stampa | chiudi

Il progetto finanziato dalla Regione alla Tevere Farfa

Al lavoro per creare un itinerario storico, religioso e archeologico sabino

Il progetto prevede la valorizzazione e il collegamento tra la riserva naturale, l'Abbazia di Farfa e la villa romana di Terenzio Varrone

MONTOPOLI DI SABINA - Creare un itinerario storico-religioso-archeologico è l'obiettivo del comune di Montopoli di Sabina. Il progetto, finanziato dalla Regione Lazio, ha concesso alla riserva naturale Tevere-Farfa  una somma di 428.000 mila euro e prevede il collegamento tra il parco e l'Abbazia di Farfa, il collegamento alla zona archeologica della villa romana di Terenzio Varrone in località Casoni a Bocchignano, frazione del comune di Montopoli di Sabina e la valorizzazione di tale area. questi sono solo alcuni dei lavori iniziati e sostenuti dall'amministrazione comunale.

L'OBIETTIVO DEI LAVORI. L'obiettivo dei lavori, che riguardano l'Abbazia di Farfa, la riserva naturale Tevere-Farfa e la villa romana di Terenzio Varrone, è quello di valorizzare e collegare tra loro questi elementi strategici per lo sviluppo territoriale di un itinerario di tipo storico, religioso e archeologico.

I LAVORI E I COSTI. I lavori da realizzare, per un importo di circa 428.000 mila euro, saranno assicurati da un finanziamento regionale concesso alla riserva naturale Tevere-Farfa (di cui fanno parte i comuni di Nazzano, Torrita Tiberina e Montopoli di Sabina). L'appalto è stato aggiudicato alla ditta Acogea Srl di Leonessa. I lavori si svilupperanno per la quasi totalità all'interno del territorio di Montopoli di Sabina.

COME SI SVILUPPERA' IL COLLEGAMENTO. La proposta di collegamento si sviluppa attraverso un sistema di strade comunali esistenti, in parte già asfaltate ed in parte oggetto di lavori di depolverizzazione, come la strada comunale in località Pantani e via Piedimonte a Bocchignano. Inoltre in piste ciclo-pedonali in corso di realizzazione e di nuovo tracciato, collegate ad aree di sosta e di interscambio auto/bici e a punti di informazione turistica. Il progetto, inoltre, sfrutterà al contempo edifici esistenti di proprietà comunale in località Colonnetta "La Memoria" e località Granica, posizionati lungo il tracciato dell'itinerario. Lungo il percorso sono state previste aree di sosta e di interscambio e dei collegamenti a punti di informazione.  Lungo questo tracciato ed in prossimità cel ponte di legno che attraverserà il torrente Farfa, in località Granica, sarà realizzata un'area di sosta organizzata con elementi di arredo urbano quali panchine, tavoli da pic-nic, cestini per i rifiuti e porta bici. In località Colonnetta "La Memoria" verrà attrezzata, su un'area di proprietà del comune di Montopoli in Sabina, una zona di interscambio auto/bici. Un'altra area di sosta è prevista nel territorio del comune di Nazzano, attrezzata sempre con elementi di arredo urbano.

LA VALORIZZAZIONE DELLA ZONA ARCHEOLOGICA. La proposta di valorizzazione della zona archeologica dei Casoni, a Bocchignano, con i resti della villa romana di Varrone prevede una serie di opere finalizzate alla sua fruizione (parcheggio, illuminazione con pali di tipo fotovoltaico, installazione di portabiciclette e allestimento zona panoramica, recinzione), oltre che a tutta la manutenzione straordinaria con pavimentazione ecologica della strada di accesso alla zona. L'area da valorizzare, di proprietà del comune di Montopoli, è occupata dai resti archeologici di una villa romana costruita nel II secolo a. C. che è stata riconosciuta da alcuni studiosi come villa di Terenzio Varrone, erudito che ebbe da Cesare il compito di organizzare la prima biblioteca della Repubblica di Roma ed autore di circa 70 opere sui più vari campi del sapere.

LA CARTELLONISTICA. Tutto l'intervento sarà dotato di una cartellonistica informativa e di sicurezza adeguata, sia per i pedoni che per i ciclisti, specifica per i vari tratti di percorso, che evidenzierà la lunghezza e la pendenza del tratto, le emergenze storico architettoniche, il livello di difficoltà, il tipo di strada e di traffico.

di Laura Bernardini

08 Febbraio 2010

stampa | chiudi