stampa | chiudi

Si tratta di un operaio di 53 anni

Picchia la nipote e il suo bambino: i carabinieri arrestano lo zio

L’uomo dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia

POGGIO MIRTETO – Picchia la nipote e il figlioletto: in manette un operaio di 53 anni. I carabinieri, intervenuti nell’abitazione dove era scoppiata la lite, lo hanno fermato mentre ancora inveiva contro i suoi familiari. La donna e il figlio sono stati trasferiti in ospedale per le contusioni e il trauma cranico riportati. L’uomo si trova ora nel carcere di Rieti, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria: dovrà rispondere del reato di maltrattamenti in famiglia.

IL FATTO. I carabinieri della Compagnia di Poggio Mirteto hanno arrestato un operaio di 53anni che, per futili motivi derivati dalla convivenza nella stessa abitazione, aveva picchiato la nipote e il suo bambino. I militari, intervenuti dopo una telefonata al 112, una volta giunti sul posto hanno trovato l'operaio che minacciava e inveiva contro i due familiari. Poco prima la nipote e il figlio erano stati malmenati dallo zio: i carabinieri hanno potuto constatare i fatti dagli evidenti segni delle percosse. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno ritenuto opportuno trasportare madre e figlio in ospedale. I due sono stati medicati e dimessi con una prognosi di cinque giorni per le contusioni alle mani e ai polsi riportati dalla donna e di tre giorni per il trauma cranico del bambino.

di Gioia Maria Tozzi

12 Luglio 2016

stampa | chiudi