stampa | chiudi

MONDIALI BRASILE 2014

Il Brasile non c', l'Olanda conquista la finalina: 0-3

Van Persie, Blind e Wijnaldum i marcatori

BRASILIA - Finalmente il mondiale per il Brasile è finito. La semifinale persa per 7-1 contro la Germania ha lasciato "ferite" troppo grandi per essere rimarginate in fretta. Neanche la finalina per il terzo e quarto posto, giocata ieri sera allo stadio "Nacional", ore 22 italiane, ha restituito un po' di gioia al popolo brasiliano. Partita a senso unico, i verdeoro giocano senza mordente, demotivati, aspettano senza reagire il fischio finale. L'Olanda invece cerca di fare bella figura, scende in campo aggressiva come al solito e, aiutata anche dall'arbitro, rifila un sonoro 3-0 senza appello. Sale sul podio e saluta la competizione a testa alta.

LA PARTITA. Il match inizia subito nel peggiore dei modi: la difesa brasiliana si apre e consente a Robben di penetrare nel cuore dell'area e procurarsi un calcio di rigore comunque ingiusto. La trattenuta di Thiago Silva, da ultimo uomo, avviene nettamente fuori, ma l'arbitro prende un abbaglio, concede il penalty e dimentica il cartellino rosso in fondo al taschino. Forse per non infierire. Van Persie, con il gol del vantaggio, sembra riannodare i fili di una tragedia sportiva che accompagnerà i brasiliani per sempre, anche se questa gara è di una caratura diversa, vale molto meno e il Brasile quanto meno non precipita. L'Olanda conservativa e opaca vista in semifinale con l'Argentina, invece, torna spumeggiante, certamente agevolata dagli avversari. A Robben sembra riuscire tutto. Il giocatore del Bayern dà il via anche all'azione del 2-0: scatto fulmineo, suggerimento per De Guzman, poi è David Luiz a servire a Blind un assist delizioso per il raddoppio. I fischi cominciano a piovere sulla testa della Seleçao, Neymar in panchina si nasconde e la gara va avanti senza troppi sussulti, almeno sul piano nervoso. Per i verdeoro i più attivi sono Maicon e Oscar, il quale impegna Cillessen con una delle rarissime conclusioni in porta. Jo fa il paio con Fred: si allarga e sparisce con tempismo maniacale. All'intervallo c'è spazio solo per la protesta del pubblico. Negli spogliatoi c'è poco da riorganizzare. Paulinho è il primo a finire sotto la doccia – spazio a Hernanes -, il Brasile ci mette un po' di convinzione in più ma non aggredisce mai gli ultimi sedici metri, anche se l'Olanda qualche spazio lo concede. Robben non fa 3-0 per il miracolo di Thiago Silva e sull'altro fronte ci sarebbe anche un rigore su Oscar, tirato giù in area da Blind. L'arbitro è il peggiore in campo e ammonisce il brasiliano per simulazione. Anche i direttori di gara, dopo l'"incoraggiante" esordio con la Croazia, voltano le spalle a Scolari e soci. Che nel finale si vedono trafitti da Wijnaldum, con l'Olanda che chiude in superiorità numerica persino dentro l'area di Julio Cesar. E' finita, il Mondiale è andato. Restano solo le macerie e una fretta assurda di ricostruire. 

TABELLINI E PAGELLE:
BRASILE-OLANDA 0-3

- BRASILE (4-2-3-1): Julio Cesar 5; Maicon 6,5, David Luiz 4,5, Thiago Silva 6, Maxwell 4; Luiz Gustavo 5 (46' Fernandinho 6), Oscar 6,5; Paulinho 4 (58' Hernanes 5,5), Ramires 6 (73' Hulk sv), Willian 5; Jo 4. A disp.: Jefferson, Victor, Dani Alves, Dante, Henrique, Marcelo, Bernard, Fred, Neymar. All.: Scolari 4
- OLANDA (5-3-2): Cillessen 6 (90' Vorm sv); Blind 7 (69' Janmaat 6), De Vrij 6,5, Martins Indi 6, Vlaar 6,5, Kuyt 6,5; Clasie 6,5 (89' Veltman sv), De Guzman 6,5, Wijnaldum 7; Robben 8, Van Persie 7. A disp.: Krul, Kongolo, Verhaegh, De Jong, Fer, Depay, Huntelaar, Lens. All.: Van Gaal 7
- MARCATORI
: 3' Van Persie rig. (O), 17' Blind (O); 90'+1 Wijnaldum (O).
- ARBITRO: Djamel Haimoudi. 
- AMMONITI: Fernandinho, Oscar, Thiago Silva (B), De Guzman, Robben (O).
- NOTE: angoli 4-1. Rec.: pt 2', st 5'

di Valerio Ercoli

13 Luglio 2014

stampa | chiudi