Stampa

PAROLA DEL SIGNORE

Il Vangelo di domenica 16 luglio 2017

Il commento della XV Domenica del Tempo Ordinario è di Don Luciano Cantini

Egli parlò loro di molte cose con parabole. Magia delle parabole: un linguaggio che contiene di più di quel che dice. Un racconto minimo, che funziona come un carburante: lo leggi e accende idee, suscita emozioni, avvia un viaggio tutto personale. Gesù amava il lago, i campi di grano, le distese di spighe e di papaveri, i passeri in volo. Osservava la vita (le piccole cose non sono vuote, sono racconto di Dio) e nascevano parabole. Oggi Gesù osserva un seminatore e intuisce qualcosa di Dio. Il seminatore uscì a seminare. Non 'un', ma 'il' seminatore, Colui che con il seminare si identifica, perché altro non fà che immettere nel cuore e nel cosmo germi di vita. Uno dei più bei nomi di Dio: non il mietitore che fa i conti con le nostre povere messi, ma il seminatore, il Dio degli inizi, che dà avvio, che è la primavera del mondo, fontana di vita. Abbiamo tutti negli occhi l'immagine di un tempo antico: un uomo con una sacca al collo che percorre un campo, con un gesto largo della mano, sapiente e solenne, profezia di pane e di fame saziata. Ma la parabola collima solo fin qui. Il seguito è spiazzante: il seminatore lancia manciate generose anche sulla strada e sui rovi. Non è distratto o maldestro, è invece uno che spera anche nei sassi, un prodigo inguaribile, imprudente e fiducioso. Un sognatore che vede vita e futuro ovunque, pieno di fiducia nella forza del seme e in quel pugno di terra e rovi che sono io. Che parla addirittura di un frutto uguale al cento per uno, cosa inesistente, irrealistica: nessun chicco di frumento si moltiplica per cento. Un'iperbole che dice la speranza altissima e amorosa di Dio in noi. Tuttavia, per quanto il seme sia buono, se non trova acqua e sole, il germoglio morirà presto. Il problema è il terreno buono. Allora io voglio farmi terra buona, terra madre, culla accogliente per il piccolo germoglio. Come una madre, che sa quanto tenace e desideroso di vivere sia il seme che porta in grembo, ma anche quanto fragile, vulnerabile e bisognoso di cure, dipendente quasi in tutto da lei. Essere madri della parola di Dio, madri di ogni parola d'amore. Accoglierle dentro sé con tenerezza, custodirle e difenderle con energia, allevarle con sapienza. Ognuno di noi è una zolla di terra, ognuno è anche un seminatore. Ogni parola, ogni gesto che esce da me, se ne va per il mondo e produce frutto. Che cosa vorrei produrre? Tristezza o germogli di sorrisi? Paura, scoraggiamento o forza di vivere? Se noi avessimo occhi per guardare la vita, se avessimo la profondità degli occhi di Gesù, allora anche noi comporremmo parabole, parleremmo di Dio e dell'uomo con parabole, con poesia e speranza, proprio come faceva Gesù. (commento di Padre Ermes Ronchi)

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 13,1-23


In quel giorno Gesù uscì di casa e si sedette in riva al mare.
Si cominciò a raccogliere attorno a lui tanta folla che dovette salire su una barca e là porsi a sedere, mentre tutta la folla rimaneva sulla spiaggia.
Egli parlò loro di molte cose in parabole. E disse: «Ecco, il seminatore uscì a seminare.
E mentre seminava una parte del seme cadde sulla strada e vennero gli uccelli e la divorarono.
Un'altra parte cadde in luogo sassoso, dove non c'era molta terra; subito germogliò, perché il terreno non era profondo.
Ma, spuntato il sole, restò bruciata e non avendo radici si seccò.
Un'altra parte cadde sulle spine e le spine crebbero e la soffocarono.
Un'altra parte cadde sulla terra buona e diede frutto, dove il cento, dove il sessanta, dove il trenta.
Chi ha orecchi intenda».
Gli si avvicinarono allora i discepoli e gli dissero: «Perché parli loro in parabole?».
Egli rispose: «Perché a voi è dato di conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato.
Così a chi ha sarà dato e sarà nell'abbondanza; e a chi non ha sarà tolto anche quello che ha.
Per questo parlo loro in parabole: perché pur vedendo non vedono, e pur udendo non odono e non comprendono.
E così si adempie per loro la profezia di Isaia che dice: Voi udrete, ma non comprenderete, guarderete, ma non vedrete.
Perché il cuore di questo popolo si è indurito, son diventati duri di orecchi, e hanno chiuso gli occhi, per non vedere con gli occhi, non sentire con gli orecchi e non intendere con il cuore e convertirsi, e io li risani.
Ma beati i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché sentono.
In verità vi dico: molti profeti e giusti hanno desiderato vedere ciò che voi vedete, e non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, e non l'udirono!».
Voi dunque intendete la parabola del seminatore:
Tutte le volte che uno ascolta la parola del regno e non la comprende, viene il maligno e ruba ciò che è stato seminato nel suo cuore: questo è il seme seminato lungo la strada.
Quello che è stato seminato nel terreno sassoso è l'uomo che ascolta la parola e subito l'accoglie con gioia,
ma non ha radice in sé ed è incostante, sicché appena giunge una tribolazione o persecuzione a causa della parola, egli ne resta scandalizzato.
Quello seminato tra le spine è colui che ascolta la parola, ma la preoccupazione del mondo e l'inganno della ricchezza soffocano la parola ed essa non dà frutto.
Quello seminato nella terra buona è colui che ascolta la parola e la comprende; questi dà frutto e produce ora il cento, ora il sessanta, ora il trenta».


IL COMMENTO DI DON LUCIANO CANTINI: "ASCOLTATE". La pagina evangelica di oggi ha tre sezioni distinte e diverse sia come origine e tema, raccolte insieme e che è bene considerare separatamente: la parabola del seminatore, il parlare in parabole, l'ascolto della Parola.

IL SEMINATORE. È importante soffermarsi sul soggetto della parabola: il seminatore. Gesù sta parlando di se stesso, o meglio dell'azione di Dio nella storia, della presenza e dell'attività misteriosa di Dio nel mondo e nell'uomo per liberarli dal male e condurli a un destino di salvezza. Si dice che il seminatore uscì a seminare: Da dove uscì colui che è in ogni luogo e riempie l'universo intero? Come uscì? Non materialmente, ma per una disposizione della sua provvidenza nei nostri confronti: si è avvicinato a noi rivestendo la nostra carne. Noi non potevamo andare a lui, perché i nostri peccati ce lo impedivano; allora è stato lui a venire a noi (San Giovanni Crisostomo). Per noi che vorremmo un Dio giudice, capace si salvare i buoni e di estirpare il male, non è un gran ché comprensibile l'immagine del Seminatore che getta il suo seme con abbondanza dappertutto incurante dei terreni sottostanti. Non toglie i sassi della storia, non estirpa i rovi dell'umanità, solo getta il suo seme lasciandolo a stesso e all'interazione col terreno. È incredibile come l'amore del Signore arrivi a rispettare le situazioni di ciascuno, anche quelle intrise di peccato, come lasci a ciascuno la responsabilità di se stesso e della propria crescita. Non si impone, non converte, non convince ma accompagna, si intrufola nel terreno di ciascuno, cerca una relazione, rischia il fallimento, prova a crescere e produrre frutto. Dio entra nella storia umana, va a cercare ogni terreno e ogni anfratto, esce da se stesso per essere a noi vicino mentre nella mentalità comune, ancora intrisa di paganesimo, è l'uomo che si illude di cercare Dio e si fa a lui incontro con pellegrinaggi, offerte e doni.

SARA' TOLTO ANCHE QUELLO CHE HA. La parabola termina con l'espressione: Chi ha orecchi, ascolti. Questa frase serve all'autore del vangelo per introdurre il tema «Perché a loro parli con parabole?». Le parabole hanno un doppio effetto, da una parte un linguaggio semplice facilmente comprensibile a tutti, dall'altra sospingere ad una riflessione che richiede la capacità di ascoltare oltre le parole. L'ascolto vero provoca una comunicazione profonda tra chi parla e chi pone l'orecchio, dietro le parole ci sono sentimenti, pensieri, idee ma più ancora c'è il cuore; l'ascolto vero mette in comunione i cuori. Lo stare a sentire crea solo illusioni, si ha l'impressione di aver capito e invece di arricchire impoverisce, invece di avvicinare allontana, invece di comunicare divide. Anche l'ascolto è un dono: Perché a voi è stato dato... Non c'è un merito particolare o una conquista personale, piuttosto la forza della comunione e della libertà. Se non c'è un cuore sensibile, è inutile qualsiasi impegno nel voler capire, chi si fida solo della propria intelligenza si troverà privato di ciò che crede di aver conquistato e raggiunto fidandosi delle sue forze. Tornando all'immagine della parabola quello che conta è l'interazione tra il terreno e il seme, tra colui che ascolta e chi ha seminato.

ASCOLTATE. È proprio il verbo ascoltare che apre la conclusione di questa pagina, ne è il dominante (è ripetuto cinque volte) e il discriminante. Ai discepoli Gesù chiede di "ascoltare" ciò che hanno già ascoltato. L'ascolto non termina mai perché è come un dono ricevuto che ha bisogno di essere accolto, interiorizzato, approfondito, fatto proprio. Nell'ascolto e nel riascolto il dono si immerge sempre più nel terreno della nostra vita per dare frutto. L'ascolto trova situazioni diverse tra loro che non possiamo giudicare - troppo facile puntare il dito contro i sassi o i rovi - forse neppure cambiare, piuttosto è necessario prendere coscienza del dono della Parola che abbiamo indiscutibilmente ricevuto e della nostra situazione come persone e comunità perché è in quella situazione che dobbiamo dare frutto. Nella dinamica della vita tutto può accadere ma non deve diminuire l'impegno ad ascoltare e intravedere, in ogni situazione, la possibilità di dare frutto all'ascolto. La caratteristica del buon ascolto e quella di colui che ascolta la Parola e la comprende. Comprendere dà il senso all'ascolto, e non significa capire, scoprire i significati quanto "contenere in sé, abbracciare, racchiudere [Treccani]". È l'atteggiamento di Maria che custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore (Lc 2,19).

Il commento al Vangelo è di Don Luciano Cantini

- 14 Luglio 2017

Articolo scritto da Redazione TevereNotizie
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 24 settembre 2017

Nel padrone della parabola è facile riconoscere Dio, e negli operai gli uomini, chiamati a "lavorare" per lui, a vivere in sintonia con lui. I primi...

Per l'anima

I messaggi del mese di agosto 2017 della Regina della Pace

"Cari figli! Oggi vi invito ad essere uomini di preghiera. Pregate fino a quando la preghiera diventi per voi gioia e incontro con l’Altissimo. Lui trasformerà il vostro cuore e voi diventerete uomini d’amore e di pace...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 17 settembre 2017

Il rapporto con Dio si manifesta nel perdono agli altri, il perdono è il luogo della rivelazione di Dio attraverso di noi e allo stesso tempo è anche il giudizio su di noi in quanto non perdonare significa che il Padre...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 10 settembre 2017

Quando qualcuno ci fa del male, ci ferisce, agisce male, Gesù ci chiede di avere il coraggio di correggerlo: 'Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va' e ammoniscilo...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 3 settembre 2017

Vi è una misura di dolore, di prova, di angoscia che non Dio, ma le circostanze della vita inevitabilmente ci somministrano. Essa comprende le amarezze, i dispiaceri...