Stampa

DOPO UN ANNO L'INCONTRO CON IL SINDACO SPLENDORI

Disservizi postali: l'esito della raccolta di firme di "Fiano Democratica"

Il problema delle lunghe attese alla posta e della toponomastica posti all'attenzione del primo cittadino

L'ufficio postale di Fiano Romano (Foto: cat. fa.)

L'ufficio postale di Fiano Romano (Foto: cat. fa.)

FIANO ROMANO - Dopo un anno di silenzio, il sindaco Tarquinio Splendori risponde alla petizione popolare voluta dagli attivisti della lista civica "Fiano Democratica" per migliorare il servizio postale del paese.

LA PETIZIONE: LA RISPOSTA DI POSTE ITALIANE E IL PROBLEMA DELLA TOPONOMASTICA. Nel gennaio 2009, la lista civica "Fiano Democratica", aveva raccolto 1.100 firme dei cittadini che esprimevano il loro disagio nei confronti del servizio postale fianese. I problemi non erano solamente relativi alle lunghissime file di attesa presso gli sportelli, ma anche ai disservizi nella consegna della posta. La raccolta delle firme era stata presentata presso l'amministrazione comunale fianese e alle Poste Italiane. Se la risposta del sindaco si è fatta attendere, quella delle Poste è stata repentina. "L'esito delle verifiche ha evidenziato che l'ufficio postale, dotato di sei sportelli operativi e di una sala prodotti finanziari - ha asserito il responsabile di Poste Italiane nella lettera di risposta - è in grado di rispondere pienamente alle esigenze della clientela con una adeguata offerta di servizi". Poste Italiane, nello stesso scritto, ha poi posto in evidenza il problema della toponomastica, che renderebbe difficile il recapito della posta nelle case dei residenti: "le difficoltà nel recapito, lamentate nella petizione, sono ascrivibili principalmente a problemi di toponomastica e di numerazione civica (...). Esistono intere località (o vie) con un unico numero civico a cui corrispondono molteplici abitazioni-villini che costringono il portalettere a ricerche, casa per casa, dei destinatari della corrispondenza".

L'INCONTRO CON IL SINDACO. L'incontro della lista civica "Fiano Democratica" con il sindaco di Fiano Romano, Tarquinio Splendori è avvenuto il 18 marzo scorso. Una delegazione di attivisti della lista civica, guidata da Romolo Buzzi, firmatario della petizione, ha chiesto al sindaco il motivo per cui "non ha preso in considerazione le esigenze di 1.100 cittadini che hanno espresso un chiaro disagio". Subito il primo cittadino si è scusato e ha spiegato che già diverso tempo fa aveva proposto alle Poste Italiane di concedere un locale, gratuitamente, per creare un nuovo punto di servizio postale, ma questi si erano rifiutati. Il sindaco, come è noto, già dal suo primo anno di mandato si è attivato per trovare una soluzione al problema.

IL PRIMO CITTADINO PORTERA' DI NUOVO IL PROBLEMA IN CONSIGLIO COMUNALE. La soluzione proposta dal sindaco Tarquinio Splendori è stata quella di portare il problema all'attenzione del consiglio comunale, per concertare, insieme con la maggioranza e la minoranza, una possibile soluzione. In primo luogo si dovrà risolvere la questione della toponomastica che affligge l'intero paese: allo sviluppo edilizio dovrà seguire la costruzione dell'apparato stradale.

di Caterina Fava

Fiano Romano - 16 Aprile 2010

Articolo scritto da Caterina Fava
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

1.

Sono di Torrita Tiberina e condivido la protesta contro i disservizi postali. Da troppo tempo le cose vanno malissimo. A parte le code, la posta e le bollette non sono consegnate in tempo. Arrivano bollettini enel e gas già  scaduti da giorni e tocca pagare la mora. Poste prioritarie (con documenti assicurativi) che arrivano dopo un mese e tocca pagare le multe per mancata esposizione sul parabrezza del cedolino assicurativo. Ho protestato anche per iscritto, ma....chi mi rimborsa le 39e di multa?Ma è questo il Paese che vogliamo? Possibile che nessuno è capace di rimediare a questo schifo? Si può andare avanti con un solo postino(a) per due o tre paesi? (Nazzano, Torrita tiberina ecc...). La direrzione delle Poste (di Fiano) dorme?

Commento inviato il 04-05-2011 da antonio farina

Cronaca

La parrocchia ricorda Don Giuseppe Mariottini a 20 anni dalla sua scomparsa

FIANO ROMANO – A vent’anni dalla sua morte si ricorda con una cerimonia ed un momento di riflessione e di testimonianza Don Giuseppe Mariottini, parroco del paese per oltre 50 anni. Sabato 23 marzo l’oratorio Santa Maria delle Grazie, da lui costruito e fortemente voluto per essere luogo di aggregazione dei ragazzi sulle orme di Don Bosco...

Cronaca

Arrestati i truffatori della 'tecnica del mazzo di chiavi'

FIANO ROMANO – In carcere i truffatori che avevano ideato la tecnica del “mazzo di chiavi caduto a terra” per distrarre le vittime e sottrarre le borse in auto. Fatale per loro l’ultimo colpo...

Cronaca

Maxi controllo del territorio: dieci persone arrestate e denunciate

MONTEROTONDO/CAPENA - Cinque arresti e cinque denunce sono scaturite in queste ore nell’ambito...

Cronaca

Sanzioni e sequestri in tre attività del Bivio

CAPENA – Sanzioni e sequestri in un ristorante, una pizzeria e un minimarket del Bivio. I carabinieri della stazione di Capena, in collaborazione con il personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato...

Cronaca

I carabinieri chiudono una sala slot, ritrovo di pregiudicati

CAMPAGNANO DI ROMA - Schiamazzi notturni e presenza di pregiudicati: i carabinieri della stazione di Campagnano di Roma hanno notificato un provvedimento di sospensione della licenza...