Stampa

PAROLA DEL SIGNORE

Il Vangelo di domenica 20 agosto 2017

Il commento della XX Domenica del Tempo Ordinario è di Don Luigi Gioia

L'annuncio evangelico è rivolto a tutti anche se interpella per primi i pagani e approdano alla salvezza solamente coloro che vi aderiscono a cuore aperto, riponendo ogni speranza nelle parole del Signore e perseverando in esse per mezzo della fede, cioè dell'accoglienza libera e incondizionata. Che crede e agisce da credente, sarà salvato. Chi rifiuta deliberatamente la salvezza ha scavato da se stesso la propria fossa. Di queste e altre argomentazioni è stata capace una povera donna avente la figlia tormentata da un demonio, la cui saggezza e semplicità di cuore hanno dischiuso la mente di tanta gente alla verità sulla grazia di Dio. L'accoglienza della rivelazione del vero Dio e la fede nell'annuncio del Salvatore Gesù Cristo trasformano i "cani" in prediletti del Signore come nel caso di questa donna che è solamente un esempio di come Dio mostri misericordia verso tutti coloro che a lui si affidano. Lo stesso profeta Isaia ci ragguaglia del fatto che anche gli "stranieri" sono destinatari della salvezza mostrando l'universalità dell'amore di Dio nei confronti di chiunque sia disposto a credere e ad amare. (commento di Padre Gian Franco Scarpitta)

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 15,21-28


In quel tempo, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne.
Ed ecco una donna Cananèa, che veniva da quelle regioni, si mise a gridare: «Pietà di me, Signore, figlio di Davide. Mia figlia è crudelmente tormentata da un demonio».
Ma egli non le rivolse neppure una parola. Allora i discepoli gli si accostarono implorando: «Esaudiscila, vedi come ci grida dietro».
Ma egli rispose: «Non sono stato inviato che alle pecore perdute della casa di Israele».
Ma quella venne e si prostrò dinanzi a lui dicendo: «Signore, aiutami!».
Ed egli rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli per gettarlo ai cagnolini».
«E' vero, Signore, disse la donna, ma anche i cagnolini si cibano delle briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni».
Allora Gesù le replicò: «Donna, davvero grande è la tua fede! Ti sia fatto come desideri». E da quell'istante sua figlia fu guarita.

IL COMMENTO DI DON LUIGI GIOIA: "L'ESPERIENZA DEL RIFIUTO". Non si può non essere sorpresi di fronte alla durezza incomprensibile di Gesù con la cananea. Se quello che la donna mendicava fosse stato impossibile, Gesù avrebbe almeno potuto offrirle una parola di conforto, mostrare comprensione per la sua sofferenza. Sentiamo invece increduli venire per ben due volte dalla bocca di Gesù parole di noncuranza e di esclusione: prima non le rivolge neanche la parola, poi si limita ad affermare di non essere stato mandato per lei e infine la paragona ad un cane: Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini.
Non dobbiamo edulcorare queste asperità. Esse fanno parte della nostra esperienza nella relazione con il Signore e con la Chiesa. Anche oggi ci sono categorie di persone che la Chiesa fa fatica ad accogliere e che per questo si credono indegne di avvicinarsi al Signore e sono tentate di mettere da parte la fede. Basti pensare ai divorziati risposati o ai gay. Nei confronti di entrambe queste categorie di persone, la Chiesa ha un messaggio che emargina e colpevolizza. Da una parte essa dice che non sono escluse dalla sua sollecitudine pastorale, dall'altra, però, non permette loro di accedere alla comunione eucaristica e non sa fare altro che ridurle a quanto, nella loro situazione, essa dichiara essere moralmente non conforme al progetto di Dio sull'umanità. Queste persone, dunque, fanno la stessa esperienza della Cananea: a loro sembra che il Signore, che la Chiesa non rivolga neppure la parola o che, quando si esprime, sia solo per giudicarle. Escluse dalla comunione eucaristica, si sentono ripetere la stessa frase di Gesù: Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini.. Tale atteggiamento è fonte di scandalo e suscita incomprensione in fasce sempre più larghe della nostra società.
Sappiamo tutti che un divorzio è sempre una realtà molto dolorosa. Spesso solo ricostruendo una relazione con un'altra persona si sfugge all'abisso di solitudine nel quale la separazione fa sprofondare. Anzi, in molti casi, forti proprio della prima esperienza negativa, la nuova vita coniugale è più responsabile e matura. Allo stesso modo, quanti gay, proprio attraverso lo sforzo di costruire una relazione stabile, sono usciti dalla spirale di colpevolezza e di solitudine nella quale si sentivano rinchiusi. Una relazione, quando è vera, fa sempre crescere, perché è sempre una sfida, richiede sempre rinuncia a sé stessi per amore dell'altro. Paradossalmente, infine, è proprio tra queste categorie di persone che si incontra spesso la fede più profonda, il desiderio più vivo di una relazione con il Signore e di una vita di preghiera più autentica.
Il Vangelo di oggi, preso in tutta la sua durezza, la sua contraddizione, forse non dà una soluzione a questi problemi, ma certamente offre un messaggio di speranza.
Quale che sia l'esperienza di rifiuto alla quale siamo esposti, siamo invitati a non rinunciare mai ad una fede che deve sapersi fare audace e caparbia. La fede che il Vangelo ci offre come esempio supera tutti gli ostacoli, tutte le incomprensioni, tutti i rifiuti. Tutti, prima o poi, faremo l'esperienza della donna cananea. Avremo ad un certo punto l'impressione che il Signore non ci ascolta, che la Chiesa non ci capisce o che non riusciamo noi a capire cosa faccia il Signore, o cosa faccia la Chiesa. Un giorno o l'altro potrebbe succedere che il Signore, o la Chiesa, non ci rivolgano neanche la parola, rifiutino anche di guardarci o di ascoltarci e trattino noi o persone che ci sono care con disprezzo apparente, come fa Gesù nel Vangelo di oggi con la cananea. Tanti sono i santi che hanno fatto questa esperienza nella storia della Chiesa.
Saremo allora invitati ad imitare il coraggio e l'audacia della cananea. Contro ogni incomprensione, contro ogni apparenza di rifiuto, ostinatamente, caparbiamente, dobbiamo continuare a credere e a sperare. Questo loda Gesù alla fine, quando dice alla cananea con ammirazione: Donna, grande è la tua fede. Questa stessa donna che aveva ignorato e umiliato, ecco che Gesù la loda.
In cosa risiede la grandezza di questa fede? Gesù ha ignorato la cananea. Poi ha affermato di non poter fare nulla per lei. Poi l'ha addirittura umiliata, trattata come un cane, esclusa dal numero dei figli. Eppure la nostra cananea ha saputo sperare contro ogni speranza perché aveva intuito la verità sul cuore di Gesù, aveva capito che Dio è amore, che è fedele, che non poteva abbandonarla, non poteva non esaudirla.
A questo coraggio siamo convocati: sperare contro ogni speranza, credere contro ogni evidenza contraria. Laddove tutti, compresa la Chiesa, compreso Gesù stesso, possono sembrare a volte incapaci di offrire speranza, la fede invece persevera nella preghiera, continua a supplicare il Signore sicura di raggiungere il cuore di Dio, sicura dell'esito che alla lode aggiunge il miracolo:
Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri. E da quell'istante sua figlia fu guarita.

Il commento al Vangelo è di Don Luigi Gioia

- 17 Agosto 2017

Articolo scritto da Redazione TevereNotizie
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 12 novembre 2017

A quanto pare procurarsi l'olio all'ultimo momento non giova; è l'olio che rende evidente la saggezza e la stoltezza delle ragazze...

Per l'anima

I messaggi del mese di ottobre 2017 della Regina della Pace

"Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito ad essere preghiera. Tutti avete problemi, tribolazioni, pene e inquietudini. I santi vi siano modello ed esortazione alla santità, Dio vi sarà vicino e voi sarete rinnovati con la ricerca e...

Per l'anima

La statua pellegrina della Madonna di Fatima sarà ospite in paese per una settimana

FIANO ROMANO – Una delle tappe dell’itinerario nazionale della statua pellegrina della Madon...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 29 ottobre 2017

Il primo amore, quello verso Dio, è di carattere totalizzante, e cioè con tutto se stessi, e il secondo, quello verso il prossimo...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 22 ottobre 2017

La trappola è ben congegnata: È lecito o no pagare il tributo a Roma? Stai con gli invasori o con la tua gente? Con qualsiasi risposta Gesù avrebbe rischiato la vita, o per la spada dei Romani, come istigatore alla rivolta, o...