Stampa

DAL 27 GENNAIO AL 10 FEBBRAIO NELL’ISTITUTO SCOLASTICO

Venti scatti per ricordare il genocidio Rom e Sinti

L’esposizione č stata organizzata dalla Fondazione Reset, dall’Arall in collaborazione con l’amministrazione

MARCELLINA - Scatti in mostra per non dimenticare. Il 27 gennaio, infatti, nell'istituto scolastico comprensivo, verrà inaugurata la mostra fotografica "Rom e Sinti il Genocidio dimenticato". Si tratta dell'esposizione di 20 scatti, molto intensi, che raccontano il "Porrajimos": la Shoah del popolo Rom e Sinti. Gli scatti esposti sono stati messi a disposizione dall'Aizo Rom e Sinti di Torino. L'iniziativa è stata organizzata dalla Fondazione Reset, la Fondazione Regionale per le Autonomie Locali del Lazio, e dall'Arall in collaborazione con l'amministrazione comunale. La mostra resterà aperta fino al 10 febbraio prossimo.

LA MOSTRA: L'IMPEGNO DELL'AMMINISTRAZIONE. L'opportunità di ospitare l'allestimento è stata accolta con vivo entusiasmo dall'amministrazione cittadina e dalle autorità scolastiche locali. Entusiasmo è stato manifestato in particolare dal sindaco Alfredo Ricci e dalla consigliere comunale Leontina Ionescu, la prima cittadina rumena mai eletta a questa carica in Italia.

PARLA IL PRESIDENTE DELL'ARALL. "L'olocausto del popolo Rom e Sinti - ha detto il presidente dell'Arall Donato Robilotta - rappresenta una delle pagine più buie e dimenticate della storia contemporanea del Vecchio Continente; l'allestimento di questa mostra fotografica per il "Giorno della Memoria" è stato pensato proprio per gettare un fascio di luce su quello che è giusto definire un inaccettabile oblio".

PARLA IL PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE RESET. "In Italia - ha aggiunto il presidente della Fondazione Reset Francesco Chiucchiurlotto - sono presenti tra i 30 mila e i 40 mila rom di origine rumena, spesso insediati in piccoli centri; con questa iniziativa abbiamo voluto lanciare un messaggio di sensibilizzazione sull'erronea associazione che comunemente è fatta tra rom e rumeni e sugli sforzi d'interazione e mediazione culturale compiuti dai piccoli comuni per integrare queste comunità".

provincia di Roma - 26 Gennaio 2011

Articolo scritto da Redazione TevereNotizie
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Eventi&Cultura

Concerti, spettacoli e mostre: sei appuntamenti nel week end

MORLUPO/SANT’ORESTE/FARFA E MOMPEO – Due giorni tra concerti, spettacoli teatrali ed esposizioni: il 15 e 16 ottobre a Morlupo, Sant’Oreste, Farfa e Mompeo. Il 15 ottobre sono in programma la...

Eventi&Cultura

"Sketch your Park": in mostra i lavori di 4300 studenti del Lazio

SANT’ORESTE – Tre giorni al museo per visitare la mostra “Sketch your Park”. L’esposizione, che letteralmente vuol dire “Disegna il tuo parco”, ha coinvolto 4300 studenti del Lazio che...

Eventi&Cultura

Al Museo Archeologico apre la mostra bibliografica "Calvino qui e altrove"

FARA SABINA – Un mese a disposizione per visitare la mostra bibliografica “Calvino qui e altrove”. L’esposizione, a cura della Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori...

Eventi&Cultura

Spagnuolo apre il percorso artistico-laboratorio “Vuoti di Memoria” all’Art Forum Wurth

CAPENA – Tre settimane per ammirare e partecipare all’installazione artistica e al laboratorio “Vuoti di Memoria: da dove veniamo…op...

Eventi&Cultura

Spagnuolo inaugura il suo dipinto murale nel parcheggio a ridosso del borgo

FIANO ROMANO – L’artista Ugo Spagnuolo inaugura il dipinto murale relazionale “Vuoti di Memoria” realizzato nel terzo livello del parcheggio a ridosso del centro storico fianese...