Stampa

VIAGGI & REPORTAGE

Una passeggiata alla scoperta del Monastero delle Clarisse Eremite e un tuffo nel suggestivo Museo del Silenzio

Un viaggio-reportage in due luoghi incantevoli della Sabina

FARA SABINA - Per tutti quelli che hanno voglia di staccare la spina ed entrare in un mondo dove gli unici suoni sono quelli della natura. Per tutti quelli che cercano il modo di parlare un pò con sé stessi e con la propria anima. Il paese di Fara Sabina, che guarda dall'alto le vallate sabine, offre posti davvero notevoli e il Monastero delle Clarisse eremite, assieme all'adiacente Museo del Silenzio, possono diventare momenti di autentica pace.

IL MONASTERO DELLE CLARISSE EREMITE DI "SANTA MARIA DELLA PROVVIDENZA". L'entrata si trova nel centro storico del paese e già attraverso il cancello si vede un giardino curato che trasmette pace. Poi si entra e la guida chiede a tutti i visitatori di fare più silenzio possibile in modo da non turbare l'atmosfera, surreale, che questo luogo nasconde. Ci sono stanze giganti, come l'antica cucina o l'attuale sala da pranzo, e ci sono stanze piccolissime dove si dorme e si prega. La guida spiega come ci fosse una totale divisione tra le "Marie" e le "Marte". Le prime di famiglia nobile stavano lì per scelta e pregavano soltanto, le seconde, di umili origini, probabilmente erano le loro domestiche e si occupavano dei lavori manuali. Tra loro neanche parlavano. Da non perdere la stanza dove sono contenuti i corpi di 17 monache decedute molti anni fa, che un vero miracolo ha impedito si decomponessero. Oggi la comunità monastica può accogliere fino a 70 persone con 40 camere singole, doppie o triple e con servizi interni.

IL "MUSEO DEL SILENZIO". Ad un tratto il giro del monastero finisce e la guida accompagna tutti fuori, sembra che questa piacevole gita tra la pace di Fara Sabina debba concludersi e già qualcuno si rattrista un po'. Ma l'impressione è sbagliata, uscire da lì significa soltanto entrare in un luogo ancora più suggestivo del primo. La guida apre il portone di un locale adiacente al monastero, è il "Museo del Silenzio" e davanti agli occhi di tutti appare il nulla. Una stanza illuminata solo a tratti, che nasconde oggetti e simboli, frasi e suoni, tutt'intorno nera eppure serena. Ci sono tanti oggetti chiusi in tante piccole nicchie trasparenti e uno dopo l'altro vengono illuminati e le persone si spostano sorprese e curiose per non perdersi niente. Poi sul soffitto vengono proiettate immagini e nell'aria si riescono a percepire i suoni che la mente proietta in modo naturale. Nessuno parla, ma tutti ascoltano, forse come non hanno ascoltato mai e alla fine, quando si sale sull'autobus che riporta a casa, sorrisi e volti sereni regnano su tutto.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI. Tutti coloro che fossero interessati a visitare questi luoghi o anche ad alloggiarvi possono chiamare il numero telefonico 0765.277021 o inviare una mail all'indirizzo clarisse.farasabina@libero.it oppure visitare il sito internet www.clarisseremite.com

di Stefano Papalia

 

Fara Sabina - 02 Marzo 2011

Articolo scritto da Stefano Papalia
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Viaggi & Reportage

Kos, un'isola tutta da scoprire

Bagnata dalle acque del Mar Egeo, l'isola di Còo (in greco Kos) è situata davanti le coste della Turchia, di fronte a Bodrum, e appartiene all'arcipelago del Dodecanneso. Il vento Meltemi è padrone dell'isola...

Viaggi & Reportage

L'Eurochocolate compie 18 anni, in visita a Perugia regno del cioccolato

Pochi giorni fa, l'Eurochocolate di Perugia ha festeggiato i suoi primi 18 anni ed è diventato maggiorenne. Proprio così, la manifestazione perugina che richiama ogni anno milioni di golosi e non, è arrivata alla sua diciottesima edizione, e si è confermata anche quest'anno come un evento di...

Viaggi & Reportage

Un viaggio fotografico nell'isola vulcanica di Lanzarote

Saranno le casette bianche, il cielo coperto di nuvole, sarà il vento, saranno le spiagge lunghe di sabbia bianca e i riflessi che le onde creano sul bagnasciuga, sarà il vino di uva malvasìa sorseggiato nelle bodegas che producono lungo la Geria, o forse le opere di Manrique lungo le strade fiancheggiate...

Viaggi & Reportage

Laghi, giardini e rocche: la Tuscia da scoprire...

Le strade provinciali hanno il loro fascino: il paesaggio collinare ti incanta mentre il percorso tortuoso ti confonde. Nessun cartello stradale per chilometri, ma con te la tua fedele mappa con sopra segnate le tre mete. Bomarzo è la prima: sogno, magia, mistero, storia chi più ne ha ne metta. Un parco costruito e abbandonato nel 1500 e ritrovato e restaurato a metà del 1900, che tutt’ora è avvolto da un’atmosfera che non lascia scampo alla fantasia, affascinando i più scettici e ammaliando i sognatori. A malincuore lo si lascia. Si riparte. Il viaggio è appena iniziato. Ci si muove a Nord, verso Civita di Bagnoregio. Da anni minaccia di scomparire ma da secoli resiste...

Viaggi & Reportage

Palermo in bianco e nero

Palermo è come un ritorno, anche se è la prima volta che la vedi. Mentre cammini le strade ti parlano, ti raccontano, ti strattonano, ti invitano, ti guardano perchè sono vive e hanno un'anima. Avvolta dai venti caldi del sud che portano i profumi dell'Africa, pregna degli odori di una...