stampa | chiudi

PENSIERI AD ALTA VOCE

La tempesta perfetta e il coraggio di scegliere

La libertà in alternativa all’inevitabile

Quando ho cominciato ad amarmi davvero, mi sono liberato da tutto ciò che non mi faceva bene: cibi, persone, cose, situazioni e da tutto ciò che mi tirava verso il basso, allontanandomi da me stesso. All’inizio lo chiamavo “sano egoismo”, ma oggi so che questo è AMORE DI SE’ ”. (Kim e Alison McMillen)

Si dice che poco prima di morire tutta la vita ci scorra davanti come in un film, un fiume di immagini, parole ed emozioni che abbandonano la nostra anima che, finalmente pura, sarà pronta per andare oltre (alcune anime non lo saranno mai "pure", ma questo è un altro discorso). Ma qualcosa del genere può accadere anche senza che si debba lasciare questa vita per sempre: ci sono eventi, infatti, che sono talmente drammatici o semplicemente tanto intensi, che provocano lo stesso effetto di una bomba atomica su un castello di sabbia.
Ad esempio può capitare, in una tranquilla giornata di sole, di essere travolti da un terremoto e uno tsunami che distruggono in pochi istanti tutte le costruzioni edificate sulla sabbia, restano in piedi solo quelle costruite su roccia solida. Si dissolvono sotto tonnellate di roccia e tra i flutti tumultuosi tutti i sogni ingannevoli, le fantasie irreali, gli amori illusori e le finte amicizie. E dopo non è più il tempo delle maschere e dei sotterfugi, ci si ritrova nudi e soli ad affrontare la Vita, una madre che ai suoi figli toglie e dona con uguale generosità. Quello che ha distrutto è solo quello che meritava di essere demolito e non per caso ha risparmiato le cose vere, le cose costruite con i sacrifici del cuore e dell’anima.
L’Amore puro, l’onestà, la sincerità, il perdono, il sacrificio sono i pilastri su cui si regge davvero la nostra esistenza, il resto sono soltanto muri di cartone colorato, possono sembrare solidi e possono dare l’impressione di essere veri, ma al primo tremore si scoprono per quello che sono…e crollano miseramente al suolo.
Tutto questo non è mai indolore, un terremoto è pur sempre un terremoto, per quanto selettivo porta inevitabilmente con sé anche effetti collaterali, provoca ferite e, sotto a queste, si scoprono i nervi sensibili, punti nevralgici della nostra esistenza.
E quando la terra smette di tremare, quando passa la tempesta si ha davanti solo l’essenziale, sotto un cielo finalmente limpido si ha la reale consapevolezza di se stessi e di ciò che veramente ha valore. E a quel punto che si comincia a ripulire la propria anima, eliminando per sempre i pesi che ci impedivano di volare, accatastando e bruciando come foglie secche le bugie e gli inganni, le falsità e ogni genere di finzione.
Ripulire la propria vita è un lavoro duro, impegnativo, ti ritrovi a fare delle scelte che mai avresti pensato di poter fare, eppure le fai e subito dopo aver scelto ti ritrovi in un’esplosione di Luce che spazza via le incertezze, ti apre gli occhi e in quel preciso istante ti rendi conto di averli tenuti sempre chiusi, realizzi di aver solo sognato di vivere.
Finalmente COMPRENDI davvero.
Comprendi chi sei e chi sono gli altri che ti circondano, non hai più bisogno di giustificare perché la verità è lì, è con te e dentro di te, non hai più bisogno di cercare niente perché hai già tutto. E da quel momento tutto diventa più semplice: tagli i rami secchi, allontani coloro che ti hanno fatto sempre sentire inadeguato insinuando che li hai usati, quando invece è stato esattamente il contrario, capisci che è stato fatto un uso e abuso qualunque di te.
Non ci vuole troppo tempo, hai aspettato fin troppo e adesso la verità ha fretta, ti liberi, respiri, sorridi, lotti e ami… e lo fai sotto un cielo limpidissimo; quello che sembrava “inevitabile” ormai è solo una foto ingiallita e polverosa, la vita passata diventa un abito logoro che si butta nella spazzatura perché troppo rovinato e troppo indecente per poterlo anche solo conservare.
Niente del passato ti tenta, hai un presente da vivere e un futuro da costruire, nessuna possibilità di restare fermo ad aspettare, la felicità non aspetta nessuno: con te hai tutto, hai te stesso e hai l’amore che ti avvolge, non hai bisogno di altro.
Adesso sei pronto per il viaggio, adesso sei pronto per vivere.

di Roberto Grande

19 Ottobre 2013

stampa | chiudi