Stampa

BIOGRAFIA DEI CANDIDATI ALLA REGIONE LAZIO

Emma Bonino: la vita e l’impegno in politica

Segno zodiacale Pesci, ha 61 anni e non è sposata

Emma Bonino è il candidato del centro sinistra alla presidenza della Regione Lazio. Attualmente è vice presidente del Senato della Repubblica (eletta nell'aprile 2008 nelle liste del Partito Democratico), vice presidente del Board di International Crisis Group (Icg), è membro del Board di European Council on Foreign Relations (Ecfr) e presidente del Forum di Dialogo Italo-Turco.

LA BIOGRAFIA. Emma Bonino è nata a Cuneo il 9 marzo del 1948; nel 1972 conseguì la laurea in Lingue e Letteratura Moderna presso l'Università Bocconi di Milano. Nel 1976 venne eletta alla Camera dei Deputati. Venne eletta alla Camera anche nel 1979, nel 1983, nel 1987, nel 1992 e nel 1994. Nella sua carriera politica ha esercitato la funzione di presidente del gruppo parlamentare radicale ed è stata membro dell'Ufficio di Presidenza del Parlamento. Venne eletta come deputata della "Rosa nel pugno" nella XV legislatura. Nel 1975 ha fondato il Cisa, il Centro Informazione sulla Sterilizzazione e l'Aborto, e ha promosso il referendum che ha introdotto la legislazione in materia di aborto in Italia. Inoltre nel 1986 è stata promotrice di un referendum contro il nucleare, che ha portato al rifiuto del programma di utilizzo dell'energia nucleare per fini civili in Italia. Nel 1979 fu promotrice di iniziative per la legalizzazione delle droghe, in particolare del referendum del 1991 che ha condotto all'abolizione del carcere per i consumatori. Nel 2006 assunse l'incarico di Ministro per il Commercio Internazionale e le Politiche Europee nel Governo Prodi II.

CARRIERA POLITICA INTERNAZIONALE. Emma Bonino è stata eletta al Parlamento Europeo nel 1979; poi venne rieletta nel 1984, nel 1999 e nel 2004. E' stata presidente (1991-1993) e segretaria (1993-1994) del Partito Radicale Transnazionale. Nel 1994 è stata nominata Commissario Europeo responsabile della Politica dei Consumatori, della Politica della Pesca e dell'Ufficio Europeo per l'Aiuto Umanitario d'Urgenza (Echo). Nel 1997 le sue competenze sono state allargate in materia di protezione della salute dei consumatori e di sicurezza alimentare. Nel 2002 è stata nominata Rappresentante del Governo italiano alla Conferenza Intergovernativa della Comunità delle Democrazie a Seul. Nel 2005 è stata nominata Rappresentante del Governo italiano alla Conferenza Intergovernativa della Comunità delle Democrazie a Santiago del Cile e ancora nell'aprile 2005, Capo della delegazione italiana alla Terza Conferenza Ministeriale della Comunità delle Democrazie.

LE CAMPAGNE SOCIALI PROMOSSE A LIVELLO INTERNAZIONALE. Emma Bonino ha promosso diverse campagne su tematiche legate alla società civile; campagne che sono state portate avanti anche a livello internazionale. Da quasi trent'anni l'attività politica di Emma Bonino è stata caratterizzata dalla rigorosa applicazione della pratica "nonviolenta", definita e adottata dal Mahatma Gandhi ed ora praticata dal Partito radicale Transnazionale. Questo spiega la sua frequente partecipazione a scioperi della fame e della sete, così come in atti di disobbedienza civile, che hanno accompagnato le principali campagne del suo partito. L'obiettivo dell'attivista nonviolento è quello di esercitare pressione affinché le istituzioni rispettino loro stesse e le proprie leggi. Atti di disobbedienza civile mirano a mostrare l'inadeguatezza e l'iniquità di una legge particolare, e la necessità di cambiarla non contestandola a parole, ma applicandola "fino alle sue estreme conseguenze", per esempio confessando che la si è violata e affrontando quindi il processo che ne deriva e che avrà un valore esemplare per la collettività. Fortemente impegnata contro ogni forma di discriminazione, in particolare rispetto alla condizione delle donne, ai comportamenti sessuali e alla libertà religiosa. Ha promosso e organizzato diverse campagne, tutte tendenti alla soluzione dei principali problemi sociali, usando il metodo della "regolamentazione e legalizzazione", metodo che essa considera il più idoneo a porre un freno agli interessi criminali e il più adeguato a superare i pericolosi divari tra la società, la legge e le istituzioni. Attraverso questo metodo e questo concetto, battaglie contro la proibizione del divorzio e contro l'aborto clandestino sono state vinte in Italia. La stessa metodologia è applicata tutt'ora nella lotta contro ogni proibizionismo in materia di droghe. La Bonino è fondatrice (1978) e segretaria dell'associazione "Food and Disarmament International", che ha lanciato una campagna contro la fame nel mondo basata sul "Manifesto dei Premi Nobel" (firmato da 113 Nobel); è promotrice di una campagna internazionale (1987) a favore dei diritti civili e politici nell'Europa dell'Est. Tra il 1990 e il 2002 è stata promotrice delle campagne internazionali in favore dei tribunali ad hoc contro i crimini di guerra nell'ex Yugoslavia e in Ruanda; per l'istituzione di una Corte Penale Internazionale permanente (Conferenza Diplomatica di Roma e approvazione dello Statuto nel 1998), per la moratoria sulla pena di morte nonché per l'intensificazione della lotta contro l'Aids. E' tra i fondatori delle Ong "Non c'è Pace Senza Giustizia" e "Nessuno Tocchi Caino". Tra il '97 e il '98 è stata promotrice, in qualità di Commissario Europeo, della campagna al Parlamento Europeo "Un fiore per le donne di Kabul" (in collaborazione con "Medici del Mondo" e col supporto di Ong europee e americane), contro la discriminazione in generale in Afghanistan e, in particolare, per consentire alle donne afgane l'accesso agli aiuti umanitari. Tra il 2000 e il 2002 è stata tra i promotori di una campagna internazionale (in collaborazione con la Commissione Europea, il Parlamento Europeo, il Comitato Inter-Africano contro le pratiche tradizionali e un network di Ngo europee) per lo sradicamento delle mutilazioni genitali femminili (Fgm) e delle altre "pratiche tradizionali" in 25 paesi africani e mediorientali in cui sono praticate e per il riconoscimento da parte degli Stati membri dell'Ue del diritto di asilo per le donne e le ragazze che rischiano di essere vittime delle Mgf. E' stata tra gli organizzatori della Conferenza Internazionale (giugno 2003) sugli "Strumenti Legali per l'eliminazione delle Mgf" che si è tenuta al Cairo. Nel 2001 è stata promotrice della campagna internazionale per l'inclusione delle donne nel Governo ad interim dell'Afghanistan.

I RICONOSCIMENTI OTTENUTI. Questi i riconoscimenti ottenuti da Emma Bonino durante la sua carriera politica. E' stata insignita della "Gran Cruz de la Orden de Mayo" (1995) dal presidente Argentino; nominata "Personalità Europea dell'Anno" (1996) dal settimanale cattolico "La vie"; nominata "Comunicatore Europeo dell'Anno" (1997) dal settimanale inglese "PR Week"; insignita del "Premio Principe de Asturias" (1998) per la cooperazione internazionale da Sar il Principe Filippo di Spagna; insignita dell'onorificenza del "Ordine del Principe Branimir" (2002) dal Presidente della Repubblica di Croazia "per il suo contributo all'indipendenza della Croazia e alla promozione della democrazia"; insignita del "Premio Presidente della Repubblica" (2003) per il suo impegno nella promozione dei diritti umani e civili nel mondo; insignita del "Prix Femmes d'Europe 2004" per l'Italia; insignita dell' "Open Society Prize 2004"; insignita del "Premio Bosforo" (2008) e dell'onorificenza di Commendatore della Legione d'Onore (2009).   

Roma - 12 Febbraio 2010

Articolo scritto da Gioia Maria Tozzi
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

1.

solo questo....GRANDE EMMA !!!!!!!!

Commento inviato il 05-04-2011 da alessandro

Elezioni Regionali 2010

I candidati eletti in Sabina: Cicchetti (Pdl) e Perilli (Pd)

Nella Circoscrizione di Rieti sono stati eletti Antonio Cicchetti di Rieti con 13.946 voti della lista "Il Popolo della Libertà" e Mario Perilli di Montopoli in Sabina con 5.569 voti del Partito Democratico...

Cronaca

I candidati eletti della Valle del Tevere e dell’area eretina: tutti i risultati

Nella Circoscrizione di Roma sono stati eletti tre candidati residenti nel territorio tiberino ed eretino: Carlo Lucherini di Monterotondo con 12.040 voti rappresentante del Partito Democratico, Antonio Paris di Capena con 10.872 voti della lista Renata Polverini Presidente e Roberto Buonasorte di Monterotondo con 4.050 voti rappresentate del partito La Destra...

Elezioni Regionali 2010

La Polverini vince nella Valle del Tevere: la Sabina, invece, sceglie la Bonino

Renata Polverini è il nuovo presidente della Regione Lazio. La Polverini ha conquistato il 51,14 per cento dei voti contro il 48,32 per cento di Emma Bonino e lo 0,57 per cento di Marzia Marzoli...

Elezioni Regionali 2010

Una serata di musica e teatro per conoscere il candidato Luigi Nieri

FIANO ROMANO - Trasparenza, partecipazione e democrazia: queste le parole chiave della serata organizzata da "Sinistra ecologia e libertà" che presenterà il candidato Luigi Nieri. La cena a sottoscrizione avrà luogo domenica 21 marzo a partire dalle ore 20 presso il Castello Ducale di Fiano Romano...

Elezioni Regionali 2010

Un volto giovane per il Partito Democratico: Claudio Mancini

CIVITELLA SAN PAOLO - Il circolo del Partito Democratico di Civitella San Paolo ha organizzato un incontro con Claudio Mancini, candidato alle prossime elezioni regionali. Mancini è sostenuto nel territorio dai paesi di Nazzano, Torrita Tiberina, Filacciano e Ponzano Romano. Domenica 14 marzo...