Stampa

SABATO SANTO - VEGLIA DI PASQUA

I simboli della Pasqua: il significato del cero pasquale

La benedizione del fuoco nuovo e il rito di accensione del cero nella Notte Santa

Qualsiasi simbolo rappresenta una realtà più vasta e profonda: per esempio la bandiera è simbolo di una Nazione. Tutte le religioni si servono di simboli nei loro riti e conoscerne il significato permette di decifrare un codice che altrimenti resta comprensibile solo per pochi. Per i Cristiani la Veglia Pasquale, che si svolge nella notte del Sabato Santo, è la veglia più importante dell'anno ed è molto ricca di simboli. La celebrazione comprende quattro momenti: la liturgia della luce, la liturgia della Parola, la liturgia battesimale e la liturgia eucaristica. Nella liturgia della luce sono presenti due simboli: il fuoco e il cero pasquale.

IL FUOCO. Nella solenne Veglia, si trova il simbolismo del fuoco. Il braciere, che arde fuori della chiesa e da cui si accende il cero pasquale, attrae l'attenzione dei fedeli che attendono al buio di poter accendere la loro candela. Il trionfo della luce sulle tenebre, del calore sul freddo, della vita sulla morte, è espresso dal fuoco nuovo, intorno al quale si riunisce la comunità mentre il sacerdote compie i riti di accensione del cero. La preghiera che accompagna la benedizione del fuoco è davvero espressiva: "O Padre, che per mezzo del tuo Figlio ci hai comunicato la fiamma viva della tua gloria, benedici questo fuoco nuovo, fa che le feste pasquali accendano in noi il desiderio del cielo, e ci guidino, rinnovati nello spirito, alla festa dello splendore eterno".

IL CERO PASQUALE ACCESO E LA SUA LUCE. I fedeli, riuniti nell'oscurità all'esterno della chiesa, assistono all'accensione del cero pasquale, simbolo di Cristo. Il cero pasquale, infatti, è il segno del Cristo Risorto luce vera del modo che illumina ogni uomo; è la luce della vita che impedisce di camminare nelle tenebre. E' il segno della vita nuova in Cristo che, strappando i peccatori dalle tenebre, li fa entrare con i santi nel regno della luce. Il cero è decorato con la croce e altre immagini sacre, con le lettere dell'alfabeto greco Alfa e Omega, che stanno a significare che Gesù è il principio e la fine di ogni cosa, e porta l'indicazione dell'anno. Durante il rito dell'accensione, il sacerdote prende cinque grani d'incenso e li conficca alle quattro estremità e al centro della croce disegnata, a simboleggiare le cinque piaghe gloriose di Cristo, delle mani, dei piedi e del costato. Quindi il diacono, portando il cero pasquale, conduce la processione che entra in chiesa, intonando per la prima volta "Lumen Christi", che significa la "luce di Cristo", e il popolo risponde "Deo Gratias", ovvero "rendiamo grazie a Dio". Mentre i fedeli lo seguono, sulla porta il diacono intona di nuovo "Lumen Christi" e tutti i presenti accendono una candela: la luce di Cristo si espande sempre di più ed illumina ogni fedele; arrivati al presbiterio il diacono intona per la terza volta "Lumen Christi" e si accendono le luci della chiesa. Quindi il cero viene messo al suo posto e incensato e s'intona l'Exultet o annuncio pasquale, senza l'accompagnamento degli strumenti musicali. Terminato l'annuncio tutti spengono le candele, ed inizia la liturgia della Parola, introdotta dal celebrante. I riti della Veglia sono molto antichi e si sono sviluppati nel corso dei secoli fino ad assumere la forma dell'attuale celebrazione. Solo per fare un esempio, il canto dell'Exultet in diverse forme è testimoniato dal IV sec.

di Fabiana Chini

- 07 Aprile 2012

Articolo scritto da Fabiana Chini
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 7 febbraio 2016

Simon Pietro è un semplice pescatore di Galilea che aveva trascorso una notte insonne senza che il mare fosse generoso con lui. Gesù avrebbe potuto scegliere a...

Per l'anima

I messaggi del mese di gennaio 2016 della Regina della Pace

“Cari figli! Anche oggi vi invito alla preghiera. Senza preghiera non potete vivere perché la preghiera è la catena che vi avvicina a Dio. Perciò, figlioli, nell’umiltà del cuore ritornate a Dio e ai Suoi comandamenti...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 31 gennaio 2016

"All'udire queste cose, tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù. Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino". Se una comunità non sa entrare in un vero dialogo d'amore...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 3 gennaio 2016

L'evangelista Giovanni, nel prologo del suo vangelo che oggi meditiamo, ci offre questa possibilità di entrare nel cuore del grande mistero del Verbo Incarnato, della parola di Dio che diventa una persona bene precisa...

Per l'anima

Il Vangelo di domenica 24 gennaio 2016

Era entrato perché tutti avevano diritto d'entrarvi; non solo d'entrare, ma anche di leggere e di parlare su quello che s'era letto poc'anzi. Forse una stanza nuda, una semplice casa, uno spazio spoglio: là dentro ci si...