Stampa

L'AVVOCATO RISPONDE

L’illegittimità dell’Iva sulla tassa dei rifiuti

La sentenza n°238 del 2009 della Corte Costituzionale

Con una recente sentenza (la n. 238 del 24 luglio 2009), la Corte Costituzionale, chiamata a pronunciarsi in materia di tasse per lo smaltimento dei rifiuti, ha affermato l'illegittimità dell'applicazione dell'Iva sulla Tarsu (Tassa sui rifiuti solidi urbani) e sulla Tia (Tariffa di igiene ambientale). 

LA QUESTIONE. La questione, in particolare, è consistita nello stabilire la qualificazione giuridica della tariffa d'igiene ambientale e la asserita incostituzionalità delle norme che attribuiscono la competenza, riguardante le relative controversie, alle commissioni tributarie. Infatti, se per la Tarsu non erano mai sorti dubbi inerenti né la qualificazione giuridica (trattasi di tassa), né riguardo gli organi deputati a conoscerne le controversie (commissioni tributarie), così non è stato per  la tariffa d'igiene ambientale (Tia) che, proprio per essere stata nominata tariffa, ha portato diversi addetti ai lavori, ivi compresi i giudici di Catania e Prato (ossia coloro che hanno investito della questione la Corte), a ritenere che si trattasse di un corrispettivo di diritto privato, al pari un qualunque compenso per la prestazione di un servizio. 

LA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE. Contrastando questa visione delle cose, la Corte Costituzionale ha affermato che "per una corretta valutazione della natura della tariffa di igiene ambientale (Tia), è invece opportuno muovere dalla constatazione che tale prelievo, pur essendo diretto a sostituire la Tarsu, è disciplinato in modo analogo a detta tassa, la cui natura tributaria non è mai stata posta in dubbio né dalla dottrina né dalla giurisprudenza. Conseguentemente, deve procedersi ad una approfondita comparazione tra il prelievo tributario sostituito e quello che lo sostituisce, sotto i profili della struttura, della funzione e della disciplina complessiva della fattispecie dei prelievi (C. Cost. 24 luglio 2009, n. 238).

L'LLEGITTIMITA' DELL'IVA: IL DIRITTO DI RESTITUZIONE. Ma la Corte è andata oltre, aggiungendo: (...) un altro significativo elemento di analogia tra la Tia e la Tarsu è costituito dal fatto che ambedue i prelievi sono estranei all'ambito di applicazione dell'Iva.(...) Non esiste, del resto, una norma legislativa che espressamente assoggetti ad Iva le prestazioni del servizio di smaltimento dei rifiuti" (C. Cost. cit). In virtù di quanto detto, tutti quei contribuenti che abbiano pagato l'Iva sulla Tarsu o sulla Tia hanno diritto a chiedere la restituzione di quanto indebitamente pagato.

Avv. Marco Valerio Verni

- 05 Agosto 2010

Dott. Marco Valerio Verni

Articolo scritto da Avv. Marco Valerio Verni
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

L'esperto risponde

Anno nuovo, vita nuova...a partire dai capelli

Che noia i buoni propositi per l’anno nuovo! Trascorrere tutto il mese di gennaio a mangiare meglio, fare più attività fisica, impegnarsi a imparare qualcosa di nuovo...

L'esperto risponde

Ricostruzione unghie: metodi e tecniche

Le unghie sono la mia passione, ho fatto la mia prima ricostruzione esattamente 15 anni fa. Se ad oggi le mie unghie sono belle e forti lo devo solo alla ricostruzione unghie, ed è proprio per questo motivo che ho deciso...

L'esperto risponde

Una analisi sul panorama del diritto di famiglia: tra civil partnership, matrimoni gay ed adozioni da parte di omosessuali

Nelle ultime settimane si è riacceso, semmai si fosse sopito, il dibattito sulle “civil partnerships” e sull’adozione da parte di coppie dello stesso sesso, e, su questa scia, sono avvenute le prime trascrizioni...

L'esperto risponde

Pollini e allergie primaverili: le terapie e alcuni accorgimenti

Per 3 italiani su 10 la primavera porta non solo giornate più lunghe ed assolate, ma purtroppo anche prurito al naso, rinorrea bruciante e abbondante, occhi rossi e umidi, congiuntivite, tosse secca e, nei casi peggiori, asma...

L'esperto risponde

Il Decreto Legislativo sulla Filiazione: un colpo di mano contro l’affido condiviso

Si è consumato nei giorni scorsi, ad opera del Governo Letta, un colpo di mano contro il c.d. affido condiviso che, invece di veleggiare verso una applicazione più concreta nei fatti ed ancor più equilibrata nel dato normativo...