Stampa

EDITORIALE

Due volte uccisi: dalle granate e dal silenzio dei media

Primo appuntamento di ‘Profili di intercessione’ all’Oasi della Pace di Passo Corese: una serata sconvolgente sul dramma della chiesa irachena

Nella foto padre Ragheed, ucciso in Iraq il 3 giugno 2007

Nella foto padre Ragheed, ucciso in Iraq il 3 giugno 2007

Una serata interamente dedicata alle sorti dell'Iraq, ai massacri, alle storie di tanti nuovi martiri che stanno tingendo di rosso le strade sterrate dell'antica Mesopotamia. "Redupia wesahdutha" due parole all'apparenza astruse, due antiche parole della liturgia siriaca, fanno da titolo all'iniziativa. In italiano significano 'persecuzione e testimonianza'. È infatti del martirio di una comunità perseguitata che si è voluto parlare sabato 20 novembre 2010 nella Comunità Mariana "Oasi della Pace" di Passo Corese.

Ospiti d'eccezione della serata due giovani sacerdoti iracheni: padre Samer Soreshow Yohanna e padre Thabet H. Yousif Mekko, entrambi della diocesi di Mossul.

Questo è il primo appuntamento di "Profili di intercessione": un'iniziativa lanciata dalla Comunità Mariana - Oasi della Pace di Passo Corese con l'obiettivo di porre sotto i riflettori argomenti di attualità non ben pubblicizzati dai media, se non addirittura tranquillamente ignorati, perché non fanno audience, né solleticano il prurito della curiosità dei lettori. L'intento di queste serate culturali non è certo quello di far politica e mettere sul banco degli imputati i potenti della terra. Si tratta più semplicemente di sensibilizzare le coscienze, di prendersi a cuore la sorte del fratello, di farsene carico, per tradurre poi il sentimento in preghiera, in azione. Questo è il fine e l'anima di "Profili di intercessione".

Alla vigilia della giornata di preghiera nazionale per i cristiani perseguitati, la comunità irachena torna dunque a far parlare di sé, della sua storia antica e recente. Una storia millenaria, a ben guardare, perché in quella terra i seguaci di Cristo si sono impiantati da sempre - lo ricordava con energia padre Thabet - facendo fiorire una cultura del dialogo e della moderazione, capace di interloquire perfino con l'Islam. Una terra che fu culla della Scrittura, i cui luoghi sono legati alla memoria di Abramo, dei profeti esilici, alle città di Babilonia e Ninive. Una terra che fu patria di grandi santi e teologi, di Efrem, il cantore della Vergine. Una terra che la Chiesa d'Occidente non può lasciar sola.

La minoranza cristiana in Iraq si trova oggi di fronte ad un'alternativa allarmante: o l'estinzione a furia di colpi di mitra e di esplosivo, o l'esodo obbligato e massiccio. Lo stesso padre Samer, monaco dell'ordine di Sant'Ormisda, dice di non aver più alcun familiare nel suo paese d'origine. La mamma e i fratelli, attraversando Siria, Turchia e Grecia in una moderna Odissea comune a molti cristiani di Mosul e Baghdad, sono infine sbarcati in una "colonia" irachena alla periferia di Parigi. L'ultimo dei suoi familiari è scappato qualche settimana fa, dopo l'attacco alla cattedrale di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso (o meglio, della Madre dello SOS, come direbbe una traduzione letterale dell'arabo).

Anche su questo recente fatto i due conferenzieri si sono soffermati. L'attacco del 31 ottobre alla basilica siro-cattolica di Baghdad ha avuto dell'agghiacciante: un sacerdote, padre Wassim, trafitto da una pioggia di pallottole mentre celebrava la messa, un altro, padre Taher, probabilmente fatto esplodere nei pressi dell'altare mentre cercava di persuadere i terroristi (ragazzi di 15-16 anni) dell'inutilità di una simile carneficina. Ed anche un bambino, Adam di 3 anni, messo brutalmente a tacere a colpi d'arma da fuoco mentre gridava: "Basta, basta!", ignaro della gravità della situazione. Infine una sposa di circa vent'anni fatta saltare in aria con il piccolo che portava in grembo da appena 40 giorni. Unica colpa: trovarsi in chiesa per ringraziare Dio del dono di essere madre. Martiri dei nostri giorni, alcuni dei quali vecchi compagni di banco dei due protagonisti della serata del 20 novembre scorso.

Interviene sovente al dibattito un sacerdote sedutosi in prima fila, padre Giovanni Naoom Ghanim, da 12 anni in Italia e parroco di Selci, anch'egli iracheno, anch'egli di Mossul. Anche a lui la furia omicida del terrorismo ha strappato due anni fa un fratello di sangue.

In una sorta di cammino a ritroso, i riflettori si spostano dal 31 ottobre 2010 al 3 giugno 2007, quando cadde vittima del terrorismo un altro sacerdote cattolico, padre Ragheed, un altro amico dei sacerdoti ospiti della serata Samer, Thabet e Giovanni. Una foto, proiettata durante la conferenza, lo ritrae ancora giovane studente in un viottolo romano mentre, con il sorriso stampato sulle labbra, addita l'insegna "Largo Vittime del Terrorismo". A ben pensarci, un segno premonitore di quello che da lì a qualche anno sarebbe stato il suo destino. E dopo di lui, la scomparsa del suo vescovo, Paulos Farj Rahho, in una moderna litania dei santi, ignorata dalla stampa, che feconda però fino alle radici l'albero della fede della chiesa universale, della chiesa tutta.  

Necessaria conseguenza: questi fatti dovevano essere narrati, dovevano essere portati alla luce, per non costringere la comunità irachena ad un ulteriore martirio, secondo solo a quello di sangue: il martirio dell'ignoranza, del non-riconoscimento da parte dei propri fratelli nella fede.  

Spontanea insorge la domanda: "Che cosa possiamo fare per voi, noi cristiani del benessere?" È una donna del pubblico (davvero numeroso) a lanciare l'appello. Ma la risposta dei padri iracheni è univoca: la loro chiesa non ha bisogno di soldi. I politici dovranno fare certamente il loro dovere. Ma i piccoli, tutti i cristiani di buona volontà, possono sostenere i loro fratelli perseguitati con la preghiera, con la vicinanza, l'affetto, l'interesse, con la parola e il gesto di chi ti dice: Conosco la tua sofferenza!

Una processione silenziosa è l'emblema conclusivo della serata. Due canti, uno in siriaco, l'antica lingua liturgica della chiesa irachena, l'altro in bizantino, un inno alla Madre di Dio, dinanzi ad un mappamondo illuminato, ad uno stralcio della cartina geografica dell'Iraq, dinanzi alla statua di Maria, Regina della Pace. Infine l'accensione della "lanterna della pace", alimentata dall'olio di Terra Santa. È l'ultima nota, quella più significativa di questa serata: la nota della carità fraterna che si fa intercessione.  

di Fr. Leopoldo Lazzaro, cmop

Passo Corese - 25 Novembre 2010

Articolo scritto da Fr. Leopoldo Lazzaro cmop
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

1.

A tutti i fratelli cristiani perseguitati dico che: «Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non possono uccidere l'anima» (Lc. 12,4). Nonostante questo barbaro pericolo di morte, c'è chi continua a farsi testimone di vita e noi, dall'occidente capitalista, non possiamo passare indifferenti sul tema. Grazie Fra Leopoldo per la serata e per l'editoriale.

Commento inviato il 28-11-2010 da Marika

2.

Grazie Fra Leopoldo per il tuo bellissimo editoriale.
Ieri l'Avvenire ha dato i numeri dei cristiani attualmente perseguitati nel mondo: sono 50 milioni!
Sul tema delle persecuzioni attuali dei cristiani in terra di Islam do una bella notizia: Asia Bibi, condannata a morte da un tribunale pakistano per blasfemia, è stata liberata. Il processo è stato annullato e sarà ripetuto. Speriamo in una maggiore serenità da parte dei giudici. L'accusa nei confronti di Asia era di avere bestemmiato il nome di Maometto: alle sue colleghe di lavoro, in un dialogo avente ad oggetto la religione, aveva osato dire che Gesù ha versato il sangue per la nostra salvezza, mentre Maometto no. Segnalo anche un bellissimo film francese, "Uomini di Dio", che narra la storia di 8 monaci uccisi 20 anni fa in Algeria dai guerriglieri islamici.

Commento inviato il 26-11-2010 da Oreste Malatesta

OROSCOPO 2017

Cosa ci dicono le stelle segno per segno: tutto sull'Oroscopo 2017

Le stelle del 2017: tutto su amore, lavoro e salute per i segni zodiacali di aria, terra, acqua e fuoco. I segni favoriti dalle stelle di quest’anno saranno la Bilancia e l’Acquario; poi in autunno si aggiungeranno anche Scorpione, Leone e Pesci. Il 2017 sarà un anno molto faticoso per i Gemelli, i Pesci e il Cancro. Tutti i segni dello Zodiaco sono chiamati a molta pazienza e tenacia nel 2017. I transiti di Giove e Saturno sposteranno molti segni in positivo e negativo con risvolti duraturi fino all’autunno. Il passaggio più significativo del 2017 sarà quello di Giove in Scorpione che darà una svolta concreta...

Editoriale

Per ogni libro venduto 1 euro alle popolazioni colpite dal terremoto

La nostra società editoriale Gioant Srl partecipa all’ottava edizione della fiera dell’editoria indipendente “Liberi sulla Carta” in programma dal 16 al 18 settembre a Farfa. Siamo particolarmente legati a questo evento perché è il primo a cui abbiamo partecipato a pochi mesi dalla nostra nascita e perché ogni anno lo abbiamo visto crescere e ci ha visti crescere in un abbraccio simbolico tra...

Editoriale

Continuità o cambiamento: la sfida elettorale è stata giocata sui social

Ventisei comuni al voto. Le Elezioni Amministrative 2016 hanno visto battagliare i candidati sui social, in particolare su Facebook, con ogni mezzo: commenti, scontri di idee, denunce, video e fotografie. Gli elettori hanno potuto conoscere sia privatamente che tramite i gruppi di lista cosa si faceva, si diceva e si pensava anche non partecipando agli incontri politici. Una controtendenza questa che ha scardinato l’egemonia dei tradizionali comizi elettorali...

Editoriale

Incontri per la prevenzione del bullismo. Un esempio di buona scuola

Contro il bullismo partono degli incontri sui banchi di scuola con i più piccoli. L’iniziativa di prevenzione del fenomeno “bullismo”, iniziata nella scuola primaria “Don Papacchini” di San Gordiano in provincia di Roma, prevede degli appuntamenti tenuti da un avvocato e da una psicologa e psicoterapeuta. L’intento dell’iniziativa, che fa parte del progetto “Scuola…mica”, è quello di educare i bambini, già dalla scuola primaria, ad una buona educazione dell'altro per prevenire atti di bullismo...

OROSCOPO 2016

Cosa ci dicono le stelle segno per segno: tutto sull'Oroscopo 2016

Le stelle del 2016: tutto su amore, lavoro e salute per i segni zodiacali di aria, terra, acqua e fuoco. I segni favoriti di quest'anno sono il Leone, l’Acquario, il Toro, lo Scorpione e l’Ariete. Il 2016 sarà un anno buono ma non eccellente per i Cancro, i Capricorno e i Sagittario, mentre sarà un po’ difficile e a volte contrario per i Gemelli, i Vergine, i Bilancia e i Pesci. Tutti i segni dello Zodiaco saranno chiamati a continuare percorsi già intrapresi nel 2015: là dove si saranno impegnati riceveranno ottime notizie, salti di carriera e amore. Non sarà un anno facilissimo questo per via di Giove in Bilancia che stimolerà...