Stampa

L'INGEGNERE RISPONDE

Un collaboratore a progetto può svolgere il ruolo di Rspp?

Formazione ed attestati: i requisiti per ricoprire il ruolo

Un collaboratore di un'azienda può svolgere il ruolo di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione? Se sì quali requisiti deve possedere? Una lettrice mi ha scritto per avere delucidazioni sull'argomento. La prima risposta è affermativa: un collaboratore a progetto può ricoprire il ruolo di Rspp. In quanto ai requisiti la normativa prevede che per la nomina il collaboratore a progetto abbia completato il percorso di formazione e sia in possesso dell'attestato di frequenza e di verifica di quanto appreso.

LA DOMANDA DI UN LETTORE
Spett.le Redazione,
avrei da sottoporre un quesito all'Ing. Nicola Vigilante che cura la rubrica "Sicurezza sui luoghi di lavoro". Vorrei sapere se un collaboratore a progetto di una azienda possa svolgere il ruolo di Rspp e, in caso positivo, di quali requisiti debba essere in possesso.
Ringraziandovi, porgo distinti saluti,
Sabina P.

LA RISPOSTA DELL'ESPERTO. Si fa presente che, salvo quanto previsto dall'art. 34 del D. Lgs. 81/08 (svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dei
rischi), il datore di lavoro organizza il servizio di prevenzione e protezione all'interno della azienda o della unità produttiva e nomina un Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (Rspp) che può essere esterno o interno secondo quanto previsto all'art. 31 del decreto stesso. Quindi, per quanto sopra detto, la risposta alla prima parte del quesito è affermativa. Per quanto riguarda il possesso dei requisiti per svolgere l'incarico di Rspp, il collaboratore a progetto dovrà aver completato tutto un percorso di formazione (moduli A, B e C) di cui al comma 2 dell'art. 32 del D. Lgs. n. 81/08 costituito secondo gli indirizzi forniti dall'Accordo Stato Regioni (salvo eventuali esoneri di cui alle tabelle A4 e A5 allegate allo stesso Accordo) ed essere in possesso del relativo attestato di frequenza con verifica dell'apprendimento.

Ing. Nicola Vigilante

- 29 Giugno 2009

Articolo scritto da Ing. Nicola Vigilante
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

L'esperto risponde

Anno nuovo, vita nuova...a partire dai capelli

Che noia i buoni propositi per l’anno nuovo! Trascorrere tutto il mese di gennaio a mangiare meglio, fare più attività fisica, impegnarsi a imparare qualcosa di nuovo...

L'esperto risponde

Ricostruzione unghie: metodi e tecniche

Le unghie sono la mia passione, ho fatto la mia prima ricostruzione esattamente 15 anni fa. Se ad oggi le mie unghie sono belle e forti lo devo solo alla ricostruzione unghie, ed è proprio per questo motivo che ho deciso...

L'esperto risponde

Una analisi sul panorama del diritto di famiglia: tra civil partnership, matrimoni gay ed adozioni da parte di omosessuali

Nelle ultime settimane si è riacceso, semmai si fosse sopito, il dibattito sulle “civil partnerships” e sull’adozione da parte di coppie dello stesso sesso, e, su questa scia, sono avvenute le prime trascrizioni...

L'esperto risponde

Pollini e allergie primaverili: le terapie e alcuni accorgimenti

Per 3 italiani su 10 la primavera porta non solo giornate più lunghe ed assolate, ma purtroppo anche prurito al naso, rinorrea bruciante e abbondante, occhi rossi e umidi, congiuntivite, tosse secca e, nei casi peggiori, asma...

L'esperto risponde

Il Decreto Legislativo sulla Filiazione: un colpo di mano contro l’affido condiviso

Si è consumato nei giorni scorsi, ad opera del Governo Letta, un colpo di mano contro il c.d. affido condiviso che, invece di veleggiare verso una applicazione più concreta nei fatti ed ancor più equilibrata nel dato normativo...