Stampa

BLIZ DEI CARABINIERI DI POGGIO MIRTETO

Sequestrata la casa di riposo "La Contrada": anziani legati e maltrattati

Ai 26 ospiti venivano somministrati medicinali scaduti. Due gli arrestati: il titolare ed un'inserviente

Immagine della casa di cura "La Contrada" di Tarano posta sotto sequestro dai carabinieri di Poggio Mirteto (Foto: La. Ber.)

Immagine della casa di cura "La Contrada" di Tarano posta sotto sequestro dai carabinieri di Poggio Mirteto (Foto: La. Ber.)

TARANO - Legati ai letti con delle lenzuola. È così che i carabinieri di Poggio Mirteto hanno trovato, nella notte di domenica, alcuni anziani che vivevano nel residence "La Contrada", in località San Giorgio a Tarano. Gli assistiti, che pagavano cifre che andavano dai 1.400 ai 2.000 euro al mese, alloggiavano in un sottotetto inagibile e venivano curati con medicinale scaduto o guasto. A dare il via all''indagine condotta dai carabinieri di Poggio Mirteto, sono state le segnalazioni date dai parenti di alcuni anziani residenti nella casa di cura. I familiari, chiamati nella notte dalle forze dell'ordine, hanno riportato a casa i propri assistiti, mentre per gli anziani in condizioni più gravi e senza un alloggio sono stati trasferiti negli ospedali di Rieti e Magliano Sabina.

LA DESCRIZIONE DELLA CASA DI CURA SUL SITO WEB. Eppure l'impressione che si ha leggendo l'invito sul sito della casa di cura, www.casediriposoroma.com, o semplicemente vedendo la struttura e dal verde che la circonda è sicuramente diversa. "Una struttura a poca  distanza da Roma, immersa nel fascino del territorio Sabino, dove vengono ospitati anziani autosufficienti e non, per brevi e lunghi periodi, accuditi giorno e notte da personale qualificato, con camere singole e doppie, un giardino spazioso ed una palestra attrezzata per la terza età". Chi non rimarrebbe affascinato da una simile descrizione? Ma la realtà  degli anziani che alloggiavano nella struttura era tutt'altra.

I COMMENTI DEGLI ANZIANI DEL POSTO. "E' davvero una sorpresa - commentano gli abitanti di Tarano. Abbiamo sempre sentito parlare bene della casa di cura, sia per l'accoglienza che per la buona cucina. Con quella struttura immersa nel verde e il numero sempre crescente degli assistiti nessuno avrebbe mai pensato ad un  maltrattamento simile".

I DENUNCIATI. Sequestro di persona, maltrattamenti, detenzione e somministrazione di medicinali guasti o scaduti, sono questi i reati ipotizzati, per cui Arianna De Romanis, titolare della struttura e Samon Katarzjna Bogna, un'inserviente della casa di riposo sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Rieti.  

di Laura Bernardini

provincia di Rieti - 18 Gennaio 2010

Articolo scritto da Laura Bernardini
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Eventi&Cultura

Da Torino a Torrita: l'arte contemporanea accende il terzo "Borgo in Festa"

TORRITA TIBERINA – Nel paese tiberino cresce l’attesa del tramonto del sole di sabato 28 settembre per ammirare l’opera “Ancora una Volta” di Valerio Berruti, che illuminerà...

Cronaca

Il Capitano Ultimo incontra gli studenti: un botta e risposta tra valori e legalità

FIANO ROMANO – In un Palazzetto dello Sport gremito di giovani delle scuole medie locali si è svolto l’incontro con il Capitano Ultimo: l’eroe dell’Arma che ha combattuto e combatte la mafia...

Cronaca

Rubavano auto e vendevano i pezzi al mercato nero: cinque persone nei guai

CAPENA – Rubavano auto e le smontavano per poi rivenderne i pezzi al mercato nero. I carabinieri...

Cronaca

Forza le auto e ruba stereo ed altri oggetti: fermato ed arrestato dai carabinieri

FIANO ROMANO – Aveva preso di mira le auto parcheggiate nel centro commerciale Feronia di via Milano. I carabinieri lo hanno fermato tra le vett...

Cronaca

La parrocchia ricorda Don Giuseppe Mariottini a 20 anni dalla sua scomparsa

FIANO ROMANO – A vent’anni dalla sua morte si ricorda con una cerimonia ed un momento di riflessione e di testimonianza Don Giuseppe Mariottini, parroco del paese per oltre 50 anni...