, la sua venuta nella storia dell'umanità, la sua redenzione operata nel mistero della Pasqua hanno un senso e una valenza nella misura in cui noi aderiamo a Lui con una fede, che è abbandono totale in Lui che è nostra vita e nostra risurrezione. Il mistero dell'Incarnazione del Figlio di Dio, non è stata un decisione improvvisa da parte di Dio. Sappiamo che fin dall'eternità Egli ha pensato al bene dell'uomo e che per amore ha creato ogni cosa. E quando, per la nostra caparbietà e superbia, ci siamo incamminati nella via del rifiuto della supremazia di Dio nella nostra vita e nella nostra storia, generando il peccato d'origine, Dio non ci ha abbandonato alla nostra condizione, ma ha pensato da subito alla nostra redenzione. Lo comprendiamo alla luce sia del testo del Vangelo di oggi, sia anche dalla prima lettura, molto bella tra l'altro, ricavata dal Libro del Siracide, ove è posta l'attenzione alla Sapienza, che non è qualcosa astratto e astruso, ma è Qualcuno, anzi è Dio stesso che si avvicina all'uomo per parlare a lui il linguaggio dell'amore e della verità.

GESU' SALVATORE. Il disegno di Dio di salvare l'umanità, passa attraverso l'incarnazione del suo Figlio, Sapienza del Padre e Potenza del Padre. A Gesù vogliamo rinnovare il nostro grazie per quanto ha fatto per noi, sia nascendo povero tra i poveri e sia morendo da povero, nella sofferenza più atroce sul Calvario. Il legame inscindibile tra Incarnazione, Passione, Morte e Risurrezione del Signore lo si comprende alla luce di quanto abbiamo ascoltato e meditato in questa seconda domenica di Natale. Ora non ci resta altro che mettere in atto quanto Dio ci ha ispirato per la nostra personale santificazione e per la santificazioni di quanti il Signore ha affidato alle nostre cure spirituali, culturali, umane e sociali.   

Il commento è di padre Antonio Rungi

- 02 Gennaio 2010

Articolo scritto da Fabiana Chini
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 19 novembre 2017

Il Padrone consegna ai suoi servi, (che è un titolo onorifico, servo del Signore) ciò che ha di più caro, il suo regno: siamo noi. Un pò come dei genitori che consegnano la figlia amata allo sposo. I talenti...

Per l'anima

I messaggi del mese di ottobre 2017 della Regina della Pace

"Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito ad essere preghiera. Tutti avete problemi, tribolazioni, pene e inquietudini. I santi vi siano modello ed esortazione alla santità, Dio vi sarà vicino e voi sarete rinnovati con la ricerca e...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 12 novembre 2017

A quanto pare procurarsi l'olio all'ultimo momento non giova; è l'olio che rende evidente la saggezza e la stoltezza delle ragazze...

Per l'anima

La statua pellegrina della Madonna di Fatima sarà ospite in paese per una settimana

FIANO ROMANO – Una delle tappe dell’itinerario nazionale della statua pellegrina della Madon...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 29 ottobre 2017

Il primo amore, quello verso Dio, è di carattere totalizzante, e cioè con tutto se stessi, e il secondo, quello verso il prossimo...