Stampa

FOTOREPORTAGE - CRONACA DI ROMA

I nomadi di via Torre Branca rifiutano il trasferimento

Viene rinviato di 48 ore lo sgombero delle famiglie rom di zona Tor Fiscale

Rom di Via Torre Branca 83
(Fotoreportage di Chiara Rossi)

Rom di Via Torre Branca 83 (Fotoreportage di Chiara Rossi)

ROMA - Già da questa mattina via di Tor Fiscale è tappezzata di manifesti dell'amministrazione Tredicine - presidente della commissione Politiche Sociali e Famiglie di Roma - che inneggiano all'obiettivo raggiunto: "Tor Fiscale libera dai rom". Sono 150 i rom - gli stessi che avevano occupato la Basilica di San Paolo fuori le mura alla vigilia di Pasqua - che vivono nel capannone di via Torre Branca 83, gestito dalla cooperativa Un Sorriso, legata alla Domus Caritatis. Ieri sera la Caritas ha avvertito le famiglie rom del trasferimento senza precisare la destinazione. La nuova soluzione abitativa sarebbe dovuta essere il Centro di accoglienza sulla Salaria, un ex cartiera che ospita già numerose famiglie "e in condizioni non dignitose", come già più volte ha denunciato l'associazione 21Luglio. La comunità di rom rifiuta il trasferimento, sostenuta dalla Onlus Popica; lo sgombero viene rimandato di 48 ore previa valutazione di opzioni abitative alternative. Domani mattina alle otto e trenta ci sarà davanti ai cancelli del centro di via Torre Branca un presidio di solidarietà per le famiglie rom.

Fotoreportage di Chiara Rossi

Roma - 25 Giugno 2011

Articolo scritto da Chiara Rossi
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

1.

Che dire...chi scrive questo commento conosce molto bene la realtà di questa comunità Rom e detto ciò posso affermare che sono stati letteralmente presi in giro sia dalla giunta capitolina che dagli organismi che li seguono "da vicino": Caritas in primis, Domus Caritatis (alias Arciconfraternita), la cooperativa Un Sorriso, ecc. Gli hanno promesso una sistemazione "definitiva2 entro 2 mesi dall'accoglienza, ora questa sistemazione definitiva sembra essere l'ex cartiera sulla Salaria che già ospita diverse centinaia di Rom di diverse etnie. La comunità presente a Torre Branca rifiuta di essere accolta nella ex cartiera dove non esistono prospettive di inserirsi in nessuno dei contesti previsti dalla normativa e dalle raccomandazioni comunitarie. Quale soluzione? Esistono alternative? Forse si, ma bisogna concertarle anche con loro, i primi interessati!

Commento inviato il 26-07-2011 da Franco Galimberti

2.

Difficile raccontare i Room...ma i tuoi occhi sono andati a cercare un volto, espressioni insolite ...piu umane... che spesso loro non mostrano...ma che velano con l'arroganza o l'aggresivita'. Difficile per me capire le loro storie...Molto buona la sequenza fotografica in Bianco e nero.

Commento inviato il 05-07-2011 da Elisabetta Ronchi

Cronaca

Market della droga in casa e un centro di confezionamento in garage: un arresto

MENTANA – L’abitazione di via Reatina trasformata in un market della droga e il garage utilizzato come centro di confezionamento della cocaina. A finire in...

Cronaca

Cocaina e hashish: i carabinieri arrestano cinque persone

MONTEROTONDO SCALO/MENTANA – Cocaina e hashish: i carabinieri arrestano cinque persone...

Cronaca

Circa 4 Kg di cocaina fermati al casello fianese: una coppia viene arrestata

FIANO ROMANO – Stangata dell’Arma allo spaccio di droga: i carabinieri hanno fermato circa 4 Kg di cocaina al casello autostradale fianese. La sostanza...

Cronaca

“Natale Sicuro”: arresti per furto e spaccio

MONTEROTONDO – I carabinieri della Compagnia di Monterotondo, con l’avvicinarsi delle festività nata...

Cronaca

Spaccia eroina davanti ad una scuola: in manette un 39enne

CASTELNUOVO DI PORTO – Dodici persone segnalate ed un arresto per spaccio di eroina. I carabinieri intensificano i controlli davanti alle scuole del territorio. In questi giorni dodici persone sono state...