Stampa

INDIVIDUATI 250 LAVORATORI IN NERO E 1.835 NON IN REGOLA

Lavoro nero ed evasione fiscale per 15 milioni di euro: 6 denunce

L’operazione del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma a Tivoli e Pomezia

TIVOLI - Lavoro nero ed evasione fiscale: il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma individua a Tivoli e Pomezia 250 lavoratori in nero e 1.835 lavoratori non in regola con la normativa in materia di lavoro per un'evasione totale di circa 15 milioni di euro. Nell'operazione sono stati denunciati 6 imprenditori del settore dei servizi di facchinaggio, pulizie, logistica e movimentazione merci.

L'OPERAZIONE A TIVOLI. I finanzieri della Compagnia di Tivoli hanno accertato l'evasione fiscale e denunciato 3 imprenditori titolari di una società cooperativa che operava su gran parte del territorio nazionale nel settore del facchinaggio, servizi di pulizie e altri servizi alle imprese. I controlli si sono incentrati sulla corrispondenza tra il personale impiegato e quello effettivamente dichiarato ed in regola e sul rispetto della normativa tributaria. I miliari hanno individuato lavoratori assunti con contratti di collaborazione a progetto, i cosiddetti "Co.Co.Pro", ma impiegati secondo modalità e tempistiche propri di un rapporto di lavoro subordinato. La caratteristica dei "Co.Co.Pro." infatti è l'autonomia del collaboratore in funzione al risultato da ottenere e senza nessun vincolo di subordinazione. Nel corso dell'attività di verifica è stata accertata una evasione per oltre 2 milioni di euro di proventi non dichiarati e circa 2,5 milioni di euro di Iva non versata. I finanziari hanno anche accertato l'omesso versamento di ritenute d'acconto per un ammontare superiore ai 600.000 euro. Complessivamente la cooperativa aveva omesso di versare agli enti previdenziali ed assistenziali, le ritenute regolarmente operate. I tre imprenditori italiani coinvolti sono stati denunciati all'Autorità Giudiziaria.  

L'OPERAZIONE A POMEZIA. A Pomezia, invece, a finire sotto la lente degli investigatori delle Fiamme Gialle sono state due cooperative della zona industriale che operavano nel settore della logistica e movimentazione merci. Le cooperative, infatti, utilizzavano personale in nero o irregolare per l'esecuzione dei lavori affidati in appalto dai vari committenti. Totalmente sconosciuti agli enti previdenziali ed assistenziali sono risultati 250 lavoratori, che ricevevano una busta paga formalmente regolare senza però che alcuna comunicazione delle loro posizioni contributive ed assicurative fosse fatta all'Inps ed all'Inail. 550 sono invece i lavoratori irregolari individuati che, solo apparentemente, assumevano la figura di soci della cooperativa ma in realtà si trattava anche in questo caso di lavoratori dipendenti, retribuiti con stipendi inferiori a quanto loro spettante. I dati emersi dalle indagini hanno permesso ai finanzieri di individuare l'effettiva posizione di lavoro subordinato, considerata l'assoluta estraneità degli stessi dalla "vita sociale" della cooperativa venendo meno così il fine mutualistico della cooperativa stessa. Le società sottoposte a controllo venivano gestite da "teste di legno" e venivano costituite con l'unico fine di frodare il fisco per poi sparire, spostando i lavoratori da una cooperativa all'altra. L'operazione ha consentito, oltre all'individuazione del reale ed unico gestore delle società cooperative, di recuperare a tassazione oltre 10 milioni di euro sottratti al fisco. Alla Procura di Velletri sono state denunciate per reati in materia tributaria tre persone: l'amministratore di fatto e i due prestanome. Sono inoltre in corso gli accertamenti finalizzati all'individuazione ed al sequestro dei proventi derivanti dall'attività illecita.  

di Glauco Marino

Roma - 03 Febbraio 2010

Articolo scritto da Glauco Marino
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Cronaca

Armati sorvegliavano la loro coltivazione di marijuana: arrestati due fratelli

CAPENA – Due fratelli con precedenti sono stati arrestati ieri dai carabinieri: in località Fosso di Gramiccia avevano allestito una piantagione di marijuana con ben 147 piante. Nel capanno...

Cronaca

Sette in manette per spaccio e furto

MENTANA/FONTE NUOVA/FIANO ROMANO/PALOMBARA SABINA – Furto e spaccio: sette persone in manette. I carabinieri li hanno fermati durante diversi servizi di controllo nel territorio...

Cronaca

Controlli antidroga in via di Pratalata: in manette due persone

FIANO ROMANO – Due giovani del posto sono stati arrestati in via di Pratalata per detenzione ai fini di spaccio di cocaina e marijuana. Le due diverse operazioni dell’Arma hanno permesso...

Cronaca

Cocaina in auto e marijuana sul balcone: in manette due pusher

CAPENA/MONTEROTONDO SCALO – Due pusher ai domiciliari: fermati dai carabinieri in due diverse operazioni antidroga. Sequestrate cocaina e marijuana...

Cronaca

Incendia la casa della madre e la distrugge: in manette

MENTANA – Incendia la casa della madre dopo una lite. I carabinieri hanno arrestato un 44enne per incendio aggravato. Le fiamme hanno...