Stampa

IN PROGRAMMA DAL 16 MARZO FINO AL 22 GIUGNO

40 anni dal rapimento e assassinio di Moro e della scorta: parte il progetto “55 giorni”

Conferenze, commemorazioni, mostre ed attività: le nuove generazioni e l'amministrazione ricordano

TORRITA TIBERINA – “55 giorni”: a quarant’anni di distanza dal rapimento ed uccisione di Aldo Moro, il paese tiberino dove riposa lo ricorda tra iniziative, mostre, conferenze e commemorazioni. Il programma organizzato dall'Istituto Comprensivo ha il nome di “55 giorni” proprio perché la comunità e gli studenti delle scuole saranno impegnati nel ricordo dello statista dal 16 marzo, giorno dell’uccisione della scorta a via Fani e del rapimento Moro, fino al 9 maggio, giorno nel quale Moro venne ritrovato morto, ucciso dalle Brigate Rosse per il Comunismo. Le iniziative organizzate dall'amministrazione andranno avanti fino al 22 giugno prossimo.

IL PROGETTO. Il programma dell’attività/progetto sulla legalità “55 giorni” per il quarantennale dell’eccidio di via Fani e dell’uccisione dello statista Moro, è stato realizzato dall’Istituto Comprensivo di Civitella San Paolo e si svolgerà da venerdì 16 marzo fino a mercoledì 9 maggio, “Giornata della memoria delle vittime del terrorismo e delle stragi di tale matrice”. Le iniziative delle scuole del territorio si uniranno a quelle istituzionali promosse dai comuni, dalla Presidenza della Repubblica e dalle associazioni delle vittime del terrorismo che andranno avanti fino al 22 giugno.

IL PROGRAMMA: UN PONTE TRA ROMA E TORRITA TIBERINA. Venerdì 16 marzo alle ore 9 una delegazione di studenti dell’area Tiberina parteciperà all’inaugurazione del nuovo monumento ai caduti di via Fani a Roma; durante la cerimonia i ragazzi riceveranno il “testimone della memoria” nell’ambito del progetto “Lascia il testimone della memoria ad un giovane”, ideato da Giovanni Ricci, sociologo e figlio del maresciallo Domenico Ricci, uno degli uomini della scorta di Moro ucciso nel 1978 in via Fani. Alle ore 9:30, in Largo 16 marzo 1978 a Torrita Tiberina, una delegazione degli studenti del paese accoglierà gli allievi dell’Istituto Comprensivo di Civita Castellana; seguirà una conferenza sulla vita e sulle opere dello statista Aldo Moro a cura di Antonino Cannata, ex studente universitario dell’onorevole Moro, e del consigliere comunale Mario Boschi. Al termine partirà un itinerario turistico-ambientale nel centro storico del paese che terminerà con la visita alla tomba di Moro. L’itinerario, che fa parte del progetto “Torrita Ricorda”, è ideato e condotto dal presidente del consiglio comunale Jessica Cuccia e dal direttore del Museo del Fiume di Nazzano Umberto Pessolano. Nel pomeriggio, dalle ore 14:30, nel Castello Baronale e nell’edificio scolastico “Aldo Moro”, gli studenti locali accoglieranno una delegazione di alunni provenienti da altri plessi dell’istituto per la realizzazione di laboratori didattici su Moro, la sua famiglia, i rapporti con i residenti e sull’eco-sistema del parco naturale. Alle ore 16, in Largo 16 marzo 1978, verrà deposta una corona al monumento dei martiri di via Fani alla presenza degli studenti, dei cittadini, delle istituzioni e delle autorità.

LE ALTRE INIZIATIVE DI “55 GIORNI”. Dal 16 marzo al 9 maggio sono in programma due conferenze, la presentazione di libri e una rappresentazione teatrale. Sono previste, infatti, la conferenza “Anni di Piombo in Italia”; la conferenza e la presentazione del libro “La verità nascosta del Caso Moro”; la presentazione del libro “Mio nonno Aldo Moro” di Luca Moro e la rappresentazione teatrale “La storia di Aldo Moro”.

LA CONCLUSIONE DEL PROGETTO. Il 9 maggio è prevista la giornata conclusiva del progetto scolastico “55 giorni”. Alle ore 9, nel Palazzo del Quirinale a Roma, una delegazione di studenti parteciperà alla commemorazione della Giornata della Memoria delle vittime del terrorismo e delle stragi di matrice terroristica alla presenza del Presidente della Repubblica Mattarella. Al rientro dalla Capitale inizieranno i laboratori didattici e l’escursione turistico-ambientale nel centro storico e in riserva. Alle ore 10, in largo 16 marzo 1978 a Torrita Tiberina gli studenti accoglieranno gli allievi di Civita Castellana e poi parteciperanno alla santa messa che sarà celebrata dal vescovo Rossi in suffragio di Moro, degli uomini della scorta e dei familiari. Al termine della funzione religiosa, un corteo muoverà verso la tomba dello statista dove sarà deposta una corona. Nel pomeriggio, alle ore 16, le sale inferiori del castello ospiteranno la mostra fotografica “Moro Miro Rito” a cura dell’Archivio Laboratorio Audiovisivo “Peppe Catelli”. Alle ore 18, nel Castello Baronale, è in programma la conferenza-dibattito sul “Caso Moro” dell’onorevole Gero Grassi, componente della commissione parlamentare d’inchiesta del caso Moro.

di Gioia Maria Tozzi

Torrita Tiberina - 15 Marzo 2018

Articolo scritto da Gioia Maria Tozzi
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Cronaca

Il Capitano Ultimo incontra gli studenti: un botta e risposta tra valori e legalità

FIANO ROMANO – In un Palazzetto dello Sport gremito di giovani delle scuole medie locali si è svolto l’incontro con il Capitano Ultimo: l’eroe dell’Arma che ha combattuto e combatte la mafia...

Cronaca

Rubavano auto e vendevano i pezzi al mercato nero: cinque persone nei guai

CAPENA – Rubavano auto e le smontavano per poi rivenderne i pezzi al mercato nero. I carabinieri...

Cronaca

Forza le auto e ruba stereo ed altri oggetti: fermato ed arrestato dai carabinieri

FIANO ROMANO – Aveva preso di mira le auto parcheggiate nel centro commerciale Feronia di via Milano. I carabinieri lo hanno fermato tra le vett...

Cronaca

La parrocchia ricorda Don Giuseppe Mariottini a 20 anni dalla sua scomparsa

FIANO ROMANO – A vent’anni dalla sua morte si ricorda con una cerimonia ed un momento di riflessione e di testimonianza Don Giuseppe Mariottini, parroco del paese per oltre 50 anni...

Cronaca

Arrestati i truffatori della 'tecnica del mazzo di chiavi'

FIANO ROMANO – In carcere i truffatori che avevano ideato la tecnica del “mazzo di chiavi caduto a terra” per distrarre le vittime e sottrarre le borse in auto. Fatale per loro l’ultimo colpo...