stampa | chiudi

Il programma dal 27 giugno al 6 luglio

Al via il "Flipt" al teatro Potlach tra seminari, laboratori e spettacoli

Tutto pronto per il "Festival Laboratorio Interculturale di Pratiche Teatrali"

FARA SABINA – Dieci giorni tra seminari, incontri e spettacoli: dal 27 giugno al 6 luglio il teatro Potlach ospita il "Flipt", il Festival Laboratorio Interculturale di Pratiche Teatrali. Durante il programma interverranno pedagoghi di livello internazionale, come Eugenio Barba fondatore del Odin Teatret in Danimarca, Parvathy Baul attrice e danzatrice dall’India e l’attrice Keiin Yoshimura dal Giappone. Tutti i pomeriggi ci saranno incontri con registi, giornalisti, critici, drammaturghi, direttori artistici di festival e rassegne dall’Italia e dall’estero; e, ancora, tutte le sere, spettacoli e performance internazionali. L'evento è stato organizzato dal Teatro Potlach in collaborazione con l'Ista, l'International School of Theatre Anthropology, con il contributo dell'assessorato alla Cultura e alle Politiche Giovanili della Regione Lazio, la collaborazione dell'Università La Sapienza di Roma e del Centro Teatro Ateneo e il patrocinio dell'Atcl e dell'assessorato alla Cultura del comune.

LABORATORI E RAPPRESENTAZIONI: IL PROGRAMMA. I laboratori si svolgeranno al mattino e nel primo pomeriggio; la giornata proseguirà poi con incontri, aperti al pubblico, dove si discuterà di regia, teatro, letteratura e si metteranno a confronto le iniziative e il futuro delle arti nel mondo. Interverrano, tra i tanti, Franco Cordelli, giornalista e scrittore de Il Messaggero, James Jordan, regista e direttore artistico Touchstone Theatre, dalla Pennsylvania (Usa) e Riyas Komu, direttore artistico della Biennale di Arte di Kochi in India. Tutte le sere alle ore 21 ci saranno spettacoli e rappresentazioni. Ad aprire la rassegna venerdì 27 giugno sarà la proiezione di ventisette filmati inediti dell’Odin Teatret commentati da Eugenio Barba. Sabato 28 giugno seguirà lo spettacolo dell’Odin Teatret, “Il Castello di Holstebro”. Il 29 giugno e il 1 luglio vanno in scena gli spettacoli del teatro Potlach “Fellini’s dream” e “20mila leghe sotto I mari”; il 30 giugno, invece, ci sarà la dimostrazione di lavoro “Vision”, dell’associazione Aesop Studio. Il 2 luglio la pedagogista indiana Parvathy Baul interpreterà “Bride of god”, mentre il 3 luglio ci sarà lo spettacolo “72 Migrantes/Altar” della compagnia ospite dal Messico Zynaia Teatro. Il 4 luglio va in scena lo spettacolo "Yuki e Yashima” di Keiin Yoshimura (Giappone). Il festival chiuderà con una installazione del Potlach “Angeli sulla città”. Il piccolo borgo medievale verrà trasformato per una notte, il 5 luglio, con proiezioni giganti e scenografie aeree che incanteranno lo spettatore in un percorso itinerante.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI. Per ulteriori informazioni è possibile contattare il numero telefonico 0765.277080. In allegato la locandina del festival (da scaricare)

di Roberto Grande

25 Giugno 2014

stampa | chiudi