stampa | chiudi

In programma dal 16 al 20 maggio

“Una montagna di libri”: al via il secondo festival della letteratura e della cultura

Incontri, presentazioni ed iniziative per i cinque giorni dell’evento

SANT'ORESTE – Cinque giorni dedicati ai libri, alla letteratura e alla cultura con incontri, presentazioni, dibattiti, mostre ed iniziative. Dal 16 al 20 maggio si svolge la seconda edizione del festival "Una Montagna di Libri", che quest’anno ha come tema e filo conduttore le “radici”. Il ricco programma dell’evento è stato organizzato dalla Pro loco con il patrocinio del comune e la collaborazione dell’associazione Avventura Soratte, della banda musicale “Innocenzo Ricci e di Teatrificio 22.

IL PROGRAMMA. Mercoledì 16 maggio ad aprire il festival sarà la proiezione del cortometraggio “Root/Radici” di Emanuele Marsigliotti e a seguire, alle ore 18, la scrittrice Dacia Maraini presenterà il suo ultimo romanzo “Tre Donne”. Giovedì 17 maggio alle ore 10, nella scuola primaria, si svolge l'incontro con Francesco Barberini e il suo libro "Il mio primo grande libro sugli uccelli", mentre venerdì 18 maggio alle ore 18 è in programma la cerimonia di intitolazione della biblioteca comunale a Giancarlo Zozi. Sabato 19 maggio alle ore 11:30, in via Fiori, sarà inaugurata l’opera di street art di Philippe Luppi “La porta della fratellanza”, dedicata alle Biblio-teche”; la cerimonia sarà animata dagli intermezzi della junior band della banda musicale “Innocenzo Ricci”. Nel chiostro del monastero di Santa Croce sono in programma due incontri letterari: alle ore 16:30 Gian Piero Milanetti presenta il libro “Gli angeli sterminatori”, mentre alle ore 18 Dario Pontuale presenta “La Roma di Pasolini. Dizionario urbano”. Alle ore 19:30, nel cortile della biblioteca comunale, si svolge la “Cena Letteraria” con degustazioni e testi recitati dagli attori del laboratorio teatrale di Teatrificio 22. Domenica 20 maggio la rassegna parte dal mattino con l’escursione letteraria guidata “Il monte Soratte si erge solitario e pittoresco”. Dalle ore 11 alle 15 resterà aperto al pubblico l’eremo di San Silvestro sulla vetta del monte. Alle ore 16:30, nel chiostro del monastero di Santa Croce, si svolge l’incontro con Anna Foa, Portica d’Ottavia. Il festival si chiude alle ore 18, in via Podestà, con l’incontro “Voglio rimette a mente li stornelli, le danze e le parole” con Enrico Scarinci, Eva Serena e Alberto Pezza.

In allegato la locandina della manifestazione (da scaricare)

16 Maggio 2018

stampa | chiudi