Stampa

UN LIBRO PER AMICO

“Lo strappo nell’anima”, quando una “scelta” diventa dolore

Storie di donne e uomini che il dramma dell’aborto ha cambiato per sempre

Nella foto: Paola Comito, particolare quadro “Disperazione e abbandono”, olio su tela, (2005)

Nella foto: Paola Comito, particolare quadro “Disperazione e abbandono”, olio su tela, (2005)

Qualche tempo fa mi hanno raccontato un episodio che mi ha fatto riflettere: una ragazza di circa sedici anni è rimasta incinta del suo ragazzo e la madre l’ha portata ad abortire senza neanche porsi il problema di cosa fosse giusto fare. O meglio, lei è convinta di aver agito per il bene della figlia che così potrà godersi, senza pensieri, la propria giovinezza e magari potrà riuscire nel sogno di diventare una modella famosa. Mi sono chiesto subito se il sogno di una carriera nella moda fosse veramente della figlia, oppure della madre.
In questi giorni mi è stato regalato un libro “Lo strappo nell’anima” della Dott.ssa Giuliana Perantoni Savaresi, ed è stato ineluttabile ricordare l’episodio che ho citato prima. Sì, perché questo libro parla proprio di questo, del trauma dell’aborto, sia quando questo è “volontario e consapevole” (ma è mai veramente volontario e consapevole?), sia quando è forzato o imposto.
Sebbene l’autrice sia un’illustre psicologa e terapeuta, questo libro volutamente non  vuole essere un saggio scientifico: Giuliana Perantoni Savaresi ci ha regalato, invece, un intenso e doloroso viaggio nella tragedia dell’aborto, raccontandoci con infinita delicatezza alcune vicende che l’hanno vista interprete, in qualità di professionista, nel corso della sua carriera. Non è lei la protagonista di questo libro, volontariamente ha scelto di mettersi in disparte, di essere soltanto la voce narrante dei veri protagonisti, i suoi pazienti, uomini e donne che in qualche modo, ad un certo punto della loro vita, hanno dovuto fare i conti con un figlio mai nato.
Ed ecco così presentarsi una serie di donne, ma anche qualche uomo, che si sono rivolti a lei per essere aiutati e guariti da malesseri spesso inspiegabili, disagi e angosce che non riuscivano a spiegarsi e che spesso altro non erano che il passato che ritornava a chiedere il suo tributo. È un tributo di sofferenza, di paura e disperazione, l’aborto non è mai indolore, è qualcosa di innaturale che non può non lasciare ferite e cicatrici; “Lo strappo nell’anima” non vuole essere un manifesto contro l’aborto, il problema è troppo complicato e delicato, vuole soltanto essere un invito a riflettere su quello che può rappresentare per la vita e l’anima di chi “sceglie” o viene forzato a “disfarsi” di un figlio.
Con profonda umanità ed empatia, l’autrice ci porta a conoscere Paola, donna brillante ed affermata che in gioventù ha scelto di abortire per paura di perdere l’uomo e la vita che desiderava, oppure Lucia che a 15 anni viene condotta presso una “praticona” che clandestinamente le induce un aborto e questo dolore la porta a tentare il suicidio. Poi c’è Elisa, donna in carriera che non riesce superare il suo aborto quando, a distanza di anni il desiderio di maternità diventa più forte. Oppure Ornella, ragazza senza amici e senza interessi, oggetto delle attenzioni morbose e incestuose del padre che generano una gravidanza indesiderata ed “eliminata” subito. E ancora Vittoria, a cui i fantasmi si ripresentano con il viso del feto partorito nel bidet, figlio di una delle tante violenze a cui era sottoposta, venduta dai genitori quando era bambina a orchi senza scrupoli e senza anima.
Sono tante le storie, sono intense, sono piene del dolore di chi le ha vissute ed arrivano e colpiscono dritte la nostra parte più sensibile, il nostro essere genitori, padri e madri di bambini che solo la nostra scelta ha permesso di poter vedere crescere e diventare grandi, fonte della gioia più grande che si possa vivere.
L’autrice non ha una formula magica per guarire dal dolore, è un percorso lento, un lavoro che non dà certezza di guarigione, bisogna imparare a perdonare se stessi prima di tutto, capire che siamo esseri umani e che possiamo sbagliare. Il dolore non scompare mai, ma può diventare sopportabile, può trasformarsi in voglia di cambiare, di migliorare, può essere una forza per affrontare meglio la vita. Non è l’esperienza di oggi a portare le persone alla disperazione, ma è il rimorso o l’amarezza per qualcosa che ci ha travolto ieri, l’incubo di ciò che il domani potrebbe portare. Per questi motivi imponiamoci di vivere un giorno alla volta...Ognuno può combattere le battaglie di un solo giorno: OGGI”.

di Roberto Grande

Titolo: Lo strappo nell’anima
Autore: Giuliana Perantoni Savaresi
Genere: Biografico-Attualità
Editore: San Paolo
Prezzo:  12.50 €

- 01 Febbraio 2014

Roberto Grande

Articolo scritto da Roberto Grande
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Eventi&Cultura

"Liberi sulla Carta": al via la nona edizione della Fiera dell'Editoria Indipendente

FARFA – Parte la nona edizione della Fiera dell'Editoria Indipendente "Liberi sulla Carta". Il borgo sabino ospita, dal 15 al 17 settembre, stand di editori, presentaz...

Eventi&Cultura

Incontri, presentazioni, letture e laboratori: parte “Una Montagna di Libri”

SANT’ORESTE – Incontri letterari e laboratori: parte la prima edizione del festival della letteratura “Una Montagna di Libri”. Il 17 e il 18 giugno nel centro storico si svolge l’evento organizzato dalla Pro loco con il...

Eventi&Cultura

Pane, acqua e letteratura al centro del quinto festival “Un Fiume di Storie”

NAZZANO – Cinque giornate tra cultura e natura: parte la quinta edizione del festival delle letterature e delle scienze “Un fiume di Storie”. Il ric...

Eventi&Cultura

“Minerva” e “L’ultimo bunker”: partono le presentazioni dei libri

MONTOPOLI DI SABINA/SANT’ORESTE – Due libri protagonisti del week end. Il 2 aprile a Montopoli di Sabina sarà presentato il libro “L’ultimo bunker” e il 1 aprile a Sant’Oreste il romanzo “Minerva”. Saranno presenti gli autori...

Eventi&Cultura

"Marta Russo, il mistero della Sapienza": Valentini presenta il suo libro-inchiesta

SANT’ORESTE – Quarto appuntamento con la rassegna culturale “Incontriamoci al Museo”. Sabato 4 marzo alle ore 16:30, nel Museo del Soratte, è in programma la presentazione del libro-inchiesta...