stampa | chiudi

REPORTAGE DA PIAZZA NAVONA

La Befana fa di nuovo tappa nella Capitale

Tra bancarelle, befane, addobbi e dolciumi, uno degli appuntamenti pił sentiti dalla cittadina romana non ha deluso le aspettative

Immagine delle bancarelle e dei partecipanti alla festa della Befana di piazza Navona. (Foto La. Ber.)

ROMA - La "Befana di Piazza Navona" è uno degli appuntamenti più tradizionali e uno dei momenti più diffusamente sentiti della città di Roma e non solo. Da quasi cento anni, tra il 5 e il 6 gennaio, la meravigliosa piazza romana, che da circa un mese si è trasformata in un mercatino all'aperto, allestita di leccornie, addobbi natalizi, saltimbanco e, soprattutto, "befane scaccia guai", rappresenta il ritrovo per romani, turisti ed appassionati per festeggiare ed incontrare la vecchia signora.    

LA FESTA A PIAZZA NAVONA. Da quasi un secolo, infatti, piazza Navona è il luogo che la tradizione lega di più all'arrivo della fata buona. La venuta della signora "con le scarpe tutte rotte e il vestito alla romana" si attende, come sempre, tra banchi pieni di calze di tutti i tipi e dimensioni, svariati dolciumi, tra cui la classica mela stregata.

LA MELA STREGATA. La befana anche se festeggiata in tutt'Italia, è a Roma che offre la festa più tradizionale. Tra le bancarelle piene di calze di tutti i tipi e dimensioni con i classici dolciumi, il dolce classico della festa della Befana a Roma è la mela stregata, una mela con un bastoncino di legno ricoperta di zucchero colorato di rosso, un chiaro rimando alla tradizionale mela della strega della favola di Biancaneve. A divertire la gente che affolla piazza Navona durante la festa un discreto numero di spettacoli di artisti di strada ed alcune Befane in carne ed ossa pronte a farsi fotografare con i passanti. A sentirsi e rimanere rapiti tra i giochi, le bancarelle, gli spettacoli ed eventi messi in scena per l'occasione non sono infatti solo i più piccoli, ma anche gli adulti che tornano ad essere un po' bambini.

dalla nostra inviata Laura Bernardini

06 Gennaio 2010

stampa | chiudi