Stampa

L’ARRESTO DOPO UN’ACCURATA INDAGINE DURATA MESI

In manette un infermiere: nasconde droga nell’auto del collega

In lizza per il posto “fisso” non esita ad incastrare un dipendente dell’Ospedale “De Lellis”

RIETI – In manette un infermiere dell’ospedale “De Lellis”: in lizza per lo stesso posto di lavoro aveva nascosto droga nell’auto di un collega. Dopo un’accurata indagine i carabinieri lo hanno arrestato per calunnia e detenzione di sostanze stupefacenti.

IL FATTO. Stamattina i carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Rieti, coordinati dal Pubblico Ministero Rocco Gustavo Maruotti, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Rieti. I militari hanno arrestato M.P., un infermiere 37enne in servizio presso l’ospedale “De Lellis”, per i reati di calunnia e detenzione di sostanze stupefacenti.

L’INDAGINE. L’indagine aveva avuto inizio nel dicembre scorso con l’arrivo di un sms all’utenza telefonica dei carabinieri del Comando Provinciale di Rieti. Il messaggio segnalava la presenza di un ingente quantitativo di stupefacente all’interno di un’autovettura, Volkswagen Golf, che sarebbe transitata il giorno successivo sulla strada statale 4, in prossimità del bivio di Fonte Cottorella. Dando seguito alla segnalazione il giorno dopo due pattuglie si sono appostate nello svincolo indicato intercettando l’autovettura. Nella successiva perquisizione del veicolo, effettuata sul posto, i carabinieri hanno rinvenuto, all’interno del vano della ruota di scorta, circa 11 grammi di marijuana già suddivisa in dosi. A quel punto i militari hanno sequestrato la sostanza e trasferito il conducente dell’autovettura A.F., un giovane infermiere in servizio con contratto a tempo determinato presso l’ospedale “De Lellis”, negli uffici del Nucleo Investigativo per la formalizzazione degli atti a suo carico. Una volta in caserma il giovane ha continuato a negare che la droga fosse sua, riferendo inoltre che era stato probabilmente “incastrato” da M. P., suo collega anch’esso in servizio a tempo determinato presso lo stesso nosocomio. Il giovane ha riferito ai carabinieri che tra lui e il 37enne c’erano da tempo forti dissidi legati ai turni di lavoro e al fatto che entrambi aspiravano alla stabilizzazione e al contratto a tempo indeterminato. Inoltre nel corso dell’interrogatorio il giovane ha riferito che qualche giorno prima aveva condiviso il turno di notte proprio con quel collega. I militari, insospettiti dalla ricostruzione dettagliata, hanno subito aperto una minuziosa attività di indagine esaminando con cura i filmati delle telecamere a circuito chiuso dell’ospedale. Inoltre i carabinieri hanno acquisito diverse testimonianze e analizzato con cura i tabulati telefonici delle utenze dei due infermieri. Al termine dell’indagine i militari hanno scagionato completamente A.F. da ogni responsabilità, dimostrando inoltre che fosse stato M. P. ad occultare lo stupefacente all’interno della vettura del collega e ad inviare l’sms anonimo ai carabinieri. Dopo quattro mesi per A. F. è finito un incubo che ha messo in serio pericolo il suo lavoro e la sua vita personale.

di Gioia Maria Tozzi

Rieti - 09 Marzo 2016

Articolo scritto da Gioia Maria Tozzi
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Cronaca

Minaccia l’ex con la pistola per comprare la droga ma viene arrestato

MENTANA – Picchia e minaccia di morte l'ex moglie per prenderle denaro ed acquistare la droga. La donna chiede aiuto al 112. L’uomo una volta capito di...

Cronaca

Minaccia l’ex compagna con un taglierino. I carabinieri arrestano uno stalker

MONTELIBRETTI – Minaccia con un taglierino l’ex compagna. La donna si rifugia in auto per sfuggirgli e viene salvata dai carabinieri. Per l’uomo sono...

Cronaca

Cocaina nascosta nel cruscotto. I carabinieri fermano un 40enne sabino

FONTE NUOVA – 40enne sabino nei guai per spaccio di cocaina. I carabinieri lo hanno fermato in località Santa Lucia, lungo la provinciale Palombarese. Nella sua auto sono state...

Cronaca

40 anni dal rapimento e assassinio di Moro e della scorta: parte il progetto “55 giorni”

TORRITA TIBERINA – “55 giorni”: a quarant’anni di distanza dal rapimento ed uccisione di Aldo Moro, il paese tiberino dove riposa lo ricorda...

Cronaca

Conflitto di interessi: il M5S accusa il primo cittadino in consiglio

FIANO ROMANO – Conflitto di interessi: questa l’accusa del Movimento 5 Stelle al sindaco Ottorino Ferilli. L’interrogazione è stata preannunciata, prima della...