Stampa

PARLA IL DIRIGENTE DEL PARTITO TRADIZIONAL POPOLARE

Nino Sala dice la sua sul debito pubblico e il Governo Monti

Sulla situazione politica e finanziaria che attraversa l’Italia: “Dobbiamo fare come l’Islanda”

Nella foto: il dirigente del Partito Tradizional popolare Nino Sala (Foto: Il. Mis.)

Nella foto: il dirigente del Partito Tradizional popolare Nino Sala (Foto: Il. Mis.)

FIANO ROMANO – Nino Sala è il dirigente del Partito Tradizional popolare - movimento nato a gennaio 2011 dalla fusione tra il Movimento Cattolico Tradizionalismo Popolare e il Movimento per l’Etica - e sembra avere idee molto chiare sulla situazione politica e finanziaria che attraversa l’Italia. Sala domenica scorsa ha partecipato alla presentazione del "Movimento per la Gente" insieme a molti altri personaggi di diverse estrazioni politiche.

SUL DEBITO. “Il problema fondamentale è il signoraggio - ha detto Nino Sala - alla Bce stampare una banconota da 100 euro costa 3 centesimi, ma poi ci presta denaro con un tasso intorno al 6 per cento sul valore nominale, ne deriva che non potremo mai pagarlo”. Sala parla con sicurezza quando spiega “E’ un’invenzione della Bce; uno Stato che abbia sovranità popolare, non deve preoccuparsi del debito, perché all’occorrenza può stampare moneta. Ma l’euro, non è nostro, è comune ad altre economie e la Bce è partecipata da privati, da banche private, quindi nessuno può fare nulla”. E punta il dito contro l’Unione Monetaria e in particolare contro quei Paesi, che essendo economicamente più forti, “dettano legge”. Ho provato schifo davanti alla derisione fatta da Francia e Germania nei nostri confronti. E’ stato barbaro, indegno e incivile”. 

LA SOLUZIONE PROPOSTA DA SALA. Sala ha poi parlato di una possibile soluzione per risolvere il problema. “E’ molto semplice: dobbiamo riappropriarci della nostra sovranità popolare. Dobbiamo fare come l’Islanda”. Nel 2008 l’Islanda si è trovata in una bufera finanziaria provocata dal collasso delle principali banche. Per ripianarne i debiti il governo in carica aveva approvato un piano di risanamento che avrebbe gravato sulle famiglie per quindici anni. Una settimana di proteste pacifiche hanno indotto il governo a dimettersi e il nuovo governo a indire un referendum in cui una maggioranza del 93 per cento ha deciso di non pagare il debito delle banche e procedere al default. Nel frattempo il parlamento ha avviato inchieste per stabilire le responsabilità civili e penali dei banchieri coinvolti nei fallimenti e avviato i lavori di una costituente molto partecipata, per riformare la costituzione del paese. “L’Italia può uscire dall’euro, e possiamo farlo a testa alta - insiste Sala - Dobbiamo chiedere un referendum e mettere in discussione i trattati”.

IL NUOVO GOVERNO. Le idee di Sala vengono dai più considerate eretiche “E’ vero, e questo è grave - ha detto Sala - perché continuiamo a curare la malattia con la stessa cosa che l’ha provocata. Nel tentativo di risolvere la crisi stiamo sacrificando anche la democrazia - citando un articolo di Gramellini apparso nei giorni scorsi - E’ inaccettabile che un’intellettuale di tale caratura invochi governi di elitè, escludendo ogni principio democratico. Praticamente regimi plutocratici”. Sala parla anche di Monti: “Ne è l’espressione. Ha dato un’occhiata al suo curriculum? Presidente Europeo della Trilaterale e advisor di Glodman Sachs, la banca che per prima ha venduto i titoli di Stato italiani, provocando il panico sui mercati - e conclude - praticamente abbiamo consegnato l’Italia alle grandi lobby finanziarie. E’ un colpo di Stato, portato avanti con lo spread, invece che con le armi".

dell'inviata Ilaria Misantoni

Fiano Romano - 15 Novembre 2011

Articolo scritto da Ilaria Misantoni
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

1.

Noi siamo stati commissariati dall'Europa. E quando c'č una situazione di commissariamento tutte le regole, anche quelle della democrazia sono sospese. Fortunatamente Sarkozi e Merkel hanno scelto il miglior commissario possibile, Mario Monti. Dovremmo ringraziare Francia e Germania per questo interessamento.

Commento inviato il 18-11-2011 da Oreste Malatesta

Cronaca

Furto in villa. I carabinieri arrestano tutta la banda

RIGNANO FLAMINIO – Tentano il furto in villa con un piano studiato da tempo ma vengono fermati dai carabinieri. E’ finita male per una banda composta da due albanesi ed un rumeno che hanno tentato il colpo...

Cronaca

Insegue la compagna in strada armato di coltello: in manette un 42enne

PALOMBARA SABINA – Insegue la compagna in strada armato di coltello. I carabinieri intervengono, lo disarmano e lo arrestano. La donna ha poi rifer...

Cronaca

Spaccio nella Sabina Romana: due arresti

MONTELIBRETTI/PALOMBARA SABINA – Due pusher sono stati arrestati durante diverse operazioni dell'Arma a Palombara Sabina e Montelibretti. I carabinieri...

Cronaca

Cocaina, hashish e denaro. I carabinieri arrestano tre pusher in due diverse operazioni

MENTANA/FONTE NUOVA – Tre pusher in manette a Fonte Nuova e Mentana. Nel corso di due diverse operazioni antidroga i carabinieri hanno...

Cronaca

Danneggia il ristorante cinese dove aveva cenato e poi tenta la rapina: arrestato

FONTE NUOVA – Dopo aver mangiato nel ristorante cinese va in escandescenza, mette a soqquadro...