Stampa

L'INGEGNERE RISPONDE

Sicurezza sui luoghi di lavoro: il ruolo del lavoratore e dell'artigiano

L'ingegnere Vigilante risponde a due quesiti sulla normativa in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro

Il ruolo del lavoratore in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro ed i diritti e doveri dell'artigiano-muratore

Il ruolo del lavoratore in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro ed i diritti e doveri dell'artigiano-muratore

Gentili lettori,
sono l'ingegnere Nicola Vigilante e mi occupo di sicurezza sul lavoro dal 2001. E' con vero piacere che collaboro con la redazione di questo giornale. Cercherò di dare un contributo alternativo allo sviluppo della "cultura della sicurezza" negli ambienti di lavoro. Mi sono stati posti due quesiti circa l'attuazione della normativa antinfortunistica da parte del lavoratore e se a tale normativa è sottoposto anche l'artigiano senza dipendenti. Cercherò di rispondere in breve a queste domande rimandando i lettori ad un più ampio approfondimento sul sito internet www.corrieresicurezza.it.

ANCHE IL LAVORATORE E' RESPONSABILE PER L'ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA ANTINFORTUNISTICA? La sicurezza nei luoghi di lavoro è una delle problematiche più spinose per qualsiasi azienda...ma riguarda anche i lavoratori. La normativa antinfortunistica, infatti, non deve essere attuata e rispettata solo dal datore di lavoro ma lo stesso lavoratore viene messo in primo piano, in quanto beneficiario della tutela e, dunque, protagonista della sua attuazione. Spesso si considerano i lavoratori solo come i beneficiari delle norme di sicurezza e non come coloro che devono collaborare all'osservanza di tali norme. Infatti, secondo il sistema normativo in materia, il lavoratore è allo stesso tempo "beneficiario della tutela" ma anche "soggetto attivo" per l'attuazione della tutela stessa. Pertanto il lavoratore non può tralasciare di collaborare all'osservanza delle norme di prevenzione al fine di salvaguardare sia la sicurezza della propria persona che quella dei colleghi e compagni di lavoro, nonché di tutte quelle persone che accedono legittimamente ai luoghi di lavoro.

UN ARTIGIANO SENZA DIPENDENTI E' SOGGETTO A TALE NORMATIVA? In materia di normativa antinfortunistica mi è stata spesso posta questa domanda: un artigiano muratore senza dipendenti è soggetto alla normativa antinfortunistica e, quindi, deve approntare o autocertificare il documento di valutazione dei rischi e nominare il medico competente? La risposta è sicuramente no. L'artigiano muratore senza dipendenti non deve fare la valutazione dei rischi perché non è datore di lavoro. Tuttavia deve utilizzare le attrezzature ed i dispositivi di protezione individuale conformi al Testo Unico Sicurezza (D. Lgs. 81/08). Attenzione, però: per le prestazioni svolte nell'ambito del cantiere entrano in gioco gli obblighi del committente o del responsabile dei lavori (articolo 90 del Decreto Legislativo 81/2008). Quanto alla nomina del medico competente, non c'è obbligo. 

STUDIO VIGILANTE
Via Manzoni 169 - 64026 Roseto degli Abruzzi (Te)
Tel. 339.2525967
info@studiovigilante.it
www.studiovigilante.it 

- 21 Giugno 2009

Articolo scritto da Ing. Nicola Vigilante
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

L'esperto risponde

Anno nuovo, vita nuova...a partire dai capelli

Che noia i buoni propositi per l’anno nuovo! Trascorrere tutto il mese di gennaio a mangiare meglio, fare più attività fisica, impegnarsi a imparare qualcosa di nuovo...

L'esperto risponde

Ricostruzione unghie: metodi e tecniche

Le unghie sono la mia passione, ho fatto la mia prima ricostruzione esattamente 15 anni fa. Se ad oggi le mie unghie sono belle e forti lo devo solo alla ricostruzione unghie, ed è proprio per questo motivo che ho deciso...

L'esperto risponde

Una analisi sul panorama del diritto di famiglia: tra civil partnership, matrimoni gay ed adozioni da parte di omosessuali

Nelle ultime settimane si è riacceso, semmai si fosse sopito, il dibattito sulle “civil partnerships” e sull’adozione da parte di coppie dello stesso sesso, e, su questa scia, sono avvenute le prime trascrizioni...

L'esperto risponde

Pollini e allergie primaverili: le terapie e alcuni accorgimenti

Per 3 italiani su 10 la primavera porta non solo giornate più lunghe ed assolate, ma purtroppo anche prurito al naso, rinorrea bruciante e abbondante, occhi rossi e umidi, congiuntivite, tosse secca e, nei casi peggiori, asma...

L'esperto risponde

Il Decreto Legislativo sulla Filiazione: un colpo di mano contro l’affido condiviso

Si è consumato nei giorni scorsi, ad opera del Governo Letta, un colpo di mano contro il c.d. affido condiviso che, invece di veleggiare verso una applicazione più concreta nei fatti ed ancor più equilibrata nel dato normativo...