Stampa

L'AVVOCATO RISPONDE

Il pagamento delle spese condominiali arretrate nel caso di vendita di appartamento

La responsabilità solidale tra le parti e la sua derogabilità

Quando si acquista un immobile sito in un condominio, sarebbe buona precauzione assicurarsi che chi vende sia in regola con il pagamento delle relative spese condominiali. Infatti, secondo l'art. art. 63, secondo comma, disp. att. cod. civ. "Chi subentra nei diritti di un condominio è obbligato, solidalmente con questo, al pagamento dei contributi relativi all'anno in corso e a quello precedente".

Questo vuol dire che,  qualora il suddetto venditore abbia degli arretrati, e non venga pattuito diversamente con l'acquirente, l'amministratore del condominio potrà chiedere l'adempimento tanto all' uno quanto all'altro (c.d. responsabilità solidale). In particolare, nei confronti dell'acquirente, a mente dell'articolo citato, potrà pretendere le somme imputabili sia all'anno relativo alla vendita sia a quello precedente. Chiaro il rischio per chi compra: vedersi notificare un decreto ingiuntivo, salvo il pagamento spontaneo e tempestivo.

E' bene chiarire, però, che qualora si verificasse ciò, l'acquirente potrà successivamente agire nei confronti dell'originario proprietario per le dovute restituzioni. Naturale domandarsi: è possibile per l'acquirente mettersi al riparo da tutto ciò? La risposta è certamente positiva e trova la sua causa nella derogabilità della suddetta responsabilità solidale: l'acquirente, infatti, può benissimo pretendere di inserire nel contratto di compravendita una clausola che lo esoneri dal pagamento delle spese condominiali arretrate, qualora esistenti (per verificare ciò, il compratore può farsi autorizzare dal venditore a visionare la documentazione contabile del condominio tenuta dall'amministratore). Così, nel caso quest'ultimo dovesse avanzare pretese creditizie nei confronti di detto acquirente o, peggio, provvedere a fargli notificare il famoso decreto ingiuntivo, costui ben potrà opporsi, forte della deroga al principio di responsabilità patrimoniale solidale preventivamente pattuita.

Avv. Marco Valerio Verni

- 29 Settembre 2011

Dott. Marco Valerio Verni

Articolo scritto da Avv. Marco Valerio Verni
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

L'esperto risponde

Anno nuovo, vita nuova...a partire dai capelli

Che noia i buoni propositi per l’anno nuovo! Trascorrere tutto il mese di gennaio a mangiare meglio, fare più attività fisica, impegnarsi a imparare qualcosa di nuovo...

L'esperto risponde

Ricostruzione unghie: metodi e tecniche

Le unghie sono la mia passione, ho fatto la mia prima ricostruzione esattamente 15 anni fa. Se ad oggi le mie unghie sono belle e forti lo devo solo alla ricostruzione unghie, ed è proprio per questo motivo che ho deciso...

L'esperto risponde

Una analisi sul panorama del diritto di famiglia: tra civil partnership, matrimoni gay ed adozioni da parte di omosessuali

Nelle ultime settimane si è riacceso, semmai si fosse sopito, il dibattito sulle “civil partnerships” e sull’adozione da parte di coppie dello stesso sesso, e, su questa scia, sono avvenute le prime trascrizioni...

L'esperto risponde

Pollini e allergie primaverili: le terapie e alcuni accorgimenti

Per 3 italiani su 10 la primavera porta non solo giornate più lunghe ed assolate, ma purtroppo anche prurito al naso, rinorrea bruciante e abbondante, occhi rossi e umidi, congiuntivite, tosse secca e, nei casi peggiori, asma...

L'esperto risponde

Il Decreto Legislativo sulla Filiazione: un colpo di mano contro l’affido condiviso

Si è consumato nei giorni scorsi, ad opera del Governo Letta, un colpo di mano contro il c.d. affido condiviso che, invece di veleggiare verso una applicazione più concreta nei fatti ed ancor più equilibrata nel dato normativo...