Stampa

L’AMMINISTRATORE RISPONDE

Quando il condominio obbliga a mettere delle grate con un disegno che diminuisce la sicurezza

Cosa dice il regolamento condominiale e cosa fare in questo caso?

Il regolamento condominiale obbliga a montare le grate, anche se il disegno prescelto può diminuire la sicurezza? Un lettore mi ha posto questo quesito per sapere come muoversi nel caso le grate alle finestre, la loro installazione, il colore e la forma siano stati fissati nel regolamento condominiale. Analizziamo la cosa partendo dalla domanda del lettore. 

LA DOMANDA DEL LETTORE. "Salve, volevo avere delle informazioni in merito alle grate alle finestre. Io ho comprato un appartamento in edilizia agevolata e tra pochi giorni mi verranno consegnate le chiavi di casa con il relativo regolamento di condominio dove è presente il colore e il disegno delle grate da montare. Volevo sapere se tale regolamento mi obbliga a montare le grate con quel disegno, per il colore non ho problemi, in quanto ritengo che tale disegno diminuisca la sicurezza della grata stessa. Grazie per il vostro interessamento e aspetto una vostra risposta". D. P.

LA RISPOSTA DELL'AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO. Gentile lettore, la prima cosa da fare, quando ci si trova in un condominio e si vuole intervenire sia sulle parti comuni che su quelle private, è quella di leggere attentamente il regolamento condominiale, se esiste. Se si tratta del regolamento di natura contrattuale, annesso al rogito, esso ha il potere di limitare anche i diritti soggettivi dei singoli proprietari; se invece si tratta di  regolamento approvato a maggioranza in assemblea, esso ha il potere di regolamentare solo l'utilizzo delle cose comuni. Nel vostro caso l'installazione delle grate alle finestre soggiace ad un limite ben preciso contenuto nel regolamento di condominio. Le grate, infatti, devono assumere una forma delineata da un disegno già stabilito. Si inseriscono in quello che è un contesto più ampio: la facciata condominiale. Una violazione del regolamento, pertanto, avrebbe sicuramente ripercussioni sul decoro architettonico dell'edificio e la porterebbe ad affrontare una serie di problemi a livello condominiale legati ad una violazione non solo del regolamento ma anche dell'art.1120 c.c. (sulle opere di alterazione del decoro). Quale Amministratore di Condominio Le consiglio di collocare le grate come prescritto dal regolamento; qualora il disegno sia un effettivo rischio per la vostra sicurezza ha la possibilità di parlarne in assemblea e chiedere una revisione del regolamento in merito, con l'unanimità dei consensi. Cordiali saluti, Antonio Tozzi.

Amministrazione di Immobili
Antonio Tozzi
Consulenze
Gestione contratti di locazione

Tel. 0765.455554 - 328.8173066
Fax 0765.943114
tozziantonio@hotmail.com

- 26 Aprile 2010

Articolo scritto da
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

L'esperto risponde

Anno nuovo, vita nuova...a partire dai capelli

Che noia i buoni propositi per l’anno nuovo! Trascorrere tutto il mese di gennaio a mangiare meglio, fare più attività fisica, impegnarsi a imparare qualcosa di nuovo...

L'esperto risponde

Ricostruzione unghie: metodi e tecniche

Le unghie sono la mia passione, ho fatto la mia prima ricostruzione esattamente 15 anni fa. Se ad oggi le mie unghie sono belle e forti lo devo solo alla ricostruzione unghie, ed è proprio per questo motivo che ho deciso...

L'esperto risponde

Una analisi sul panorama del diritto di famiglia: tra civil partnership, matrimoni gay ed adozioni da parte di omosessuali

Nelle ultime settimane si è riacceso, semmai si fosse sopito, il dibattito sulle “civil partnerships” e sull’adozione da parte di coppie dello stesso sesso, e, su questa scia, sono avvenute le prime trascrizioni...

L'esperto risponde

Pollini e allergie primaverili: le terapie e alcuni accorgimenti

Per 3 italiani su 10 la primavera porta non solo giornate più lunghe ed assolate, ma purtroppo anche prurito al naso, rinorrea bruciante e abbondante, occhi rossi e umidi, congiuntivite, tosse secca e, nei casi peggiori, asma...

L'esperto risponde

Il Decreto Legislativo sulla Filiazione: un colpo di mano contro l’affido condiviso

Si è consumato nei giorni scorsi, ad opera del Governo Letta, un colpo di mano contro il c.d. affido condiviso che, invece di veleggiare verso una applicazione più concreta nei fatti ed ancor più equilibrata nel dato normativo...