stampa | chiudi

Dal 5 allí8 settembre nel centro storico

800 artisti nel borgo per la nona edizione di ďARTEr.i.e."

Attori, performer, musicisti, cantanti, giocolieri, acrobati, pittori, scultori, disegnatori per la rassegna

CANTALUPO IN SABINA - Quattro giorni densi di arte, spettacoli e musica nel borgo, dal 5 all’8 settembre, per la nona edizione della Rassegna di Ipotesi Espressive “ARTEr.i.e.”. Per l’occasione, le vie del centro storico si trasformeranno dando vita a dei percorsi, ognuno dedicato ad ogni arte: cinema, arti visive, teatro,  letteratura e poesia, poi ancora danza, musica vocale e strumentale, arti circensi e infine giocoleria. In ogni percorso, ogni sera, si esibiranno moltissimi artisti a rotazione premettendo al pubblico di esplorare liberamente il paese per poi confluire nella piazza principale per gli spettacoli a chiusura di ogni serata. Novità di quest’anno, oltre all’aumento quantitativo e qualitativo dei corsi, anche un campus di artisti con vari laboratori attivi proprio per creare uno spazio per lo scambio e il confronto. I percorsi artistici saranno aperti dalle ore 21 alle ore 23, a seguire le performances finali. 

GLI SPETTACOLI FINALI. Giovedì 5 settembre si parte con i Wogiagia in concerto e con lo spettacolo-reading di Davide Rondoni. Venerdì 6 settembre sono in programma due concerti: i Tom Shepperd’s Production e i Filippo Cosentino Trio; ma anche la presentazione del libro “I racconti di Nenè” e tre spettacoli fra il teatro e l’immagine a cura di Luceombra, Nadia Lisanti e della Compagnia Teatral Poetica Antores. Sabato 7 settembre sarà la volta del grande concerto jazz, vera punta di diamante di questa edizione di ARTEr.i.e., organizzato da Rita Marcotulli con la partecipazione straordinaria di tantissimi artisti internazionali come Prabhu Edouard  (tabla), Nguyen Le (chitarra elettrica), Marije Nie (tiptap), Ares Tavolazzi (contrabasso), Israel Varela (batteria e percussioni), Javier Girotto (sax) e Badara Seck (voce). Inoltre ci sarà lo spettacolo-omaggio a Gabriella Ferri “E mentre piango rido” del Teatro Kappao di Formia. Domenica 8 settembre si chiude con lo spettacolo “La taverna dei francesi” di e con Giovanni Avolio.

I LABORATORI.  Tra i tanti corsi attivati spiccano: il seminario musicale “Rhithmània” diretto da Rita Marcotulli che si avvarrà della collaborazione di vari musicisti internazionali come Prabhu Edouard, Luciano Biondini, Javier Girotto, Nguyen Le, Marije Nie, Michele Rabbia, Badara Seck e Israel Varela, il laboratorio di costruzione di burattini in gommapiuma “Maningioco” diretto da Franco LaoTan e Sabrina Ceccobelli. Saranno presenti, inoltre, gli insegnanti e gli artisti della Scuola Romana di Circo, che proporranno dei corsi rivolti a tutti, dai ragazzi agli adulti, dove sarà possibile apprendere le basi delle principali materie circensi, quali l’acrobatica e le discipline aeree. Patrizia Rotonda, dopo le passate edizioni, tornerà con un nuovo laboratorio di composizione vocale estemporanea, Multivocale.  Filippo Romano proporrà invece un laboratorio sulla “Misteriosa Storia della Fotografia”, rivolto a appassionati e curiosi. Infine, Nadia Lisanti, con Rocco Piciulo e ad altri collaboratori, realizzerà un laboratorio attoriale in lingua LIS (lingua italiana dei segni). 

di Linda Massari

04 Settembre 2013

stampa | chiudi