stampa | chiudi

Dal 21 al 30 luglio si svolge l'11esima edizione

"Fara Music Festival": dieci concerti jazz invadono la Sabina

Sul palco artisti di fama nazionale ed internazionale

FARA SABINA – Dieci serate di pura musica jazz nel cuore della Sabina. Protagonista dell’estate torna, infatti, l’11esima edizione del “Fara Music Festival”. Fara per dieci giorni diventerà la Capitale del Jazz del Lazio con artisti di fama nazionale ed internazionale che si alterneranno sul palco dal 21 al 30 luglio. L’ingresso ai concerti è gratuito e tutto il programma sarà arricchito da stand dedicati all’enogastronomia e all’artigianato.

IL PROGRAMMA. Il festival aprirà i battenti venerdì 21 luglio alle ore 21:30 con il Gianni di Crescenzo Quartet; il pianista e compositore originario di Latina presenterà il suo disco appena uscito “Magic Puppet” in compagnia di Lucrezio de Seta (batteria), Dario Ronciglione (contrabbasso) e Paolo Iannarella (sassofono). Sabato 22 luglio alle ore 21:30 sarà la volta del Salvatore Russo Gypsy Jazz Trio: il chitarrista pugliese darà vita ad un viaggio nella tradizione manouche insieme a Tony Miolla (chitarra ritmica) e Camillo Pace (contrabbasso). Domenica 23 luglio alle ore 21:30 sul palco del festival è previsto il doppio concerto di Arshid Azarine + Sidewalk Cat 5tet; l’apertura sarà affidata ad Arshid Azarine, pianista di origine iraniana trapiantato a Parigi, nonché uno dei più quotati chirurghi cardiovascolari della scena internazionale. La sua musica ha contribuito alla rinascita del jazz persiano a partire dalla fine degli anni '90. Il secondo concerto della serata vedrà esibirsi Sidewalk Cat 5tet, la band vincitrice del concorso “S’Illumina” promosso dalla Siae per le nuove opere. Il quintetto, originario della Puglia, è composto da Marco Papadia (chitarrista e compositore), da Filippo Galbiati (pianoforte), da Andrea Esperti (contrabbasso), da Giovanni Martella (batteria) e da Sofia Romano (vocalist). Lunedì 24 luglio alle ore 21:30 sarà la volta del concerto dei “Karabà”, il trio formato da Alessandro Casciaro (pianoforte), Alberto Stefanizzi (batteria) e Stefano Rielli (contrabbasso); la band lo scorso anno ha visto il premio live Jazz Fara Music 2016. Martedì 25 luglio alle ore 21:30 è in programma il concerto del “Mateusz Palka Trio”, fondato lo scorso anno a Cracovia dal pianista polacco Mateusz Palka e completato da Piotr Poludniak al contrabbasso e Patryk Dobosz alla batteria. Mercoledì 26 luglio alle ore 21:30 si svolge il concerto del Jonathan Kreisberg Trio; Kreisberg, considerato tra i più notevoli ed interessanti chitarristi della scena newyorkese, sarà al Fara Music Festival con il suo trio completato da Colin Stranahan (batteria) e Philip Donkin (contrabbasso). Giovedì 27 luglio alle ore 21:30 sul palco del festival salirà la “TanoTrio” insieme al pianista statunitense David Kikoski; la band di nuovi talenti è composta da Daniele Germani (sax alto), Stefano Battaglia (contrabbasso) e Juan Chiavassa (batteria) e quest’anno si esibirà con un artista internazionale, Kikoski, che ha ricevuto una nomination ai Grammy Awards nel 2001 insieme alla allstars band di Roy Haynes. Venerdì 28 luglio alle ore 21:30 sarà la volta del concerto del Reunion Quartet Zeppetella/Gatto/Tarenzi/Deidda, il quartetto formato da musicisti che collaborano tra loro in formazioni sempre diverse e che hanno alle spalle un cospicuo numero di incisioni discografiche. Il Reunion Quartet è una band nata proprio in occasione del Fara Music Festival ed è formata da grandi artisti del jazz italiano: Fabio Zeppetella (chitarra), Roberto Tarenzi (pianoforte), Dario Deidda (basso elettrico) e Roberto Gatto (batteria). Per l’occasione il quartetto eseguirà brani originali del chitarrista e compositore Fabio Zeppetella riproposti in una chiave di lettura completamente nuova. Sabato 29 luglio alle ore 21:30 è in programma il concerto della storica band “Lingomania”. Il penultimo concerto della rassegna sabina vedrà esibirsi la band costituita negli anni ’80 e formata da Maurizio Giammarco (sax), Giovanni Falzone (tromba), Umberto Fiorentino (chitarra), Furio Di Castri (contrabbasso) e Roberto Gatto (batteria). Domenica 30 luglio alle 21:30 si svolge il concerto dell’Urbem Quartet; a chiudere l’undicesima edizione del festival sarà una formazione internazionale proveniente dall’altra parte dell’oceano. La band brasiliana è composta da musicisti giovanissimi: Bianca Bacha (voce e ukulele), Ana Paula Soares (piano elettrico), Gabriel Basso (basso) e Sandro Moreno (batteria e campionatori).

In allegato la locandina dell'evento (da scaricare)

20 Luglio 2017

stampa | chiudi