Stampa

PER L'ANIMA

La devozione a Santa Cecilia

La santa, patrona della musica e dei musicisti, viene ricordata il 22 novembre

Il culto di Santa Cecilia è molto popolare perché è la patrona della musica. Fu martire a Roma nel II° secolo, durante l'impero di Marco Aurelio. Secondo la tradizione, Cecilia era figlia di una nobile famiglia romana che la diede in sposa a Valeriano. Malgrado il matrimonio, fece voto di castità per amore di Gesù e convertì anche suo marito. Dopo la morte di Valeriano, sarebbe stata incarcerata e decapitata  per ordine del Prefetto della città. Venne sepolta nelle catacombe di San Callisto e dopo alcuni secoli i suoi resti furono deposti nella bella Basilica di Santa Cecilia in Trastevere.

PERCHE' E' PATRONA DELLA MUSICA? Non è ben chiaro il motivo per cui Cecilia sarebbe diventata patrona della musica e un esplicito nesso tra Cecilia e la musica è documentato soltanto a partire dal tardo Medioevo. Sempre dai racconti tradizionali della sua passione, sembrerebbe che  Cecilia  "tra gli strumenti di tortura incandescenti, cantava a Dio nel suo cuore" mentre veniva martirizzata.  A partire dal XV secolo, nell'ambito del Gotico cortese, la santa venne raffigurata con un piccolo organo portativo. Dedicato alla santa, nel XIX secolo sorse il cosiddetto Movimento Ceciliano, diffuso in Italia, Francia e Germania. Vi aderirono musicisti, liturgisti e altri studiosi, che intendevano restituire dignità alla musica liturgica. Sotto il nome di Santa Cecilia sorsero così scuole, associazioni e periodici.

LA SANTA NELL'ARTE. Numerose sono le opere d'arte ispirate dalla santa, oltre alla famosa Estasi di Santa Cecilia di Raffaello, e in suo onore sono state composte molte opere musicali quali l'Inno a santa Cecilia di Benjamin Britten, un Inno per santa Cecilia di Herbert Howells, la nota Missa Sanctae Ceciliae di Joseph Haydn, una messa di Alessandro Scarlatti, la Messe Solennelle de Sainte Cécile di Charles Gounod e altre.

GLI EMBLEMI. Gli emblemi legati a Santa Cecilia sono il giglio, l'organo, il liuto e la palma.

di Fabiana Chini

- 21 Novembre 2009

Articolo scritto da Fabiana Chini
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 24 giugno 2018

Il nome indica la persona, il suo unico ed irripetibile valore. Noi non “ci chiamiamo”, “siamo chiamati” dagli altri, siamo il frutto di una relazione, di cui il nome è espressione. Il figlio di Elisabetta e Zaccaria...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 17 giugno 2018

La realizzazione di ogni progetto esige che si percorrano terreni a volte insidiosi o accidentati, che si accettino anche fallimenti o delusioni, intoppi e percorsi variegati...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 10 giugno 2018

Dio non vuole che non pecchiamo: sa benissimo che ci risulta impossibile. Dio non ci vuole perfetti: sa benissimo che non ci corrisponde. Dio non ci vuole irreprensibili o immacolati, e nemmeno liberi da tentazioni...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 3 giugno 2018

Come si può parlare di Gesù nostro Signore, realmente presente nel sacramento dell'Eucarestia? Se non invochiamo lo Spirito Santo...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 27 maggio 2018

Nell'annuale ricorrenza della solennità della Santissima Trinità, che, come sappiamo, si celebra la domenica successiva alla Pentecoste...