Stampa

PAROLA DEL SIGNORE

Il Vangelo di domenica 22 novembre 2009

Solennità di Cristo Re dell'Universo: il commento della XXXIV Domenica del Tempo Ordinario è di Mons. Francesco Lambiasi

"Tale festività coincide con l'ultima domenica dell'anno liturgico, con ciò indicandosi che Cristo Redentore è Signore della storia e del tempo, a cui tutti gli uomini e le altre creature sono soggetti. Egli è l'Alfa e l'Omega, come canta l'Apocalisse" (Ap 21, 6). Gesù stesso, dinanzi a Pilato, ha affermato categoricamente la sua regalità. Alla domanda di Pilato: "Allora tu sei re?", il Divino Redentore rispose: "Tu lo dici, io sono re" (Gv 18, 37)".  Con queste parole, il Papa Pio XI introduceva questa festa, con l'Enciclica "Quas primas" dell'11 dicembre 1925, a coronamento del Giubileo che si celebrava in quell'anno. Sono passati più di ottant'anni e siamo arrivati al punto che il Crocefisso "dà fastidio", "viola la libertà dei non credenti". Non voglio polemizzare né m'interessano le polemiche perché sono nauseabonde. Adoro, invece, queste splendide parole di Gesù nel meraviglioso Vangelo di Giovanni: Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce. Questo basta.

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 18,33b-37

In quel tempo, Pilato disse a Gesù: «Sei tu il re dei Giudei?». Gesù rispose: «Dici questo da te, oppure altri ti hanno parlato di me?». Pilato disse: «Sono forse io Giudeo? La tua gente e i capi dei sacerdoti ti hanno consegnato a me. Che cosa hai fatto?».
Rispose Gesù: «Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai Giudei; ma il mio regno non è di quaggiù».
Allora Pilato gli disse: «Dunque tu sei re?». Rispose Gesù: «Tu lo dici: io sono re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce».

IL COMMENTO DI MONSIGNOR FRANCESCO LAMBIASI. Re di un popolo di re. Tu lo dici; io sono re. Un mondo nuovo, senza ingiustizie, senza violenze, senza sofferenze: chi non lo sogna? Solo Dio potrebbe realizzarlo. Ma, intanto, dov'è Dio nel nostro mondo? Dov'è il suo regno nella storia? Dove sono le tracce della sua presenza? Sono domande assillanti di credenti e non, e di noi cristiani, non meno di altri.

LA MISSIONE, IL MESSAGGIO, IL REGNO DI DIO. La missione di Gesù era cominciata con un messaggio stupefacente, concentrato in un annuncio solenne, in quell'esaltante grido di gioia: è scoccata l'ora del Regno di Dio! Questa è la notizia strabiliante, la buona novella, bella e lieta, che il profeta di Nazaret si sente inviato a comunicare a tutti, soprattutto ai poveri e ai malati, ai peccatori e agli esclusi. Questa è la causa per cui vive, la ferma speranza per cui si spende senza sosta e senza risparmio: Dio viene a regnare nella storia, in modo nuovo e definitivo. Viene per aprire un cammino sicuro verso la pienezza della vita e della pace. Di questo intervento decisivo di Dio a favore degli ultimi, degli oppressi e smarriti di cuore, Gesù non è solo il messaggero convinto e infaticabile; è anche il protagonista appassionato e tenace, accreditato da Dio stesso: è lui il Messia promesso e atteso. Mentre lo annuncia, egli inaugura effettivamente il Regno di Dio, e avvia la liberazione integrale dell'umanità, con i segni sorprendenti della salvezza, annunciata dai profeti: "I ciechi recuperano la vista, gli storpi camminano, i lebbrosi sono guariti, i sordi riacquistano l'udito, i morti risuscitano, ai poveri è annunciata la buona novella" (Mt 11,5). Ma, secondo Gesù, questa nuova, sovrana presenza salvifica di Dio nella storia non ha un carattere spettacolare, non comporta il trionfo eclatante della legge mosaica, né una fulminea, travolgente rivoluzione nazionale, e neppure si accompagna a sbalorditivi, terrificanti sconvolgimenti cosmici. Il Regno di Dio viene nella vicenda umile di Gesù di Nazaret e fa corpo con la sua stessa persona: è lui il Salvatore promesso, il liberatore definitivo, ma non si impone come un trionfatore inarrestabile sulla scena di questo mondo. Non è venuto per essere servito e riverito, ma per servire e dare la propria vita per la salvezza di tutti, per la vita del mondo. È compassionevole con i peccatori, ma non compiacente con il peccato; è mite e fragile come un agnello condotto al macello; porta le colpe dell'umanità e intercede per i suoi avversari.

LA MORTE, LA RESURREZIONE E LA SALVEZZA. Sappiamo come la storia sia andata a finire - sulla croce! - ma poteva finire diversamente? Il progetto del Regno, perseguito da Gesù, appariva alle folle piuttosto fumoso: non rispondeva alle attese di riscatto nazionale e di benessere materiale. Inoltre, mentre i farisei erano sempre più allarmati - perché, secondo loro, il Nazareno sovvertiva la Legge, violava il sabato e praticava la magia con la forza del demonio per traviare il popolo - sadducei e notabili erano in preda a irritazione e a crescente inquietudine per la sua contestazione inesorabile del sistema del tempio e dell'indotto commerciale ad esso collegato. Come poteva Gesù aspettarsi una sorte diversa da quella feroce persecuzione a cui fin dall'inizio dovette andare risolutamente incontro? Capiamo allora lo sbalordimento sbigottito di Pilato, pagano scettico e cinico funzionario politico, quando si vede davanti quello che gli deve essere sembrato un povero illuso, al massimo uno straccione illuminato, alquanto strano e tanto patetico! Realisticamente - avrà pensato il procuratore romano - deve trattarsi di un soggetto innocuo per l'impero di Tiberio, ma potrebbe risultare politicamente funesto per la mia carriera: come può arrogarsi un potere regale questo ennesimo pretendente messia, senza soldi e senza soldati, senza reggia e senza corte, senza trono e senza scettro, tradito dai suoi, scaricato dai capi, abbandonato da tutti? Meglio farlo fuori, e che non se ne parli più! La motivazione ufficiale della condanna capitale, secondo l'ambiguo cartiglio inchiodato sopra la croce, recitava testualmente: "Il re dei giudei" (Mc 15,26), cioè un ribelle politico. Ma l'erba non ha fatto in tempo a spuntare sulla tomba di quel re-messia sconfitto. E con lui risorto riparte la causa del Regno di Dio. Ciò che era cominciato in modo così promettente durante la vita pubblica ed era poi così miseramente finito sul Golgota all'ora nona di quel 14 di Nisan, ora viene ripreso con nuova e ben più potente efficacia. Il Regno di Dio è ormai esplicitamente impersonato in Gesù: Dio esercita la sua sovranità per mezzo del suo Figlio "il principe dei re della terra". Il vangelo del Regno, annunciato da Gesù, diventa il vangelo di Gesù, il "vangelo di Gesù Cristo, Figlio di Dio" (Mc 1,1): nasce la fede cristiana in Cristo re e Signore, e non c'è altro nome sotto il cielo in cui ci è dato di poter essere salvati.

GLI ASPETTI STORICO-TEOLOGICI: LO SGUARDO FISSO SU GESU'. Ma ora cerchiamo di sporgerci dal versante storico-teologico sull'abisso del mistero, e teniamo "lo sguardo fisso" su Gesù. Lo contempliamo mentre si presenta a Pilato come re di un regno che "non è di questo mondo". Questo non significa che Cristo sia re di un altro mondo, ma che è re in un altro modo. Insomma la contrapposizione tra la regalità di Cristo e i poteri mondani è fra due logiche di esistenza: la logica mondana poggia sull'ambizione e sulla competizione, combatte con le armi micidiali della paura, del ricatto e della manipolazione delle coscienze. La logica evangelica, invece, si nutre di umiltà e di gratuità, si fa strada con la non-violenza, si afferma silenziosamente ma efficacemente non con la verità della forza, ma con la forza della verità. Il potere umano spesso si fonda sulla prepotenza, sull'odio, sulla violenza; il regno di Cristo è un "regno di giustizia, di amore e di pace" (pref.). È nell'evento della croce che si è svelata la regalità di Cristo. Chi guarda la croce non può non vedere la sorprendente gratuità dell'amore: un amore che rimane fermo, totale, anche di fronte al rifiuto, e che appare come la conclusione di una vita spesa nella totale consegna di sé. Sul Calvario i passanti e i capi deridono quel Crocifisso di mezzo e gli lanciano la sfida: "Salva te stesso" (Mc 15,30s). Ma paradossalmente la verità di Gesù è proprio quella che in tono di scherno gli vomitano addosso i suoi avversari: "Non può salvare se stesso". Se Gesù fosse sceso dalla croce, sarebbe apparso come un re-messia come gli altri: lui invece è proprio per poter salvare gli altri che non può salvare se stesso. Così riconosce il buon ladrone, che lo supplica: "Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno" (Lc 23,42). L' "anima" del regno di Cristo è l'amore: per questo il dominio di Cristo non ci inibisce né ci reprime; ci libera, ci promuove. Cristo è un re che non ci riduce al rango di sudditi, ma ci eleva alla sua stessa dignità: "egli ci fa regnare con lui come sacerdoti al servizio di Dio Padre" (2ª lettura). Siamo un popolo di re: dei re che a loro volta non si fanno schiavi di nessuno, ma servi di Dio e di tutti. Perché servire per amore è regnare.

Commento di mons. Francesco Lambiasi
tratto da "Il pane della Domenica. Meditazioni sui vangeli festivi"
Ave, Roma 2008

- 20 Novembre 2009

Articolo scritto da Fabiana Chini
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 12 novembre 2017

A quanto pare procurarsi l'olio all'ultimo momento non giova; è l'olio che rende evidente la saggezza e la stoltezza delle ragazze...

Per l'anima

I messaggi del mese di ottobre 2017 della Regina della Pace

"Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito ad essere preghiera. Tutti avete problemi, tribolazioni, pene e inquietudini. I santi vi siano modello ed esortazione alla santità, Dio vi sarà vicino e voi sarete rinnovati con la ricerca e...

Per l'anima

La statua pellegrina della Madonna di Fatima sarà ospite in paese per una settimana

FIANO ROMANO – Una delle tappe dell’itinerario nazionale della statua pellegrina della Madon...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 29 ottobre 2017

Il primo amore, quello verso Dio, è di carattere totalizzante, e cioè con tutto se stessi, e il secondo, quello verso il prossimo...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 22 ottobre 2017

La trappola è ben congegnata: È lecito o no pagare il tributo a Roma? Stai con gli invasori o con la tua gente? Con qualsiasi risposta Gesù avrebbe rischiato la vita, o per la spada dei Romani, come istigatore alla rivolta, o...