stampa | chiudi

Due operazioni dei carabinieri

Banconote false e assegno farlocco: una denuncia ed un arresto

A Passo Corese e Trevignano Romano

PASSO CORESE/TREVIGNANO ROMANO – Una denuncia ed un arresto per spaccio di banconote false e l’utilizzo di un assegno smarrito e denunciato. A finire nei guai un 20enne, arrestato a Trevignano Romano per aver raggirato tre negozianti con banconote da 50 euro false, e un 72enne, denunciato a Passo Corese per aver acquistato dei mobili utilizzando un assegno smarrito e già denunciato nel giugno scorso. Nel dettaglio:

72ENNE DENUNCIATO A PASSO CORESE: COMPRA DEI MOBILI CON UN ASSEGNO PRECEDENTEMENTE SMARRITO. I carabinieri della stazione di Passo Corese, al termine di una attività investigativa, hanno denunciato a piede libero per truffa L. F., un 72enne  già noto alle Forze dell’Ordine. L’uomo aveva acquistato dei mobili pagando l’importo al proprietario della ditta artigianale con un assegno bancario. Una volta versato l’assegno è risultato far parte di un carnet smarrito nel giugno scorso e denunciato. Le indagini sono partite dal mancato incasso del titolo e dalla denuncia del legale rappresentante della ditta di mobili ai carabinieri di Passo Corese.

GIOVANE TRUFFATORE ARRESTATO A TREVIGNANO ROMANO: RAGGIRA TRE NEGOZI SPENDENDO BANCONOTE FALSE. I carabinieri della caserma di Trevignano Romano hanno arrestato un 20enne di origini siciliane residente ad Ardea per aver fatto acquisti con monete contraffatte. Il giovane è stato fermato solo dopo aver raggirato tre negozianti pagando con banconote da 50 euro false. La segnalazione è partita da un commerciante cinese che si è accorto dell’inganno alcuni minuti dopo la vendita di un prodotto ed ha chiamato i carabinieri. I militari sono intervenuti subito trovando il ragazzo in un negozio di alimentari mentre cercava di spendere un’altra banconota falsa. Il 20enne è stato arrestato e perquisito: i carabinieri hanno trovato un’altra banconota falsa dello stesso taglio e il denaro “buono” che aveva ottenuto con lo spaccio della moneta contraffatta. I militari hanno anche accertato che nella stessa giornata il ragazzo aveva truffato un altro commerciante del posto. Il 20enne è stato trasferito nel carcere di Civitavecchia.

28 Ottobre 2017

stampa | chiudi