stampa | chiudi

La 46enne e’ stata trasferita in carcere

Una donna in manette per violenze e minacce contro il marito

L’intervento dei carabinieri del Norm della Compagnia di Poggio Mirteto

FARA SABINA – Scattano le manette per una donna di 46 anni: i carabinieri l’hanno fermata durante l’ultimo episodio di violenza contro il marito. I dissidi duravano da tempo: sembra che la donna chiedesse soldi al consorte per tornare in Nigeria, suo Paese di origine. Ai rifiuti dell’uomo lei rispondeva con violenze e minacce. La donna è stata trasferita nel carcere di Rebibbia a Roma.

IL FATTO. I carabinieri del Norm della Compagnia di Poggio Mirteto ieri sera sono dovuti intervenire in una abitazione del paese dopo una chiamata al 112. Stavolta a finire nei guai per continui maltrattamenti nei confronti del marito è stata una donna: E.G., 46enne di origine nigeriana ma residente in Italia, sposata con un italiano originario del Molise. Giunti sul posto i militari hanno trovato la 46enne in forte stato di agitazione che si scagliava contro il marito. La donna è stata trattenuta a fatica dai carabinieri e ha continuato ad inveire ed a profferire gravi minacce, anche di morte, nei confronti del consorte in loro presenza. L’uomo non ha reagito e subito passivamente violenze e minacce. I dissidi tra i due coniugi sarebbero nati dalla volontà della 46enne di lasciare il marito e tornare in Nigeria; per andare via la donna pretendeva che il consorte elargisse denaro per il viaggio, nonostante le precarie condizioni economiche in cui vivevano. Dopo le formalità di rito la 46enne è stata arrestata.

di Gioia Maria Tozzi

01 Aprile 2016

stampa | chiudi