stampa | chiudi

Rifornivano i consumatori della zona Tiberina

Blitz antidroga dei carabinieri: due cugini albanesi in manette

Lo scambio di cocaina e marijuana avveniva nei giardini di via Firenze

FIANO ROMANO – Una vasta operazione antidroga si è conclusa ieri dopo quattro mesi di indagini. I carabinieri della stazione di Fiano Romano hanno arrestato due cugini albanesi che gestivano lo spaccio di cocaina e marijuana nel paese e che erano diventati da tempo il punto di riferimento dei consumatori dell’intera area Tiberina. L’operazione, iniziata alle prime luci dell’alba, ha visto l’impiego di pattuglie e di elicotteri dell'Arma che hanno piantonato la zona fino a smantellare l'intera organizzazione criminale. Al termine del blitz, infatti, sono state arrestate tre persone in flagranza di reato, sono state denunciate a piede libero altre quattro persone ritenute complici dei due cugini nelle attività di spaccio e, infine, ne sono state segnalate altre dodici quali consumatori.

IL FATTO. I carabinieri, al termine dell’operazione antidroga, hanno arrestato due cugini albanesi di 25 e 26 anni, già conosciuti alle Forze dell’Ordine, perché ritenuti responsabili di concorso nel reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. La complessa attività di indagine, coordinata dal dottoressa Luana Bennetti della Procura della Repubblica di Rieti, ha consentito di accertare che il sodalizio albanese, legato da vincoli di parentela, gestiva non solo lo spaccio di cocaina e marijuana nella cittadina di Fiano Romano, ma era diventato il punto di riferimento dei consumatori dell’intera area Tiberina. Nel corso dei servizi di osservazione, in poco più di quattro mesi, i carabinieri hanno riscontrato oltre 50 episodi di cessione di droga, tutti avvenuti nei pressi del giardino pubblico di via Firenze, dove previo appuntamento il consumatore poteva recarsi e ricevere lo stupefacente richiesto. L’ordinanza ha disposto la custodia cautelare nel carcere di Rieti per il più giovane degli arrestati, mentre per il 26enne è stato disposto l’obbligo di dimora e di presentazione presso la caserma dei carabinieri di Fiano Romano.

22 Novembre 2017

stampa | chiudi