Stampa

PAROLA DEL SIGNORE

Il Vangelo di domenica 11 ottobre 2009

Il commento della XXVIII Domenica del Tempo Ordinario è di padre Romeo Ballan

Nell'Antico Testamento la prosperità è una benedizione di Dio. Essa nasce dal lavoro svolto con onestà e saggezza, senza opprimere e dando il giusto salario all'operaio, essendo generosi con i bisognosi senza umiliarli. Al giorno d'oggi certi "genitori" dicono ai figli che è ora di farsi furbi, d'infischiarsene degli altri. Un tempo chi era ricco era uno che aveva lavorato tanto ed era stato bravo, aveva il "pallino" per gli affari, ma era una persona onesta. Oggi tanti sono ancora delle buone persone, ma i furbi e i mascalzoni stanno rovinando mezzo mondo (nel vero senso delle parole) mentre l'altra metà sana cerca di ripararlo. Speriamo che la Luce vinca sulle tenebre.

Dal libro della Sapienza
(Sap 7,7-11)

Pregai e mi fu elargita la prudenza,
implorai e venne in me lo spirito di sapienza.

La preferii a scettri e a troni,
stimai un nulla la ricchezza al suo confronto,
non la paragonai neppure a una gemma inestimabile,
perché tutto l'oro al suo confronto è come un po' di sabbia
e come fango sarà valutato di fronte a lei l'argento.
L'ho amata più della salute e della bellezza,
ho preferito avere lei piuttosto che la luce,
perché lo splendore che viene da lei non tramonta.
Insieme a lei mi sono venuti tutti i beni;
nelle sue mani è una ricchezza incalcolabile.

Dal Vangelo secondo Marco
(Mc 10,17-30)

In quel tempo, mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?». Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. Tu conosci i comandamenti: "Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, non frodare, onora tuo padre e tua madre"».
Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». Allora Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: va', vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!». Ma a queste parole egli si fece scuro in volto e se ne andò rattristato; possedeva infatti molti beni.
Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: «Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio!». I discepoli erano sconcertati dalle sue parole; ma Gesù riprese e disse loro: «Figli, quanto è difficile entrare nel regno di Dio! È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio». Essi, ancora più stupiti, dicevano tra loro: «E chi può essere salvato?». Ma Gesù, guardandoli in faccia, disse: «Impossibile agli uomini, ma non a Dio! Perché tutto è possibile a Dio».
Pietro allora prese a dirgli: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». Gesù gli rispose: «In verità io vi dico: non c'è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per causa mia e per causa del Vangelo, che non riceva già ora, in questo tempo, cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà». 

IL COMMENTO DI PADRE ROMEO BALLAN. La carità è l'anima della Missione. Riflessioni"Nel mondo c'è abbastanza per i bisogni di tutti, ma non abbastanza per l'avidità di ognuno" (Gandhi). Parole di un non cristiano, in sintonia con il severo insegnamento di Gesù circa l'uso dei beni materiali e il pericolo delle ricchezze. L'evangelista Marco accompagna il catecumeno e il discepolo alla scoperta progressiva della "bella notizia di Gesù, Cristo, Figlio di Dio" (1,1), rivelandone successivamente l'identità attraverso i miracoli e gli insegnamenti. Nella sezione centrale del suo Vangelo, Marco inserisce le richieste più esigenti della morale cristiana, che egli raggruppa intorno a tre temi: le condizioni per seguire Gesù (rinnegare se stessi, prendere la croce: 8,32-38); le esigenze della vita familiare (indissolubilità del matrimonio, amore e rispetto per i bambini: 10,2-16); l'uso dei beni materiali (il pericolo delle ricchezze, la ricompensa a chi lascia i beni terreni: 10,17-31).

LA FEDE. I tre temi sono scanditi da tre annunci della passione e della risurrezione (8,31; 9,31; 10,32-34); e sono inseriti tra due miracoli di Gesù che apre gli occhi di due ciechi: il cieco di Betsaida (8,22-25) e il cieco di Gerico (10,46-52). Significative sono le parole che Gesù dice a questo cieco: "Va', la tua fede ti ha salvato". Il cieco, guarito, diventa discepolo e segue Gesù. Nel Vangelo odierno, Marco dice che il cammino della morale cristiana -e quindi, la salvezza!- è "impossibile agli uomini, ma non a Dio!" (v. 27). Tutto è possibile a Dio, il quale ci apre gli occhi sul cammino da seguire e, con la fede, ci dà la forza di seguirlo.

LA COMUNIONE. Cristo invita a mettere al primo posto le persone, non i beni materiali; Egli è per i poveri, ma contro la povertà; non propone la povertà, ma la comunione; i beni hanno senso soltanto se sono segni e strumenti di incontro con gli altri, nella condivisione. Gesù non condanna in modo assoluto le ricchezze, non fa l'elogio della miseria e della fame, ma insegna come usare i beni: con onestà, giustizia e carità. Al giovane del Vangelo, che "possedeva molti beni" (v. 22) ed era un fedele osservante dei comandamenti (v. 20), il Maestro rivolge uno sguardo pieno d'amore (v. 21), invitandolo ad andare oltre l'osservanza della legge, a fare un salto di qualità: entrare, cioè, nella logica della carità e della condivisione dei beni con i poveri. In questo modo si afferma la propria libertà di fronte alle cose, che pure sono belle e buone, senza rimanerne dipendenti o prigionieri. Solo così la vita è vissuta con gratuità: come dono e condivisione con gli altri. Nella sequela del Signore si scopre la ricchezza e la gioia del Tesoro (v. 21).

LA SAPIENZA E LA CARITA'. L'uomo saggio (I lettura) scopre che la Sapienza che viene da Dio vale più delle ricchezze, più della salute e della bellezza (v. 9-10). La parola di Dio "viva, efficace" (II lettura), che scandaglia il senso delle cose e la profondità del cuore umano (v. 12), porta a capire che nel cristianesimo la virtù principale non è la povertà e neppure il lasciar tutto, ma la carità, intesa come donazione di se stessi e delle proprie cose per un servizio d'amore agli altri. Per questo la carità è l'anima della Missione: l'amore spinge alla missione e alla solidarietà. La carità è segno e strumento di comunione fra le Chiese, nello scambio di doni. (*)

LA MISSIONE. Le parole di Gesù al giovane ricco hanno una risonanza speciale nell'ottobre missionario: Va', da' ai poveri, vieni e seguimi... La missione è un andare, è sempre un uscire da se stessi, è gioire nella scoperta del Tesoro che riempie la vita, è sentire l'urgenza di comunicare tale esperienza, è scoprire che gli altri sono più importanti delle nostre cose, è condividere beni spirituali e materiali con i più bisognosi... È questa la missione che dà senso pieno alla vita e sapore nuovo alla famiglia umana. Ne danno testimonianza grandi missionari, che il calendario ricorda nel mese di ottobre: Francesco d'Assisi, Daniele Comboni, Giovanni XXIII, Teresa d'Avila, i santi martiri canadesi, Laura Montoya, Antonio Maria Claret...

PAROLA DEL PAPA.  (*) "La spinta missionaria è sempre stata segno di vitalità delle nostre Chiese (RMi 2)... Chiedo perciò a tutti i cattolici di pregare lo Spirito Santo perché accresca nella Chiesa la passione per la missione di diffondere il Regno di Dio e di sostenere i missionari, le missionarie e le comunità cristiane impegnate in prima linea in questa missione, talvolta in ambienti ostili di persecuzione. Invito, allo stesso tempo, tutti a dare un segno credibile di comunione tra le Chiese, con un aiuto economico, specialmente nella fase di crisi che sta attraversando l'umanità, per mettere le giovani Chiese locali in condizione di illuminare le genti con il Vangelo della carità". (Benedetto XVI - Messaggio per la Giornata Missionaria Mondiale 2009)

Il commento è di padre Romeo Ballan

- 08 Ottobre 2009

Articolo scritto da Fabiana Chini
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 12 novembre 2017

A quanto pare procurarsi l'olio all'ultimo momento non giova; è l'olio che rende evidente la saggezza e la stoltezza delle ragazze...

Per l'anima

I messaggi del mese di ottobre 2017 della Regina della Pace

"Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito ad essere preghiera. Tutti avete problemi, tribolazioni, pene e inquietudini. I santi vi siano modello ed esortazione alla santità, Dio vi sarà vicino e voi sarete rinnovati con la ricerca e...

Per l'anima

La statua pellegrina della Madonna di Fatima sarà ospite in paese per una settimana

FIANO ROMANO – Una delle tappe dell’itinerario nazionale della statua pellegrina della Madon...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 29 ottobre 2017

Il primo amore, quello verso Dio, è di carattere totalizzante, e cioè con tutto se stessi, e il secondo, quello verso il prossimo...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 22 ottobre 2017

La trappola è ben congegnata: È lecito o no pagare il tributo a Roma? Stai con gli invasori o con la tua gente? Con qualsiasi risposta Gesù avrebbe rischiato la vita, o per la spada dei Romani, come istigatore alla rivolta, o...