Stampa

A FONTE NUOVA, MENTANA E FIANO ROMANO

Furti e ricettazione: tre arresti e una denuncia

Gli interventi dei carabinieri dell’Aliquota Radiomobile e delle stazioni di Mentana e Fiano Romano

VALLE DEL TEVERE - In manette tre persone e una quarta denunciata a piede libero. I quattro diversi interventi sono stati eseguiti dai carabinieri dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Monterotondo e delle stazioni dell'Arma di Mentana e Fiano Romano. 

RICETTATORE ARRESTATO A FONTE NUOVA. Ieri pomeriggio i carabinieri dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Monterotondo hanno arrestato I. B., un rumeno di 21 anni senza fissa dimora. Il giovane stava circolando su un motociclo risultato rubato nel luglio scorso a Roma, in zona Prati. La targa del mezzo, invece, era stata rubata lo scorso febbraio a Fonte Nuova ed il suo furto era stato denunciato presso la stazione dei carabinieri di Mentana. La targa rubata aveva consentito al 21enne una sorta di "invisibilità" per potersi muovere e delinquere più tranquillamente. La refurtiva è stata recuperata e restituita ai legittimi proprietari. Il giovane è stato trasferito al carcere di Rebibbia a Roma.   

IN MANETTE DUE PERSONE A MENTANA. Due giorni fa i carabinieri della stazione di Mentana hanno arrestato L. V., una 50enne pregiudicata di Fonte Nuova. I militari, in esecuzione di un ordine di espiazione di pena detentiva emesso dal Tribunale di Roma lo scorso 7 aprile, hanno trasferito la donna presso la sua abitazione, dove dovrà scontare quattro mesi di reclusione, al regime della detenzione domiciliare, per furto aggravato. Sempre i carabinieri della stazione di Mentana, sabato scorso, in ottemperanza ad un ordine emesso dal Tribunale di Roma, hanno arrestato e trasferito al carcere romano di Rebibbia F. D. A., un 21enne pregiudicato di Mentana. Il giovane, che era sottoposto al regime dell'affidamento in prova ai servizi sociali, è stato arrestato per l'inosservanza della misura restrittiva.

DONNA ALBANESE DENUNCIATA PER RICETTAZIONE A FIANO ROMANO. I carabinieri della stazione di Fiano Romano hanno denunciato a piede libero al tribunale di Rieti R. J., una cittadina albanese di 21 anni. I militari al termine di un'indagine di Polizia Giudiziaria hanno accertato che la donna era in possesso di un telefono cellulare rubato e denunciato nel gennaio scorso da una sua connazionale proprio presso la stazione tiberina. Il cellulare è stato posto sotto sequestro. È la seconda volta in pochi giorni che i carabinieri di Fiano Romano denunciano stranieri per ricettazione di telefoni cellulari: pochi giorni fa, infatti, avevano proceduto per lo stesso reato nei confronti di un cittadina filippina. 

di Gioia Maria Tozzi

Valle del Tevere - 19 Aprile 2011

Articolo scritto da Gioia Maria Tozzi
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Cronaca

Il Capitano Ultimo incontra gli studenti: un botta e risposta tra valori e legalità

FIANO ROMANO – In un Palazzetto dello Sport gremito di giovani delle scuole medie locali si è svolto l’incontro con il Capitano Ultimo: l’eroe dell’Arma che ha combattuto e combatte la mafia...

Cronaca

Rubavano auto e vendevano i pezzi al mercato nero: cinque persone nei guai

CAPENA – Rubavano auto e le smontavano per poi rivenderne i pezzi al mercato nero. I carabinieri...

Cronaca

Forza le auto e ruba stereo ed altri oggetti: fermato ed arrestato dai carabinieri

FIANO ROMANO – Aveva preso di mira le auto parcheggiate nel centro commerciale Feronia di via Milano. I carabinieri lo hanno fermato tra le vett...

Cronaca

La parrocchia ricorda Don Giuseppe Mariottini a 20 anni dalla sua scomparsa

FIANO ROMANO – A vent’anni dalla sua morte si ricorda con una cerimonia ed un momento di riflessione e di testimonianza Don Giuseppe Mariottini, parroco del paese per oltre 50 anni...

Cronaca

Arrestati i truffatori della 'tecnica del mazzo di chiavi'

FIANO ROMANO – In carcere i truffatori che avevano ideato la tecnica del “mazzo di chiavi caduto a terra” per distrarre le vittime e sottrarre le borse in auto. Fatale per loro l’ultimo colpo...