Stampa

UN LIBRO PER AMICO

“Marina”: l’amore tragico ed il mistero sotto il cielo di Gaudí

Con il nuovo romanzo di Zafón un viaggio nel cuore di tenebra di Barcellona

Il primo libro che ho letto di Carlos Ruiz Zafón è stato un regalo, ed una scoperta. Il successivo è stato un regalo "suggerito", ed una conferma. Quest'ultimo romanzo è stato un atto di fiducia, ed una delizia. Ho incontrato "Marina", questo è il titolo del nuovo libro di Zafón, nel posto dove più facilmente si incontrano nuovi amici: in libreria. L'ho incontrato e l'ho preso, senza pensarci neanche un secondo, senza neanche leggere la sovracopertina (cosa che di solito mi spinge a comprare un libro di cui non conosco nulla), un atto deliberato di ammirazione per lo scrittore spagnolo che mi ha ampiamente ripagato lungo tutte le sue pagine.

IL ROMANZO "MARINA". Si capisce molto di "Marina" leggendo appena le prime righe: "Una volta Marina mi disse che ricordiamo solo quello che non è mai accaduto. Sarebbe trascorsa un'infinità di tempo prima che potessi comprendere quelle parole. Ma è meglio che cominci dall'inizio, che in questo caso è la fine". Come resistere ad un libro che comincia così?! Leggere "Marina" è stato come addentrarsi nella Barcellona di 30-40 anni fa, sentire l'odore dei suoi vicoli e muoversi all'ombra dei gargoyles e degli angeli di pietra che adornano i suoi palazzi. La città catalana è sfondo e protagonista di questo romanzo, palcoscenico su cui mi muovono Óscar e Marina, adolescenti che, involontariamente, si ritrovano a dipanare la matassa di un mistero che dura da 30 anni e che ancora lascia una scia di sangue dietro di sé.  

LA TRAMA. Óscar è un ragazzo dominato dalla curiosità e dalla solitudine e che trova in Marina, e nel suo amore per lei, la risposta alle mille domande del suo vivere. Marina abita in una villa semi abbandonata del quartiere vecchio di Barcellona assieme a suo padre Germán, pittore che ha smesso di dipingere alla morte della moglie. Óscar e Marina si muovono tra calles, plazas e vecchi teatri, ripercorrendo la vita e la follia di Michail Kolvenik, altro personaggio del romanzo, che voleva dare soluzione all'imperfezione della vita che conduce sempre alla morte, ma la sua brama di sostituirsi a Dio lo porta ad uccidere la sua stessa anima per sempre. Il romanzo racconta di Óscar e Marina all'interno di una storia di misteri e di solitudini, di morti-non-morti che anelano alla vita, di amori tragici che spazzano via il bene ed il male. Un romanzo da scoprire, o da cui farsi scoprire.

IL FINALE E LE EMOZIONI. Quando Zafón fa raccontare ad Óscar, voce narrante: "Ben presto, la sua sagoma si dileguò sotto i ponti tesi tra i palazzi. Archi impossibili proiettavano sui muri le loro ombre inquiete. Eravamo arrivati nel cuore incantato di Barcellona, nel labirinto degli spiriti, dove le strade avevano nomi leggendari e i folletti del tempo camminavano alle nostre spalle" ho realizzato che avevo letto metà del romanzo tutto d'un fiato e capito che "Marina" è davvero bello, capace di avvincere anche coloro che leggono solo un libro, illustrato, ogni due anni. Personaggi e paesaggio si fondono alla perfezione, catturando il lettore in un crescendo di emozioni, curiosità e drammi. Zafón è scrittore da scoprire per chi non l'avesse ancora fatto, ed è da gustare sia in "Marina" che nei suoi romanzi precedenti. E per chi avesse ancora domande... "Marina, ti sei portata via tutte le risposte".

Titolo: Marina
Autore:  Carlos Ruiz Zafón
Genere: Romanzo
Editore: Mondadori
Pagine:  308
Prezzo:  19,50 € 

- 26 Luglio 2009

Roberto Grande

Articolo scritto da Roberto Grande
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

1.

Ho letto il libro! grazie per il suggerimento...ho provato le sensazioni che lei ha messo nell'articolo...sinceramente era tanto che non leggevo una storia così. Non conoscevo Zafon e ora, oltre ad aver letto "Marina", ho comprato gli altri due suoi libri. Approfitterò delle vacanze per "consumarli" e poi le farò sapere. Continui così

Commento inviato il 05-08-2009 da Ciro

2.

bellissimo libro...fate bene a suggerirlo come tutti quelli di Zafon del resto

Commento inviato il 01-08-2009 da Fabio L.

Eventi&Cultura

"Liberi sulla Carta": al via la nona edizione della Fiera dell'Editoria Indipendente

FARFA – Parte la nona edizione della Fiera dell'Editoria Indipendente "Liberi sulla Carta". Il borgo sabino ospita, dal 15 al 17 settembre, stand di editori, presentaz...

Eventi&Cultura

Incontri, presentazioni, letture e laboratori: parte “Una Montagna di Libri”

SANT’ORESTE – Incontri letterari e laboratori: parte la prima edizione del festival della letteratura “Una Montagna di Libri”. Il 17 e il 18 giugno nel centro storico si svolge l’evento organizzato dalla Pro loco con il...

Eventi&Cultura

Pane, acqua e letteratura al centro del quinto festival “Un Fiume di Storie”

NAZZANO – Cinque giornate tra cultura e natura: parte la quinta edizione del festival delle letterature e delle scienze “Un fiume di Storie”. Il ric...

Eventi&Cultura

“Minerva” e “L’ultimo bunker”: partono le presentazioni dei libri

MONTOPOLI DI SABINA/SANT’ORESTE – Due libri protagonisti del week end. Il 2 aprile a Montopoli di Sabina sarà presentato il libro “L’ultimo bunker” e il 1 aprile a Sant’Oreste il romanzo “Minerva”. Saranno presenti gli autori...

Eventi&Cultura

"Marta Russo, il mistero della Sapienza": Valentini presenta il suo libro-inchiesta

SANT’ORESTE – Quarto appuntamento con la rassegna culturale “Incontriamoci al Museo”. Sabato 4 marzo alle ore 16:30, nel Museo del Soratte, è in programma la presentazione del libro-inchiesta...