Stampa

IL GEOMETRA RISPONDE

Umidità, condense ed infiltrazioni in casa

Quali sono le cause e chi deve intervenire?

Umidità, condense, infiltrazioni, risalita capillare (osmosi): siamo nel periodo estivo e questi fenomeni (non tutti) regrediscono o, quanto meno, non aumentano (ci sono eventi che, invece, nei periodi caldi e meno piovosi aumentano). Sarebbe però il momento propizio per conoscerli e risolverli prima che, con l'autunno e poi l'inverno, proliferino nuovamente.

IL PROBLEMA. Molto spesso, all'interno delle nostre abitazioni, veniamo sorpresi da strani fenomeni che prima ci infastidiscono perché sgradevoli, poi ci creano dei problemi per la normale vivibilità degli ambienti che quotidianamente ci ospitano. A volte si manifestano con veri e propri disagi per l'improvviso gocciolamento di acqua o perché, aprendo gli armadi, con immenso stupore troviamo i nostri abiti, borse o scarpe rovinati dalla muffa. Anche libri e schedari vengono aggrediti da questo fenomeno per non parlare poi di coperte e lenzuola nei letti che, alla sera, sono sempre umidi anziché accoglienti per il dovuto riposo.

CHI DEVE INTERVENIRE. Nella quasi totalità dei casi interpelliamo l'amministratore del condominio che chiederà ad una persona competente. Al sopralluogo successivo l'esperto, che spesso è il muratore o il pittore di fiducia (non è frequente l'interpello di un tecnico competente), dirà (lo sento quasi quotidianamente): "signora, lei  non apre abbastanza le finestre", "questo è un problema interno all'appartamento e lo deve risolvere a sue spese", "dovete accendere di più i termosifoni", "dopo qualche anno in tutte le case avviene e dovete pitturare con antimuffa", "dovete fare i fori e mettere le rosette ai muri", "se siete tutto il giorno fuori per lavoro dovete lasciare le finestre aperte perché la casa non respira"... Insomma, sembrerebbe di capire che le nostre case siano costruite tanto bene che, ahimè, in qualsiasi modo viviamo in casa lo sbaglio è nostro e la causa di ciò che ci crea danno, assurdo a dirsi, siamo sempre noi! Vero è che il nostro amministratore è costernato quanto noi (egli ha solo il potere di gestire le circostanze e non può decidere personalmente se non per cause urgenti ed a tutela dalla sicurezza e incolumità dei terzi) e propone di portare il problema nell'ordine del giorno della prossima assemblea. Nella riunione d'assemblea i condomini danneggiati, avviliti ma certi che quella sarà la sede giusta per affrontare e risolvere il problema da loro lamentato, si sentono ripetere i concetti già sentiti. Cosa accade? perché un problema condominiale (a meno di particolari casi in cui le azioni singole incrementano gli effetti lesivi) diviene un problema esclusivamente personale? C'è chi invoca una denuncia alla compagnia assicuratrice la quale, giustamente, quasi sempre dichiara che il tipo di danno non è compreso nella copertura di polizza in quanto non è una perita da un tubazione o, quanto meno, non fa parte delle garanzie di polizza. Nella maggior parte delle riunioni di assemblea finisce che i condomini danneggiati, sfiniti dal fronteggiare una situazione a loro sfavorevole ma che, a dire degli altri condomini è strettamente personale, devono fronteggiare da soli e a loro spese l'argomento.

GLI INTERVENTI. Cari lettori non è così. L'intervento di un tecnico qualificato in assemblea che spiega cosa sono questi fenomeni, quali sono le cause e perché avvengono in alcuni appartamenti e in altri no o perché all'interno degli appartamenti vengono aggrediti solo alcuni ambienti, spesso aiuta rassicurando i danneggiati su come si affronta e si risolve il problema. A questo punto, però, gli altri condomini comprendono che ci sono una serie di spese da affrontare e qui...diventa difficile ottenere la maggioranza. Certo è, invece, che i danneggiati sono quasi sempre disponibili ad un'indagine e relativa perizia che decreti le vere cause del problema. A questo punto, se i danneggiati sono veramente intenzionati ad affrontare il problema sino in fondo e a risolverne definitivamente le cause, intraprendono un'azione legale nei confronti del condominio stesso. Mi sono capitati alcuni casi di bambini che sono stati condotti in ospedale per attacchi di asma o difficoltà respiratorie ed i medici hanno detto (senza conoscere le condizioni dell'appartamento) che la patologia poteva essere stata provocata da presenza di muffe o umidità in casa. Con il prossimo articolo cominceremo ad entrare nel problema e cercheremo di ragionare (in linea generale) sul perché (quasi sempre) non è un problema del singolo condomino ma interessa l'amministrazione condominiale la quale deve farsi carico sia della soluzione sia delle spese occorrenti. Se avete casi simili non esitate ad inviarmi quesiti, sarò a vostra disposizione.

Geom. Maurizio Lorina   

STUDIO LORINA
Tel. 0765.480663 oppure 339.8707571
Telefax 1782269574

- 14 Luglio 2009

Geom. Maurizio Lorina

Articolo scritto da Geom. Maurizio Lorina
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

L'esperto risponde

Anno nuovo, vita nuova...a partire dai capelli

Che noia i buoni propositi per l’anno nuovo! Trascorrere tutto il mese di gennaio a mangiare meglio, fare più attività fisica, impegnarsi a imparare qualcosa di nuovo...

L'esperto risponde

Ricostruzione unghie: metodi e tecniche

Le unghie sono la mia passione, ho fatto la mia prima ricostruzione esattamente 15 anni fa. Se ad oggi le mie unghie sono belle e forti lo devo solo alla ricostruzione unghie, ed è proprio per questo motivo che ho deciso...

L'esperto risponde

Una analisi sul panorama del diritto di famiglia: tra civil partnership, matrimoni gay ed adozioni da parte di omosessuali

Nelle ultime settimane si è riacceso, semmai si fosse sopito, il dibattito sulle “civil partnerships” e sull’adozione da parte di coppie dello stesso sesso, e, su questa scia, sono avvenute le prime trascrizioni...

L'esperto risponde

Pollini e allergie primaverili: le terapie e alcuni accorgimenti

Per 3 italiani su 10 la primavera porta non solo giornate più lunghe ed assolate, ma purtroppo anche prurito al naso, rinorrea bruciante e abbondante, occhi rossi e umidi, congiuntivite, tosse secca e, nei casi peggiori, asma...

L'esperto risponde

Il Decreto Legislativo sulla Filiazione: un colpo di mano contro l’affido condiviso

Si è consumato nei giorni scorsi, ad opera del Governo Letta, un colpo di mano contro il c.d. affido condiviso che, invece di veleggiare verso una applicazione più concreta nei fatti ed ancor più equilibrata nel dato normativo...