Stampa

L'ESIBIZIONE IN OCCASIONE DELL'EVENTO L'OLIVO D'ORO

Alzi la mano chi non ride con Massimo Bagnato

Comicitŕ nonsense, battute mai volgare e apolitiche, i segreti del suo successo

Nella foto di home page: il comico Massimo Bagnato, ospite della XXXVIII^ edizione de 'L'OLivo D'Oro' - Nella foto interna: ll comico Massimo Bagnato con gli assessori Valentina Alfei e Ramona Gentili (Foto di Laura Bernardini)

Nella foto di home page: il comico Massimo Bagnato, ospite della XXXVIII^ edizione de 'L'OLivo D'Oro' - Nella foto interna: ll comico Massimo Bagnato con gli assessori Valentina Alfei e Ramona Gentili (Foto di Laura Bernardini)

MONTOPOLI DI SABINA. Conosciuto per il tormentone del braccio, il comico romano Massimo Bagnato ha raggiunto la notorietà con la sua comicità nonsense, rovesciando il clichet del comico moderno e distinguendosi dagli altri comici per la semplicità e la demenzialità delle sue battute, mai volgari, compiaciute o prevedibili. Durante le sue esibizioni intervalla i monologhi con frequenti richieste che coinvolgono lo spettatore, chiamato ad alzare il braccio quando sentito chiamato in causa. La simpatia è una sua dote, ma non solo sul palco. È disponibile con gli altri, gentile, educato, alla mano, un vero attore a cui il successo non ha dato alla testa. Ospite della XXXVIII edizione de "L'Olivo d'Oro" a Montopoli di Sabina, il comico non ha deluso le aspettative, anzi. Ha coinvolto il pubblico con le sue battute, mai volgari e apolitiche, ha divertito giovani e non più giovani che lo hanno applaudito e apprezzato per la sua strampalatezza e le sue pazze gag. Scoperto come imitatore da Gigi Sabani nel 1992, Massimo Bagnato si è fatto conoscere al grande pubblico dopo le innumerevoli partecipazioni al "Maurizio Costanzo Show". Dopo le partecipazioni a programmi come "Libero" con Mammuccari, "Bla bla bla" con Giusti, Lillo & Greg, inizia dal 2007 una proficua collaborazione con Rai Due e le trasmissioni "Scorie", "Quelli che il calcio...", "Mattinèe". Intanto prosegue l'attività come autore di trasmissioni radiofoniche, tra le quali "610" di Radio Rai Due con Lillo & Greg e da gennaio 2010 entra a far parte della nuova edizione di "Zelig" di Canale5.

L'INTERVISTA
È la prima volta che vieni in Montopoli di Sabina?
"Si, anche se conosco la Sabina. Sono stato a Contigliano, a Rieti, dove ho girato delle puntate per "Scalo 76", la trasmissione condotta da Daniele Bossari".
Come è nata la canzone "Semo gente de Foligno"?
"Di Semo gente de Foligno ho scritto musica e testo, ho imitato l'accento simile allo spoletino. È stato un gesto d'affetto per gli amici che ho lì, un riconoscimento per il mio maestro Toni Ventura".
Sei un attore completo e versatile che si esibisce in teatro, radio e televisione. Dove ti senti più a tuo agio?
"Mi sento a mio agio negli spettacoli in piazza, perché è uno spettacolo trasversale, dove ti puoi rivolgere a tutti. Tenevo molto allo spettacolo di questa sera a Montopoli, perché quando si ritira un premio fa sempre piacere".  
Come nasce la tua comicità?
"Nasce dal nonsense della comicità, che non è mai volgare, è quello che mi identifica".
Ha sempre voluto fare l'attore?
"Si, ho sempre fatto questo mestiere da quando ero bambino e i miei genitori e parenti ascoltavano le mie esibizioni e mi sostenevano con dei regali".
Credi ai talent?
"Credo alle passioni, che vengono prima delle scuole. Così come il talento, o ci nasci, sennò è inutile la scuola".
Che rapporto hai con il tuo pubblico?
"Il pubblico è attento alle sottigliezze e a ciò che di solito non si fa per non rischiare, ma stasera c'è stato un'ottima risposta. C'è stato il varietà, nello spettacolo oggi ci vuole tutto".
Chi sono i tuoi maestri? A chi ti ispiri?
"I miei ispiratori cambiano negli anni. Mi sono ispirato a Celentano, a Dario Fo, a Giorgio Gaber, a Claudio Villa. Sono apparentemente moderno ma ho la passione per le cose passate. Prima di guardare avanti ci dobbiamo guardare indietro".
Quali sono i prossimi progetti?
"Prima di ripartire con la stagione televisiva, con Zelig a gennaio, mi sto dedicando al teatro. Insieme a Gianfranco Phino farò uno spettacolo dal titolo "Due Matti Unici", dal 3 al 13 novembre all'Anfiteatro a Roma e uno spettacolo in primavera "La gente dorme", che  sarà un monologo di venti minuti. Intanto continua il mio lavoro a Radio Due".  

dell'inviata Laura Bernardini

Montopoli di Sabina - 25 Settembre 2011

Articolo scritto da Laura Bernardini
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Eventi&Cultura

Mercatini di Natale e percorsi enogastronomici per il Ponte della Immacolata-dal 7 al 9 dicembre 2018

SABINA/VALLE DEL TEVERE – Mercatini di Natale, percorsi enogastronomici, sagre ed eventi per...

Eventi&Cultura

Artigiani, artisti e specialisti dello street food danno il via al Natale 2018

FARA/CASTELNUOVO/FONTE NUOVA/GRECCIO/CAPENA – Artigiani, artisti e specialisti dello street food al lavoro nel week end per dare il via al Natale e...

Eventi&Cultura

Percorsi enogastronomici e mercatini in due borghi sabini

MONTENERO SABINO/FARFA – In Sabina due proposte per scoprire le bellezze storiche ed enogastronomiche del territorio. Domenica 25 novembre sono in programma due eventi...

Eventi&Cultura

Vini e sapori nel percorso “Il Giorno di Bacco” al Castello Savelli

PALOMBARA SABINA – A Castello Savelli e nel centro storico torna il percorso dedicato al vino e alle degustazioni. Domenica 18 novembre parte...

Eventi&Cultura

Laboratori di archeologia sperimentale al via al Lucus Feroniae

CAPENA – Tredici incontri con l’archeologia al Lucus Feroniae. Dal 18 novembre al 15 dicembre 2019, nell'Antiquarium Lucus Feroniae, si svolgono tredici laboratori di archeologia...