stampa | chiudi

L'esposizione restera' aperta fino al 24 aprile prossimo

Un reportage fotografico tra le rovine industriali

Filippo Maria Gianfelice ha allestito la mostra fotografica presso il "Lungovelinocafè"

RIETI - Proseguirà fino al 24 aprile la rassegna fotografica del "Lungovelinocafè" di Rieti, coordinata da Studio7.it e a cura di Barbara Pavan. Ad esporre i suoi scatti Filippo Maria Gianfelice con la mostra-reportage "Sugarfree".

LA MOSTRA-REPORTAGE "SUGARFREE". Ad aprire la rassegna è stato Filippo Maria Gianfelice, che ha proposto "Sugarfree": un reportage realizzato all'interno dello stabilimento industriale, ormai dimesso, che ospitava lo zuccherificio nel reatino. Un'insieme di scatti che ricordano l'importante ruolo che questo primo impianto industriale ebbe nei confronti dello sviluppo della città e ne racconta, nello stesso tempo, le condizioni di degrado in cui si trova attualmente. L'impianto industriale era stato costruito nel 1873, per espressa volontà dell'onorevole Emilio Maraini, ed è stato uno dei primissimi esempi di edilizia industriale in Italia. Rimasto attivo fino al 1972, è caratterizzato oggi da un insieme di rovine che, però, evidenziano l'evoluzione architettonica che ha subito la struttura nel corso di un secolo di attività. Gianfelice, attraverso il filtro della sua fotografia, ha saputo far parlare queste rovine, con le parole della quotidianità del lavoro e della malinconia dell'abbandono.

L'ARTISTA FILIPPO MARIA GIANFELICE. Gianfelice nasce a Roma nel 1971 e frequenta l'accademia fotografica cromatica "Photo Agency", per cui ha realizzato numerosi reportage di eventi nazionali. Ha collaborato con la Soprintendenza archeologica dell'Etruria Meridionale come fotografo subacqueo e le sue foto sono esposte nel Museo Civico di Santa Severa.

ALTRE INFORMAZIONI. La mostra, ad ingresso gratuito, resterà aperta fino al 24 aprile prossimo presso "Lungovelinocafè" di via Salaria n° 26. Per ulteriori informazioni si può visitare il sito www.lungovelino.it.

di Caterina Fava

06 Marzo 2010

stampa | chiudi