Stampa

DA MANDELA AL DALAI LAMA, L'IDENTIKIT DEL MONDO E DELL'ARTE

La "visione del mondo" all'Art Forum Wurth

La vita attraverso le parole e le immagini di grandi personalitŕ internazionali del campo dell'arte e della cultura

Weltanschauung-visione del mondo

Weltanschauung-visione del mondo

CAPENA - Fino al 7 agosto 2010 l’Art Forum Wurth Capena ospiterà la mostra “Weltanschauung- Visione del mondo”: un progetto italo-tedesco nato nel 1993 da un’idea di Paul Eubel, Silvio Artero, Andrea Balzala e Johannes Pfeiffer e fortemente sostenuto da Reinhold Wurth, la cui attività imprenditoriale è sempre andata di pari passo con la sua passione per l’arte che lo ha portato a collezionare dagli anni Sessanta ad oggi ben 12.500 capolavori.

L'OPERA COLLETTIVA. La mostra accoglie, in realtà, un’opera collettiva: un gigantesco planisfero composto da 117 tasselli realizzati da altrettanti pittori e scultori provenienti da tutte le parti del mondo. Ogni opera visiva nasce con l’intento di rispondere ad alcuni quesiti fondamentali riguardo il ruolo dell’artista ed il modo in cui egli vede se stesso e il mondo. Quasi sempre la risposta è data da un autoritratto, che può essere quello più tradizionale di Tom Wesselman o quello più deviante di Magdalena Abakanowicz, pittrice polacca che rappresenta se stessa semplicemente attraverso il palmo di una mano. Quindi l’artista guarda il mondo partendo da una riflessione sul proprio io, sul proprio microcosmo.

AUTOREVOLI INTERVENTI LETTERARI ACCOMPAGNANO OGNI OPERA IN MOSTRA. Le opere grafiche sono tutte accompagnate dall’intervento letterario di altri grandi personaggi del mondo della politica, della letteratura, della religione e della filosofia come Kofi Annan, Nelson Mandela, il Dalai lama, Karol Woityla, Milan Kundera, Isabella Allende, Umberto Eco, Gabriel Garcia Marquez, Dario Fo e tanti altri.

I PERCORSI. L'esposizione è un viaggio emozionante tra visioni caleidoscopiche e lucide riflessioni sui molteplici aspetti della vita come l’amore, la guerra, l’ambiguità delle cose, il ruolo della donna (forse una delle sezioni più interessanti), la storia, il progresso, l’arte fino ad arrivare al concetto più importante, alla base di ogni crescita personale e collettiva: “J’ai confiance”scrive la scultrice francese Louise Bourgeois, “Io ho fiducia”.

GLI ORARI. La mostra resterà aperta dal lunedì al sabato, dalle ore 10 alle 17, ma si potrà usufruire di una guida solo il sabato alle ore 11. L’ingresso è gratuito.

di Valentina Gravili

Capena - 10 Ottobre 2009

Articolo scritto da Valentina Gravili
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Eventi&Cultura

Concerti, spettacoli e mostre: sei appuntamenti nel week end

MORLUPO/SANT’ORESTE/FARFA E MOMPEO – Due giorni tra concerti, spettacoli teatrali ed esposizioni: il 15 e 16 ottobre a Morlupo, Sant’Oreste, Farfa e Mompeo. Il 15 ottobre sono in programma la...

Eventi&Cultura

"Sketch your Park": in mostra i lavori di 4300 studenti del Lazio

SANT’ORESTE – Tre giorni al museo per visitare la mostra “Sketch your Park”. L’esposizione, che letteralmente vuol dire “Disegna il tuo parco”, ha coinvolto 4300 studenti del Lazio che...

Eventi&Cultura

Al Museo Archeologico apre la mostra bibliografica "Calvino qui e altrove"

FARA SABINA – Un mese a disposizione per visitare la mostra bibliografica “Calvino qui e altrove”. L’esposizione, a cura della Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori...

Eventi&Cultura

Spagnuolo apre il percorso artistico-laboratorio “Vuoti di Memoria” all’Art Forum Wurth

CAPENA – Tre settimane per ammirare e partecipare all’installazione artistica e al laboratorio “Vuoti di Memoria: da dove veniamo…op...

Eventi&Cultura

Spagnuolo inaugura il suo dipinto murale nel parcheggio a ridosso del borgo

FIANO ROMANO – L’artista Ugo Spagnuolo inaugura il dipinto murale relazionale “Vuoti di Memoria” realizzato nel terzo livello del parcheggio a ridosso del centro storico fianese...