Stampa

EDITORIALE

La ricchezza di Papa Francesco

Scegliendo il nome di Francesco, egli invita la Chiesa a non affidarsi a nessun’altra modalità di comunicare se stessa, se non alla nuda e semplice testimonianza della bellezza della fede

Habemus Papam: è Jorge Mario Bergoglio, vescovo di Buenos Aires, cittadino argentino con genitori di origine italiana.

Con la scelta del nome Francesco, il Papa è riuscito a comunicarci, fin dalle prime mosse, con gesti semplici, comprensibili per chiunque, dove fissa il suo sguardo, ciò che ha di più caro.

Con la scelta del nome Francesco, il nuovo Papa ci rivela la sua povertà, anzi la sua vera ricchezza: Gesù Cristo. Scegliendo il nome di Francesco, egli invita la Chiesa a non affidarsi a nessun’altra modalità di comunicare se stessa, se non alla nuda e semplice testimonianza della bellezza della fede.

E’ evidente la sintonia profonda, fondata nella fede in Gesù Cristo, tra il realismo di Benedetto XVI, il quale, con il suo gesto di dimissioni, ha ricordato al mondo che la Chiesa è di Cristo, e l’umile realismo di papa Francesco, che, da subito, ha espresso la coscienza del suo ministero petrino: egli è il Vescovo in comunione e in cammino con il popolo della Chiesa di Roma, «quella che presiede nella carità tutte le Chiese», secondo la felice espressione dei sant’Ignazio di Antiochia.

Dal concilio ad oggi i nomi dei Papi sono significativi di un disegno divino chiarissimo.

Giovanni XXIII e Paolo VI sono i Papi del Concilio Vaticano II: essi hanno ripreso i nomi dei due Apostoli fondatori e teologi, colonne della Chiesa primitiva, Giovanni e Paolo. Poi sono venuti due Papi che hanno voluto dimostrare la continuazione del Concilio, chiamandosi, entrambi, Giovanni Paolo. I nomi scelti dagli ultimi due Papi accentuano il carattere missionario, della diffusione della Chiesa nel mondo: Benedetto e Francesco sono i fondatori, il primo, della nuova civiltà europea e, il secondo, del rinnovamento della Chiesa. E’ il segno, la strada che Dio sta indicando alla sua Chiesa oggi, in questi tempi di confusione, come ai tempi di San Benedetto e di San Francesco: agli occhi del mondo, erano poveri, ma essi hanno affascinato milioni e milioni di uomini e donne con la ricchezza della loro fede, con la testimonianza della loro vita cambiata dall’esperienza di amicizia con Gesù Cristo.

Sembra realizzarsi la profezia che Joseph Ratzinger, nel lontano 1969, fece sulla rivista Concilium: “Dalla crisi odierna emergerà una Chiesa che avrà perso molto. Diverrà piccola e dovrà ripartire più o meno dagli inizi. Non sarà più in grado di abitare gli edifici che ha costruito in tempi di prosperità. Con il diminuire dei suoi fedeli, perderà anche gran parte dei privilegi sociali. Ripartirà da piccoli gruppi, da movimenti e da una minoranza che rimetterà la Fede al centro dell’esperienza. Allora la gente vedrà quel piccolo gregge di credenti come qualcosa di totalmente nuovo: lo scopriranno come una speranza per se stessi, la risposta che avevano sempre cercato in segreto”.

di Oreste Malatesta

- 15 Marzo 2013

Articolo scritto da Oreste Malatesta
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Editoriale

Per ogni libro venduto 1 euro alle popolazioni colpite dal terremoto

La nostra società editoriale Gioant Srl partecipa all’ottava edizione della fiera dell’editoria indipendente “Liberi sulla Carta” in programma dal 16 al 18 settembre a Farfa. Siamo particolarmente legati a questo evento perché è il primo a cui abbiamo partecipato a pochi mesi dalla nostra nascita e perché ogni anno lo abbiamo visto crescere e ci ha visti crescere in un abbraccio simbolico tra...

Editoriale

Continuità o cambiamento: la sfida elettorale è stata giocata sui social

Ventisei comuni al voto. Le Elezioni Amministrative 2016 hanno visto battagliare i candidati sui social, in particolare su Facebook, con ogni mezzo: commenti, scontri di idee, denunce, video e fotografie. Gli elettori hanno potuto conoscere sia privatamente che tramite i gruppi di lista cosa si faceva, si diceva e si pensava anche non partecipando agli incontri politici. Una controtendenza questa che ha scardinato l’egemonia dei tradizionali comizi elettorali...

Editoriale

Incontri per la prevenzione del bullismo. Un esempio di buona scuola

Contro il bullismo partono degli incontri sui banchi di scuola con i più piccoli. L’iniziativa di prevenzione del fenomeno “bullismo”, iniziata nella scuola primaria “Don Papacchini” di San Gordiano in provincia di Roma, prevede degli appuntamenti tenuti da un avvocato e da una psicologa e psicoterapeuta. L’intento dell’iniziativa, che fa parte del progetto “Scuola…mica”, è quello di educare i bambini, già dalla scuola primaria, ad una buona educazione dell'altro per prevenire atti di bullismo...

OROSCOPO 2016

Cosa ci dicono le stelle segno per segno: tutto sull'Oroscopo 2016

Le stelle del 2016: tutto su amore, lavoro e salute per i segni zodiacali di aria, terra, acqua e fuoco. I segni favoriti di quest'anno sono il Leone, l’Acquario, il Toro, lo Scorpione e l’Ariete. Il 2016 sarà un anno buono ma non eccellente per i Cancro, i Capricorno e i Sagittario, mentre sarà un po’ difficile e a volte contrario per i Gemelli, i Vergine, i Bilancia e i Pesci. Tutti i segni dello Zodiaco saranno chiamati a continuare percorsi già intrapresi nel 2015: là dove si saranno impegnati riceveranno ottime notizie, salti di carriera e amore. Non sarà un anno facilissimo questo per via di Giove in Bilancia che stimolerà...

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

L'apertura delle Porte Sante nelle Diocesi di Civita Castellana e Sabina-Poggio Mirteto

La Diocesi di Civita Castellana e la Diocesi di Sabina-Poggio Mirteto si preparano ad aprire le Porte Sante nel territorio in occasione del Giubileo straordinario della Misericordia. Come prevede la bolla “Misericordiae Vultus”, la Porta Santa verrà aperta nelle basiliche papali e sarà data facoltà a ogni Diocesi di aprire una o più porte sante. Domenica 13 dicembre il vescovo della Diocesi Sabina-Poggio Mir...