stampa | chiudi

SUPERBIKE 2013 - GP ITALIA

Melandri riparte da Monza

Laverty resiste all'attacco di Melandri e vince gara 2. Battaglia di ricorsi tra Guintoli e Sykes

L'aria di casa fa bene al pilota Marco Melandri, che nel GP di Monza del campionato Superbike, arriva primo in gara 1 e secondo in gara 2. Il romagnolo con la sua BMW, dopo le brutte prestazioni dei GP precedenti, riesce a fare un balzo importante nella classifica dei piloti, aggiudicandosi la quarta posizione in campionato a 96 punti. Protagonisti in positivo di questa domenica italiana sono stati: l'irlandese Eugene Laverty, che soffia il primo posto a Melandri in gara 2, Tom Sykes con la sua Kawasaki e il francese Sylvain Guintoli, che scende dal podio in gara 2 appellandosi alla Direzione Gara per una posizione non ceduta da Sykes nelle ultime curve. Degli italiani importante piazzamento di Michel Fabrizio, sesto in gara 1 e quinto in gara 2 con la sua Aprilia. Il pilota Davide Giugliano invece chiude decimo in gara 1, a causa di un problema ai freni che gli hanno negato la possibilità di un miglior piazzamento, e sesto in gara 2.

GARA 1. La rinascita di Melandri avviene sul circuito di Monza. Nella prima manche, inizialmente, è Laverty che parte forte tirandosi dietro il gruppetto formato da Melandri, Sykes e Guintoli. Nei 18 giri della gara i quattro piloti non si risparmiano manovre a limite, staccate furibonde e sorpassi con il fiato sospeso. Arriva l'ultimo giro, quello della verità. Il francese Guintoli ormai distanziato rimane dietro a guardare, mentre lì davanti Melandri riesce a prendere la scia a Sykes e a mettersi davanti. Le moto tagliano il traguardo quasi nello stesso istante, ma è Melandri a vincere in volata davanti alla Kawasaki di Sykes e all'Aprilia di Laverty.

GARA 2. Parte nel pomeriggio la seconda manche della Superbike, che vede protagonisti i soliti quattro della mattina. Melandri, Guintoli e Sykes fanno una corsa più tattica, all'inseguimento del capo-gruppo Laverty. L'inglese Sykes dopo aver battagliato nei primi giri, sembra essere quello che soffre di più rispetto agli altri e rimane stabile in quarta posizione. All'ultimo giro Melandri ci riprova, tentando di beffare anche Laverty, ma l'irlandese chiude ogni spazio e passa primo sul traguardo di gara 2. Per il terzo posto invece si fronteggiano Guintoli e Sykes, che dopo aver superato il francese arriva lungo in curva, ma rientra in fretta mantenendo la terza posizione che occupava prima di diritto; Guintoli contrariato per questa mossa irregolare, a sua parere, fa ricorso e chiama in causa la Direzione di Gara, che invece darà ragione a Sykes. Finisce la gara con la vittoria di Laverty, secondo Melandri e terzo Tom Sykes con la sua Kawasaki. Nella classifica generale, rimane in testa Guintoli a 137 punti; secondo Laverty a 124 e terzo Sykes a 119, separati da soli cinque punti.

di Daniele Franco

14 Maggio 2013

stampa | chiudi