Stampa

PER L'ANIMA

La devozione a Santa Cecilia

La santa, patrona della musica e dei musicisti, viene ricordata il 22 novembre

Il culto di Santa Cecilia è molto popolare perché è la patrona della musica. Fu martire a Roma nel II° secolo, durante l'impero di Marco Aurelio. Secondo la tradizione, Cecilia era figlia di una nobile famiglia romana che la diede in sposa a Valeriano. Malgrado il matrimonio, fece voto di castità per amore di Gesù e convertì anche suo marito. Dopo la morte di Valeriano, sarebbe stata incarcerata e decapitata  per ordine del Prefetto della città. Venne sepolta nelle catacombe di San Callisto e dopo alcuni secoli i suoi resti furono deposti nella bella Basilica di Santa Cecilia in Trastevere.

PERCHE' E' PATRONA DELLA MUSICA? Non è ben chiaro il motivo per cui Cecilia sarebbe diventata patrona della musica e un esplicito nesso tra Cecilia e la musica è documentato soltanto a partire dal tardo Medioevo. Sempre dai racconti tradizionali della sua passione, sembrerebbe che  Cecilia  "tra gli strumenti di tortura incandescenti, cantava a Dio nel suo cuore" mentre veniva martirizzata.  A partire dal XV secolo, nell'ambito del Gotico cortese, la santa venne raffigurata con un piccolo organo portativo. Dedicato alla santa, nel XIX secolo sorse il cosiddetto Movimento Ceciliano, diffuso in Italia, Francia e Germania. Vi aderirono musicisti, liturgisti e altri studiosi, che intendevano restituire dignità alla musica liturgica. Sotto il nome di Santa Cecilia sorsero così scuole, associazioni e periodici.

LA SANTA NELL'ARTE. Numerose sono le opere d'arte ispirate dalla santa, oltre alla famosa Estasi di Santa Cecilia di Raffaello, e in suo onore sono state composte molte opere musicali quali l'Inno a santa Cecilia di Benjamin Britten, un Inno per santa Cecilia di Herbert Howells, la nota Missa Sanctae Ceciliae di Joseph Haydn, una messa di Alessandro Scarlatti, la Messe Solennelle de Sainte Cécile di Charles Gounod e altre.

GLI EMBLEMI. Gli emblemi legati a Santa Cecilia sono il giglio, l'organo, il liuto e la palma.

di Fabiana Chini

- 21 Novembre 2009

Articolo scritto da Fabiana Chini
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 2 dicembre 2018

L'inizio del nuovo anno liturgico con la prima domenica d'Avvento ci invita a concentrarci su alcune cose essenziali da farsi sempre e soprattutto in questo tempo...

Per l'anima

I messaggi del mese di novembre 2018 della Regina della Pace

"Cari figli! Questo tempo è tempo di grazia e di preghiera, tempo di attesa e di donazione. Dio si dona a voi perché lo amiate al di sopra di ogni cosa. Perciò, figlioli, aprite i vostri cuori...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 25 novembre 2018

E l'anno liturgico si conclude proprio con il momento iniziale di questa “vita donata”, quello del processo di fronte a un rappresentante dei poteri di questo mondo, che crede di “avere” la verità, di possederla in quanto giudice...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 18 novembre 2018

È possibile che un fico insegni? e cosa mai ci può insegnare un fico? Nel periodo invernale si spoglia del fogliame così la sua trasformazione in primavera è particolarmente spettacolare ed è un segno dell'arrivo dell'estate...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 11 novembre 2018

L'offerta di quella donna è un vero e proprio olocausto, un dono totale... tutto quanto aveva per vivere equivale alla sua vita. Non c'è un dopo nella sua storia, la sua è una offerta totale...