Stampa

DEVOZIONE MARIANA

La devozione alla Madonna Addolorata

I “sette dolori” della Vergine Maria

La devozione alla Beata Vergine Addolorata, che nasce dai passi del Vangelo dove si parla della presenza di Maria Vergine sul Calvario, si diffuse a partire dalla fine dell'XI secolo fino a quando, il Papa Pio VII, nel 1814, la inserì nel calendario romano delle celebrazioni liturgiche.

LA DEVOZIONE. Da questa antichissima devozione è nato il popolarissimo 'Stabat Mater', attribuito a Jacopone da Todi, il quale compose anche le famose 'Laudi'. Dal sentimento popolare molto intenso, ebbe origine la festa dei "Sette Dolori di Maria SS" che veniva celebrata a livello locale in molte Chiese. Al testo del celebre "Stabat Mater", si sono ispirati vari musicisti; tra i più illustri troviamo Palestrina, Pergolesi, Rossini, Verdi, Dvorak. La Vergine Addolorata è fonte d'ispirazione in tante espressioni dell'arte, oltre alla musica sacra,  pittura e scultura, basti pensare a Giotto o a Michelangelo, frutto dell'opera di grandi artisti.

I SETTE DOLORI DI MARIA. I Sette Dolori di Maria, corrispondono ad altrettanti episodi narrati nel Vangelo:
1) La profezia dell'anziano Simeone, quando Gesù fu portato al Tempio "E anche a te una spada trafiggerà l'anima";
2) La Sacra Famiglia è costretta a fuggire in Egitto "Giuseppe destatosi, prese con sé il Bambino e sua madre nella notte e fuggì in Egitto";
3) Il ritrovamento di Gesù dodicenne nel Tempio a Gerusalemme "Tuo padre ed io angosciati ti cercavamo";
4) Maria addolorata, incontra Gesù che porta la croce sulla via del Calvario;
5) La Madonna ai piedi della Croce in piena adesione alla volontà di Dio, partecipa alle sofferenze del Figlio crocifisso e morente;
6) Maria accoglie tra le sue braccia il Figlio morto deposto dalla Croce;
7) Maria affida al sepolcro il corpo di Gesù, in attesa della risurrezione.

LA DEVOZIONE ALLA MADONNA ADDOLORATA NELLA VALLE DEL TEVERE. La devozione alla Madonna Addolorata è molto presente nei paesi della Valle del Tevere. Il giorno a Lei dedicato è il 15 Settembre e i festeggiamenti si svolgono di solito nei fine settimana per consentire una più vasta partecipazione. Questa festa esprime la riconoscenza alla Vergine Addolorata per aver accolto le suppliche del popolo provato dalla sofferenza nelle varie circostanze della vita. Chi più di una Madre che vede morire il proprio Figlio sulla croce  può capire i dolori che purtroppo s'incontrano nel cammino dell'esistenza? Maria è la mediatrice tra il genere umano e Gesù Cristo, porta a Lui le nostre preghiere e intercede presso il Trono Celeste perché si compia la salvezza e cessino le sofferenze. Da tempo immemorabile, le mamme Le chiedono protezione per le loro famiglie, specie per i piccoli. Nel cuore della gente, di secolo in secolo, è rimasto vivo questo filo di luce che unisce la terra al cielo nelle preghiere silenziose di tante persone, perché Maria è una  di noi e ci può capire nel profondo, Lei che ha vissuto paure e dolori come  noi ma li ha vinti tutti.

- 15 Settembre 2009

Articolo scritto da Fabiana Chini
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 15 luglio 2018

Riconoscere nel Signore il fautore di ogni vocazione non è difforme alla ragione o alla libertà di scelta umana. E' infatti Dio stesso a...

Per l'anima

I messaggi del mese di giugno 2018 della Regina della Pace

"Cari figli! Questo è il giorno che mi ha dato il Signore per ringraziarLo per ciascuno di voi, per coloro che si sono convertiti e che hanno accettato i miei messaggi e si sono...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 8 luglio 2018

Il Vangelo di oggi è duro nella sua essenzialità. Ci dice che non basta credere di essere vicini a Gesù, perché da noi nasca un'autentica...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 1 luglio 2018

Gesù cacciati fuori tutti, prende con sé il padre e la madre, ricompone il cerchio vitale degli affetti, il cerchio dell'amore che dà la vita...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 24 giugno 2018

Il nome indica la persona, il suo unico ed irripetibile valore. Noi non “ci chiamiamo”, “siamo chiamati” dagli altri, siamo il frutto di una relazione, di cui il nome è espressione. Il figlio di Elisabetta e Zaccaria...