stampa | chiudi

FOTONOTIZIA

La Scuola dell’Infanzia centra l'obiettivo Europa grazie al progetto eTwinning

Le insegnanti Cefalo, Giacomini e Assogna presentano i lavori realizzati con gli allievi prima della premiazione

FIANO ROMANO – Un’avventura fantastica giovedì scorso nella sala delle conferenze del castello: i bambini della Scuola dell’Infanzia, delle sezioni I e D, hanno ricevuto un attestato/certificazione all’interno del progetto europeo eTwinnig. Una cerimonia organizzata a misura di bambino che ha visto i loro lavori e il loro impegno premiati davanti al dirigente scolastico Loredana Cascelli, al vice dirigente Lorena Tomassini, al vice sindaco Davide Santonastaso e all’ex dirigente scolastico Totò Pezzola. I bimbi e le bimbe di 4 e 5 anni sono stati accompagnati dalle loro insegnanti, Rita Giacomini, Maria Assogna e Stefania Cefalo, in un percorso durato un anno che li ha visti muovere i primi passi da cittadini europei consapevoli dell’importanza dell’ambiente e della sua salvaguardia. La cerimonia di consegna degli attestati, a cui ha partecipato anche il presidente del Consiglio di Istituto Lino Aucelli, è stata preceduta dalla visione di video e da una carrellata di immagini che ritraevano il percorso intrapreso dalle due classi all’interno del progetto eTwinning. “Oggi a scuola si lavora su compiti che uniscono la conoscenza all’esperienza – ha detto l’insegnante Stefania Cefalo, coordinatrice del progetto – i bambini delle due sezioni hanno ricevuto l’attestato “Io ci tengo” durante la Giornata Mondiale della Terra grazie ad un cartoon realizzato da loro ed un altro importante premio durante l’Internet Day del progetto eTwinning che ha visto la nostra scuola posizionarsi al 30esimo posto sui 600 istituti partecipanti”. Nel corso della manifestazione sono state proiettate le foto dei diversi lavori a cui hanno partecipato le due classi: una passeggiata ecologica, la giornata di collegamento tramite Skype con una scuola della Romania, l’iniziativa con la quale hanno sperimentato e realizzato le bandiere degli Stati, il cerchio “sapere e saper fare” tramite il quale sono stati sviluppati dei personaggi attraverso l’utilizzo di soli tre materiali di recupero: una bottiglia e un piatto di plastica e un foglio di giornale; successivamente questi personaggi hanno dato vita ad un video-racconto registrato con le loro voci in inglese. I bambini nel corso dell’anno hanno intervistato gli amministratori locali e tramite lo sviluppo di un orto a scuola hanno avuto contatto con la natura e la gestione/produzione della terra. “Il progetto eTwinning ci ha permesso di lavorare in due sensi: la cittadinanza attiva e il rispetto dell’ambiente – ha concluso la maestra Cefalo – i bimbi hanno partecipato anche alla “Caccia al rifiuto” con dei percorsi in giardino e hanno costruito delle “Eco-machine” con i contenitori dei rifiuti. Anche a mensa sono stati applicati questi principi”. L’evento si è concluso con la consegna degli attestati-certificato di qualità eTwinning a tutti i piccoli partecipanti.

di Gioia Maria Tozzi

22 Ottobre 2016

stampa | chiudi